10°

28°

Spettacoli

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema
Ricevi gratis le news
0

 Lisa Oppici

 È difficile che al termine di un film, prima dell’incontro dell’autore col pubblico, nessuno o quasi si alzi per uscire: di solito, più o meno, circa un quarto di sala se ne va, o lascia poco dopo. Domenica sera al Cinema D’Azeglio, ospite il regista di «La pecora nera» Ascanio Celestini, non s'è mosso praticamente nessuno. Forse perché, conoscendo Celestini, chi era venuto ad ascoltarlo s'aspettava che lo «spettacolo» non sarebbe finito con la proiezione. 
E in effetti è stato così, con Celestini fluviale e incontenibile nel suo affabulare, nel suo romanesco pieno di «de» («de più»), di «ce stanno», di «stavamo a fà». È un diluvio di parole, Celestini, e la gente si fa volentieri trascinare. Parla del film, certo, e della tematica manicomiale che ha scelto di affrontarvi, ma anche di molto altro: dall’assoluta mancanza di privacy di oggi a Shakespeare, passando per il rapporto fra teatro e cinema. Accanto a lui il critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi e Sergio Buttiglieri del D’Azeglio. «Il superamento dei manicomi? Fu soprattutto una "questione di popolo". Quelli che hanno fatto il lavoro grosso sono stati gli infermieri, le suore, i frati, quelli che a un certo punto hanno deciso che il mondo doveva prendere davvero un’altra strada», spiega, precisando però che non si può dire che i manicomi siano del tutto superati: «È la coscienza, la consapevolezza, che combatte l’istituzione manicomiale... Nel film io volevo raccontare che il manicomio è qualcosa che ci appartiene: come forma mentale, come qualità della relazione; per questo non potevo dire che erano superati perché in una certa misura ci sono ancora. Perché ci sia il manicomio non ci deve essere per forza tutta la struttura attorno...».
Tra gli attori di «La pecora nera» volti noti e facce sconosciute: «Ho voluto scegliere persone intelligenti, con cui parlare anche d’altro. Secondo me si deve far così: puntare su persone con cui si possa dialogare e ragionare», racconta, sottolineando la linea di rigore scelta per l’opera: «Il mio impegno in questo film era cercare di essere il più rigoroso possibile, senza ammiccamenti. A teatro è diverso: io penso che il film sia meno "ruffiano" dello spettacolo teatrale». Quanto al mestiere, Celestini è chiaro: «Una mega produzione alla Ronconi? Non ne sarei capace... Se mi dai otto attori e mi fai fare Shakespeare, io non sono capace... Shakespeare, Molière... Io so che sono dei geni, ma proprio non ce la faccio. Io devo parlare di cose che mi appartengono... Anche 'sta storia di Shakespeare contemporaneo... Per me un contemporaneo è uno con cui andare a bere un bicchiere di vino: se non lo fa, o è astemio, come Travaglio, o è morto...».   
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno