16°

29°

Spettacoli

Cinema recensioni - Le cronache di Narnia: il principe

Ricevi gratis le news
0

 Eccoli di nuovo a Narnia, i quattro fratelli Pevensie. Peter, Susan, Edmund e Lucy. Un giorno se ne stanno belli belli ad aspettare la metropolitana (siamo nell’Inghilterra della seconda guerra mondiale) e in un batter d’occhio eccoteli appunto di là, nel mondo «altro», dove dalla loro precedente avventura non è passato un anno bensì 1.300. I ragazzi sono stati chiamati dal principe Caspian, con il corno magico di Susan: il giovane, erede legittimo del trono di Telmar, sta fuggendo dal terribile zio Lord Miraz, che per sé e per suo figlio punta solo alla corona. Con Caspian i «fantastici quattro» saranno alla guida della gente di Narnia (o meglio di quanto ne rimane dopo le «persecuzioni» dei Telmarini) per ristabilire giustizia e libertà, e per riconquistare un futuro di pace.

Più cupo del precedente «Il leone, la strega, l’armadio», questo secondo capitolo della saga tratta dai romanzi di C. S. Lewis assume qua e là tinte quasi shakespeariane (la figura di Lord Miraz e la sua sete di potere) ma alla fine dei conti non sfonda, complice anche una lunghezza spropositata. Niente di disastroso, per carità: una favolina rassicurante (il bene vince sempre, anche se non senza dolori e fatica) che nonostante il gran profluvio di effetti poteva dare di più. Il gigantismo da kolossal che aveva caratterizzato il primo episodio qui è, se possibile, ulteriormente accentuato, e anche questo fa certo colpo sul target di riferimento, ancora più inquadrato che nel numero uno: questo «Caspian» mira soprattutto agli adolescenti. È a loro che parla con una storia che è a tutti gli effetti di formazione (i protagonisti compiono un percorso di crescita: imparano) ed è a loro che strizza l’occhio con l’ironia sparsa qua e là da regista e sceneggiatori.

Gran dispiego di mezzi e tecnologie, gran confezione, ma il film non decolla mai davvero se non per qualche sprazzo: bello ad esempio tutto l’inizio, nero, chiuso da un inseguimento alla luce della luna; belle alcune scene di massa; bello il cameo di Tilda Swinton, regina bianca seduttiva e tentatrice. Tra gli interpreti, abbastanza insipido il nuovo arrivato (Ben Barnes/Caspian), più accettabili gli altri. Meglio di tutti, comunque, sono i cattivi, Castellitto e Favino in testa: meno male che ci sono loro.

La vostra recensione nello spazio commenti in colonna centrale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

6commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street