14°

27°

Spettacoli

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove
Ricevi gratis le news
0

Francesca Benazzi
Ho scritto il mio primo testo teatrale a 17 anni: così ho scoperto di essere un drammaturgo, ho capito chi ero. Adesso di anni ne  ho 72, ma sono più eccitato a scrivere un dramma oggi che allora. Questa è una grande fortuna».  Parola di Israel Horovitz, uno dei più grandi autori contemporanei americani, tradotto e rappresentato in tutto il mondo, che si è raccontato giovedì in un incontro con il pubblico a Teatro Due (dove proseguono fino al 31 le repliche del suo «La fila»/ «Line», a cura di Walter Le  Moli).
Gli inizi del suo percorso artistico, l’incontro folgorante divenuto poi lunga amicizia con Samuel Beckett, il  legame con Eugène Ionesco, il rapporto con le messe in scena dei suoi testi sui palcoscenici di tutto il mondo: Horovitz ha incantato il pubblico con la semplicità dei grandi maestri unita al gusto per gli aneddoti più divertenti.  Nell’introdurlo il direttore artistico di Teatro Due Paola Donati  ha ripercorso la sua lunga carriera d’autore tra cinema (dove è stato pluripremiato sceneggiatore con film come «Fragole e sangue», «Sunshine», «Author! Author!» con Al Pacino) e  teatro (dove ha scritto più di 70 drammi tradotti in oltre 30 lingue,  tra cui «Line», il suo testo più rappresentato al mondo, dal 1975  ininterrottamente in scena a New York, interpretato tra gli altri da John Cazale e Richard Dreyfuss).  Horovitz ha raccontato del suo primo indelebile incontro con la scena, quando a 12 anni, portato a teatro dai genitori, si rese conto «che esisteva un’attività come la drammaturgia, che poteva trasportare gli spettatori altrove». Più tardi,  nel ’68 a Parigi, l’amicizia con Beckett significò per lui «la porta aperta verso quel mondo nel quale volevo vivere».  Horovitz ricorda che lo sorprese «la sua integrità  come artista, che per me era più importante di quello che scriveva. Ho imparato da lui che ciò di cui le persone hanno bisogno non sempre coincide con ciò che vogliono: quello che interessa al pubblico a volte non è nell’interesse del pubblico».  Da Beckett, come da Ionesco, che si sono appassionati a lui quando  era ancora un giovane autore, Horovitz ha imparato a sua volta  ad avere a cuore  il lavoro delle nuove generazioni. E su «Line», in scena  in questi giorni nella nuova produzione di Teatro Due che Horovitz ha definito «splendida», ha commentato: «L’ho scritto 40 anni fa e non riesco a immaginare quante volte l’ho visto in scena e in quante lingue: solo quest’anno ho seguito la sua tournée in Africa, Argentina e Australia. Non so perché abbia un tale successo, ma sono contento di averlo scritto». In fondo, ha concluso il drammaturgo, «come autori abbiamo una responsabilità, ma credo sia importante anche far ridere. Se le persone non ridono mai non si possono rendere conto di quanto sia seria la situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover