18°

28°

spettacoli

L'«El Dorado» di Shakira tra musica e figli

«La vita familiare sa sorprendermi ogni giorno non è stato facile reimmaginarmi nello showbiz»

L'«El Dorado» di Shakira tra musica e figli
Ricevi gratis le news
0

«Milan, te gusta?». Il figlioletto di quattro anni col nome da club e il destino segnato, ha un bel sorriso e lo sguardo stanco. Nella cornice medievale del Convento des Angels di Barcellona deve aspettare fino alle 23 per vedere mamma Shakira in scena. Papà Piqué non c’è, impegnato con quel Barça di cui è bandiera assieme a Neymar e Lionel Messi, ma c’è da lanciare il nuovo album «El Dorado» davanti alla stampa europea e la quarantenne cantante colombiana ha voluto attorno la famiglia.

Pensando anche a Milan, “Shaki” si limita al minimo sindacale; quindici secondi di red carpet accecata dai flash dei fotografi, un quarto d’ora di canzoni, e poi via a casa, a metterlo a letto. Sono sette anni, d’altronde, che la sua vita è così; divisa tra lavoro e famiglia. Per crescere il suo piccolo e il fratellino Sasha, 2 anni, è dal 2010 che latita dai palcoscenici, ma la lontananza sta per finire, come premette lei stessa nell’attesa di annunciare un nuovo tour mondiale con tappa il 3 dicembre al Forum di Assago. Tutto col sostegno in hit-parade del nuovo singolo “Me enamoré”; dedicato, ça va sans dire, all’amato Gerard.

Shakira, perché “El Dorado”?

«Perché ho sempre avuto una passione per la mitologia e per questa città fantastica che il mito vuole inghiottita dalle acque della Laguna di Guatavita con la sua arte e i suoi tesori. Per me anche uno stato mentale perché la città dell’armonia, come la leggenda racconta fosse El Dorato, può vivere anche dentro di noi; basta dedicarsi alla sua ricerca con capacità e attitudine».

E’ stata dura tornare dopo sette anni di relativa inattività, nonostante la pubblicazione dell’album che porta il suo nome?

«Il desiderio di immergermi nuovamente nella musica c’era, ma con una famiglia a carico non avrei potuto certo concedermi il lusso di passare in studio un anno e mezzo a lavorare come accadeva un tempo. Poi ho capito che avrei potuto cambiare metodo e consegnare le canzoni via via che erano pronte, senza sottostare ad una scadenza precisa per la consegna dell’intero lavoro. Quando ho iniziato il processo di produzione, però, tutto è scivolato via abbastanza velocemente».

In questi anni lei è cambiata, ma è cambiato pure il mondo della musica che le gira attorno.

«Effettivamente non è stato facile reimmaginarmi nello showbiz. La mia Fondazione prosegue con successo la sua attività a favore dei bambini in difficoltà, la vita familiare sa sorprendermi ogni giorno con nuove soddisfazioni, mentre la musica dà meno certezze; anche se penso che l’avvento della rete l’abbia resa più democratica togliendo alle radio il potere di decidere cosa va e cosa no».

Com’è cambiata, invece, la musica dopo i fatti di Manchester?

«La volontà di non arrendersi e andare avanti è più forte dell’ansia scatenata dal terrorismo. Il concerto di Ariana grande & friends stato un evento importante perché ha dimostrato che la musica può aiutare ad allontanare la paura. Anche se non credo che, dopo quei fatti luttuosi, la gente associ in qualsiasi modo il pop al terrorismo».

Cosa ascolta di più in questo momento?

«Mi piacciono i Chainsmokers e quella ‘Something just like this’ che hanno realizzato con i Coldplay. A proposito, il 6 luglio canterò ad Amburgo proprio con Chris Martin, Ellie Goulding e Pharrell Williams sul palco del Global Citizen Festival, il concerto organizzato per spingere il leader del G20 ad impegnarsi per mettere fine ai casi di povertà estrema diffusi in ampi strati della popolazione mondiale».

Da ambasciatrice di buona volontà dell’Unicef s’è molto impegnata con Piquet nella beneficenza. Quanto è importante per una coppia famosa trovarsi unita pure nelle questioni sociali?

«Pur essendo molto uniti, io e il mio fidanzato rimaniamo abbastanza indipendenti in certe attività. Questo non impedisce, però, che a volte le nostre ‘charity’ possano incontrarsi. Un paio di anni fa, ad esempio, la mia Fundación Pies Descalzos e il Barcelona Football Club hanno portato avanti un progetto congiunto per la creazione di impianti sportivi a Miami e a Cartagena chiamato “Fútbol para el desarrollo de la juventud y la vida sana”. Un’iniziativa che ci ha reso molto orgogliosi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"