12°

19°

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

Verdi Off -  La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”
Ricevi gratis le news
0

Piazza del Duomo si accende dei colori e della musica del Maestro per l’inaugurazione di Verdi Off e l’anteprima del Festival Verdi, venerdì 21 settembre alle 21, quando Full Wall #Verdinaria e Macbeth Immersive Experience, commissioni del Festival Verdi in prima assoluta, animeranno il cuore di Parma con la forza e la poesia della danza verticale e il fascino di una suggestiva installazione multimediale.

Full Wall Alle 21 gli storici edifici di piazza Duomo diventano il piano verticale su cui si muovono i corpi sospesi dei danzatori di Full Wall, disegnando una coreografia energica e dinamica, in una relazione con lo spazio secondo una nuova prospettiva. La danza diventa così lettura dell’architettura attraverso i sensi, azione poetica, valorizzazione di un luogo carico di fascino e denso di significato. Il nuovo spettacolo della Compagnia Il Posto Danza Verticale e Marco Castelli Small Ensemble, prodotto da Il Posto e Forte Marghera, ha l’ideazione e la coreografia di Wanda Moretti, il sound design, musica per sax e live electronics di Marco Castelli, i costumi di Elettra Del Mistro, con le calzature Furoshiki by Vibram.

Macbeth Immersive Experience Alle 22, e per tutta la durata del Festival Verdi fino al 21 ottobre, dalle ore 10 alle 23, piazza del Duomo sarà animata dall’installazione multimediale Macbeth Immersive Experience. Un grande cubo, una scatola apparentemente vuota, al centro della piazza che non lascia presagire il suo contenuto. All’interno un mondo fatto di immagini, luci, ombre, visioni oniriche e musiche che dilatano lo spazio, annullano l’orizzonte e proiettano lo spettatore nel mondo di Macbeth. Calato il sole, l’installazione entra in dialogo con lo spazio circostante, proiettando le sue immagini sugli storici edifici della piazza e amplificando così il caleidoscopico susseguirsi di forme e colori nel quale ciascun passante può immergersi. A cura di Olo Creative Farm, realizzazione ed allestimento Marangoni Design Srl, progetto di Lorenzo Guzzini, Visual Artist Ester Molteni e Stefano Caimi, Sound artist Not club.

Celtic Harp Orchestra Piazza Duomo sarà inoltre lo scenario di un altro spettacolare appuntamento, domenica 23 settembre alle ore 15.30, il concerto della Celtic Harp Orchestra, la più grande orchestra d’arpe al mondo diretta da Fabius Constabile.
Arpe d’Or è un ideale itinerario nello spazio e nel tempo, dalle antiche leggende scozzesi alle musiche sacre del medioevo europeo, dalle note argentine del tango e dello swing alle melodie immortali del melodramma ottocentesco, all’ombra del Battistero e del Duomo di Parma. 

 _____________________________________

IL PROGRAMMA

23 settembre Donne del Risorgimento
«Viva V.E.R.D.I.» scrivevano i patrioti sui muri di Venezia e Milano: Viva Vittorio Emanuele Re D’Italia. Al Risorgimento e a cinque protagoniste femminili che contribuirono a liberare l’Italia dal regime austriaco è dedicato lo spettacolo con la regia e la scenografia di Davide Garattini Raimondi, l’ideazione e la coreografia di Barbara Palumbo, con Michela Cremona, Elena Garatti, Denise Rovera, Cristiana Zamparo, Giulia Zucconi. 23 settembre ore 21, chiesa di San Ludovico.

22, 23 settembre Verdi al Parco
Due appuntamenti nei parchi della città. Al parco Ducale: Bianchi, Rossi e Verdi, un pic-nic di 360° Festival con dress code tricolore per tutti i partecipanti che porteranno un cestino di prelibatezze da condividere in un momento di convivialità, accompagnato da musica e performance. Al Baluardo di San Francesco la musica e la danza di Sui Prati Verdi, un’occasione per lasciarsi incantare dalla danza e dalle melodie verdiane eseguite alla fisarmonica. 22 settembre ore 16, Cittadella; 23 settembre ore 13, Parco Ducale.

28 settembre Verdi Swing
Un concerto-spettacolo, con la regia di Federico Grazzini, in cui le sonorità dell’opera e il ritmo dello swing si fondono. Dall’incontro di un gruppo di sperimentatori jazz, Alessandro Di Virgilio, Dario Berlucchi, Elia Lasorsa, Roberto Cannillo e il mezzosoprano Chiara Osella, nasce un’originale combinazione di stili, un viaggio che dalla strada varca le soglie dei teatri d’opera dove le melodie diventano immortali. 28 settembre ore 21, chiesa di San Ludovico.

Ottobre Verdi senza confini
Il Teatro Regio porta la gioia e l’emozione della musica in luoghi che non sempre possono goderne, con due spettacoli riservati. Gabriella Carrozza e il Coro di Voci Bianche Giuseppe Verdi danno vita a un racconto corale per i piccoli degenti dell’Ospedale dei Bambini Pietro Barilla, mentre Bruno Stori rievoca Il Trovatore agli Istituti Penitenziari con la partecipazione del Coro dei detenuti e gli allievi del Conservatorio «Boito». 20 ottobre ore 12, Istituti Penitenziari di Parma; 12 ottobre ore 11, Ospedale dei Bambini Pietro Barilla.

13 ottobre A merenda con Verdi
Un percorso gastronomico dedicato ai più piccoli, dai sette agli undici anni, alla scoperta degli alimenti del piatto alimentare e dei sapori prediletti da Giuseppe Verdi, guidati dai Maestri del gusto di Giocampus, il progetto che promuove il benessere delle future generazioni attraverso un percorso formativo che unisce educazione motoria ed educazione alimentare. Giunti alla fine del viaggio una merenda preparata sotto la guida dello chef Maria Amalia Anedda. 13 ottobre ore 16, Chiesa di San Ludovico

15 ottobre Verdi rapper, la sfida
I dieci finalisti del concorso di Parma Lirica si sfideranno davanti al pubblico e a una giuria, coi loro brani ispirati a Otello. Nato con il desiderio di avvicinare due mondi apparentemente lontani, dopo il successo della prima edizione, torna il concorso Verdi Rap per incentivare l’elaborazione creativa dell’opera lirica attraverso il linguaggio dell’hip hop. In palio un ricco montepremi offerto da Ascom Parma. A dare più ritmo alla gara, i ballerini hip hop del Cid di Parma e un dj set. 15 ottobre ore 21, Ridotto del Teatro Regio.

Dal 25 settembre A Parma Retail
A Parma Retail due spettacoli dedicati al Trovatore. «Il Trovatore Remixed» arricchisce brani suonati in versione ballabile con gli interventi di due dj. Improvvisazioni live, interazioni tra fiati e elettronica danno nuova vita alle arie di Leonora e Manrico. In «Il Trovatore ballabile» le musiche del capolavoro verdiano diventano mazurche, valzer e polche, come nei ballabili emiliani di fine ‘800. 25 settembre ore 19, 21 ottobre ore 17.30, Parma Retail.

29 settembre Nel greto della Parma
Una storia di maledizioni, amori, tradimenti e morte che ritrova il suo nome originario, Triboletto: tra palazzi ducali, taverne notturne, cortigiani e sicari, la storia del giullare di corte in un’originale versione che va in scena sulle musiche di Verdi nel greto del torrente che attraversa la città. In collaborazione con Accademia Verdiana, AIPO Agenzia Interregionale per il fiume Po. 29 settembre ore 16, greto del torrente Parma (in caso di maltempo nella chiesa di San Ludovico).

Dal 29 settembre Verdi sacro
Rievocando Giuseppe Verdi giovane organista alle Roncole, tre concerti di musica sacra, corale e strumentale, in tre edifici religiosi cari alla città: la Chiesa di San Giovanni, la Chiesa di San Vitale e il Duomo di Parma, con l’Orchestra «I Musici di Parma» e la Corale «Città di Parma», in collaborazione con Accademia Organistica di Parma. 29 settembre ore 21 Chiesa di San Giovanni Evangelista; 6 ottobre ore 21 Chiesa di San Vitale; 20 ottobre ore 16.30, Duomo di Parma.

Dal 21 settembre 27 volte Verdi
Le arie del Maestro risuonano in via Garibaldi per uno degli appuntamenti più seguiti di Verdi Off: ogni giorno, alla stessa ora e per tutto il Festival, giovani cantanti del Conservatorio «Boito», affacciati ai Fornici del Teatro, interpretano celebri brani del repertorio verdiano accompagnati al pianoforte. Un intermezzo speciale dopo il quale tornare alla propria quotidianità con un’aria nel cuore. Dal 21 settembre al 21 ottobre ore 13, Teatro Regio.

29 settembre Cervello, udito e musica
Davide Santacolomba è artista palermitano che insegue il sogno della musica con esemplare forza di volontà e ha fatto della passione per il pianoforte il suo lavoro, nonostante una grave forma di sordità. Si esibirà in un concerto benefico a favore della ricerca sulla sordità preceduto da un incontro, con la partecipazione di Michele Guerra e Vincenzo Vincenti, per approfondire il rapporto tra cervello, udito e musica e i benefici che quest’ultima ha sulle capacità cognitive. 29 settembre ore 19, Auditorium Paganini

Ottobre Il Maestro in Abbazia
Le trame e i personaggi di Macbeth, Attila e Le Trouvère raccontati attraverso scritti, lettere e versi nei tre appuntamenti di «Torniamo all’antico e sarà un successo». Nomi, volti, storie, prendono forma nelle immagini proiettate in uno dei luoghi più suggestivi della città. La trecentesca Abbazia di Valserena sarà anche lo scenario di «Note verdiane a passo di danza», assoli, passi a due e coreografie corali ispirate alle celebri pagine verdiane. 6 ottobre ore 16; 27, 4, 11 ottobre ore 18.30, CSAC Abbazia di Valserena.

Dal 28 settembre Busseto e Mamiano
Nel florido giardino di Palazzo Magnani il concerto «Alchimia di suoni», 92 corde per dare vita ad alcune delle pagine più intense del repertorio per arpa e delle opere verdiane. E nel cuore della sua città natale, «Danze prima della prima» coreografie sulle musiche delle sue opere, prima che si alzi il sipario su «Un giorno di regno», l’opera del Festival Verdi in scena a Busseto. 7 ottobre ore 16, Mamiano, Parco della Fondazione Magnani Rocca; 28 settembre ore 19, piazza Giuseppe Verdi, Busseto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

gossip

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 negli scatti di Fabrizio Effedueotto

fotografia

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 Foto

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

GAZZAREPORTER

Sabato latino al New York: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Escursioni in montagna: Cairn, un aiuto dalla tecnologia

HI-TECH

Escursioni in montagna: Cairn, un aiuto dalla tecnologia

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Blitz dei ladri ai Corrieri: portata via la cassaforte

Furto

Blitz dei ladri ai Corrieri: portata via la cassaforte

3commenti

CASO CONQUIBUS

Aversa è ai domiciliari, ma alcuni colleghi vorrebbero una sua consulenza

1commento

Coldiretti

Morto Ettore Picchi, il «paladino» degli agricoltori

governo

Approvata la manovra 2019. Esteso lo stato d'emergenza per i danni da maltempo 2017 a Parma

INTERVISTA

"Sui social parliamo di libri". E l'insegnante di Borgotaro diventa... un cruciverba Video

Intervista a Massimo Beccarelli, insegnante sempre più impegnato con gli hashtag culturali.

ieri sera

Incidente in tangenziale a Collecchio: un ferito al Maggiore

Lutto a Ozzano

Muore il giorno dopo il compleanno

SISSA

Tentano la truffa dell'incidente, lei non ci casca

FONTANELLATO

Addio ad Afan de Rivera Costaguti

Si ribalta con l'auto: ferita gravemente una 29enne

CALCIO E TIFO

D'Aversa ha un suo Parma club

colpo

Furto in un bar di Sanguinaro, il ladro striscia (Guarda il video) ma l'allarme suona lo stesso

3commenti

ECONOMIA

Piano 2020: il Gruppo Custom cresce e investe a Parma Videointervista

economia

Accordo Barilla-Crèdit Agricole, per il credito ad aziende della filiera

FIDENZA

Maxi furto all'ospedale di Vaio: rubati macchinari per 300mila euro Video

4commenti

incidente probatorio

Caso Pesci, la giovane che ha denunciato gli abusi sarà interrogata lunedì Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'esempio di Ilaria Cucchi Donna ostinata sorella di tutti

di Filiberto Molossi

5commenti

CHICHIBIO

«Ristorante Mora» Un classico della cucina parmigiana

di Chichibio

3commenti

ITALIA/MONDO

Lutto nella moda

E' morto Mario Bandiera, fondò la griffe Les Copains. Aveva 87 anni

il caso

Migranti "scaricati" in Italia, la Francia ammette: "Un errore, gendarmi nuovi"

SPORT

volley

Mondiali donne; primo ko (irrilevante) dell'Italia, la Serbia vince 3-1

TIFOSI

Inaugurato il Parma Club "Roberto D'Aversa" in via Mantova

SOCIETA'

archeologia

Pompei, iscrizione cambia la data dell'eruzione: non ad agosto, ma il 24 ottobre

MUSICA

I Foo Fighters fanno salire il piccolo fan sul palco. Lui suona i Metallica e stupisce tutti

MOTORI

moto

Suzuki Katana, il ritorno

GLAMOUR

Lapo Elkann firma Renault Captur Tokyo Edition