16°

28°

Spettacoli

I batteri dell'illegalità nel latte andato a male

I batteri dell'illegalità nel latte andato a male
Ricevi gratis le news
1

di Filiberto Molossi
Non so voi, ma io da questo film mi sento rappresentato. E rassicurato, anche. Perché nell'invasione (barbarica?) dei manuali d'amore, dei maschi e delle femmine, degli Zalone e degli Albanese, mi fa piacere sapere che in Italia c'è ancora posto per un cinema così, che alle rose preferisce le spine, che cerca guai, che pesca nel torbido interrogando la realtà senza pretendere di sapere in anticipo le risposte. E' un bel film «Il gioiellino» - di cui ci siamo già ampiamente occupati sulla Gazzetta di mercoledì scorso, in occasione dell'anteprima romana - e lo è soprattutto perché usa il crac Parmalat, quell'emblematica caduta libera, per raccontare un presente (e un Paese ben più grande di Collecchio) dove «ognuno vuole la sua fetta e il piatto resta vuoto» e in cui «a nessuno conviene accorgersi di niente».  Un tessuto melmoso nel quale crescono e si riproducono i batteri dell'illegalità, laddove è più stridente la paradossale schizofrenia dell'essere e dell'apparire: i valori ostentati ma esclusivamente di facciata, la fede esibita, il perbenismo colluso di un capitalismo in apparenza etico e invece mascherato, fasullo, famelico, cialtrone. Che al silenzio dell'eutanasia  preferisce il clamore del crollo. Non sono solo i Tanzi e i Tonna (a loro hanno già pensato i giudici) ad  andare alla sbarra, stavolta: ma un intero sistema e la sua deriva anche morale. Quell'intreccio guasto (come il latte andato a male) tra poteri  forti (i ricatti delle banche, la complicità dei politici, le mazzette ai finanzieri, l'approvazione della chiesa), terreno fertile per un crac che è stato ieri ma che potrebbe essere anche domani. 
Ritratto amaro e in controluce del provincialismo (e della provincia), «Il gioiellino» racconta ascesa e disastro della Leda, una multinazionale del latte, attraverso tre personaggi principali: il patron che si è fatto da solo,  il decisionista e brusco direttore finanziario e la nipote del primo. Forte di interpreti molto azzeccati e in palla (in particolare Servillo, monumentale nel dare spessore con un niente a un manager che nella solitudine della sua casa indossa il maglione aziendale e quando dorme digrigna i denti...), il film di Molaioli («La ragazza del lago») recupera con umiltà la lezione dei Petri e dei Rosi, non disdegnando qualche tocco grottesco alla Ferreri, sposando un rigore anche stilistico che è la cifra stessa di un cinema che non cambia i connotati alla realtà con il bianchetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • andrea

    07 Marzo @ 09.25

    Il film mi ha conquistato.sa raccontare gli imbrogli di una provincia dalla mentalità molto borghese e falsa che riesce a rovinare tanta gente.Leggevo in un altro articolo che non ha conquistato i parmigiani e forse chi abita nel mondo delle apparenze ma ad interpretare i personaggi ci sono valenti attori,lo straordinario napoletano Toni Servillo e il bravissimo Remo Girone,che hanno reso egregiamente l'idea dei Falsi valori quelli che dovrebbero inquietare e angosciare le città dove sembra vivere "una vita tranquilla"

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

3commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

8commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"