16°

29°

Spettacoli

Al Regio come in discoteca

Al Regio come in discoteca
Ricevi gratis le news
1

Giacomo Marzi


Delle macchine. Ecco come, nel gergo dei musicisti, si potrebbe definire un gruppo come i Kool & the Gang. Tutti professionali, precisi, assolutamente rodati, nati showmen. Ogni concerto speso con la stessa energia per il groove ed il suo verbo, e per il pubblico, al Teatro Regio di Parma come al Jazz Festival di Montreux come alla House of Blues di Chicago.
Scaletta dosata sapientemente in un climax che partiva dalle melodie jacksoniane degli ultimi tempi a ritroso verso il groove nervoso ma sempre orecchiabile (non ci si aspetti nulla alla Fred Wesley Connection o alla Pee Wee Ellis Group, per intenderci) Kool e la sua Gang, martedì sera nell’inconsueta cornice del «tempio della lirica» ducale, hanno saputo scaldare gradualmente il pubblico come il miglior amante fa con la propria partner.
I primi pezzi, più recenti, come si è già detto fanno sentire prepotente l’influenza di Michael Jackson (al quale non per niente è tributato uno splendido omaggio con una versione quasi anastatica di «Don't stop 'til you get enough» con tanto di «moonwalking»), ma rispetto al King of Pop le atmosfere sono indubbiamente più funky: le ritmiche sono più appoggiate e più marcate (merito soprattutto dello stile scarno ed essenziale tutto al servizio del groove del basso di Kool, in arte Robert Bell, mente e fondatore della band); e le movenze armoniche indiscutibilmente più raffinate.
Da «Fresh» in avanti è un crescendo di funky sempre più teso: da un omaggio a James Brown dove Kool ha scimmiottato il grande Godfather of Soul prima dirigendo la band a bacchetta («Give me one!»…Bam! «Give me two!»…Bam Bam! Eccetera) e dando il quattro per un’infuocata «Party People» passando per i successi quali «Jungle Boogie» nei quali si è potuto apprezzare l’affiatamento e la precisione millimetrica della sezione fiati che grazie alle succitate caratteristiche sembra molto più ampia di quello che in realtà è (si parla di un trio tomba-trombone-sassofono contralto), e la preparazione jazzistica dello storico pianista George Brown che ha piazzato diversi assoli fatti di gusto e alcuni sorprendenti echi direttamente dal miglior Herbie Hancock.
La folla comincia ad agitarsi e da «Ladies’ night» a «Get down on it» è il delirio: il pubblico è in piedi e balla accalcato sotto il palco seguendo le coreografie (anch’esse studiatissime e sempre diverse) della band. Lo scontatissimo bis che conta un unico pezzo («Celebration», quale altro?) conclude l’unica serata nella storia del Teatro Regio che ha visto il pubblico andarsene sudato. Ma il funky, diceva sempre “The Soul Brother Number One”, Mr. James Brown, non è altro che «Body heat».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • commerciante preoccupata

    04 Agosto @ 09.25

    di certo uno dei concerti più belli che io abbiamo mai visto! di sicuro il più divertente in assoluto!!! un plauso alla band che per 2 ore ha suonato, cantato e ballato senza sosta, con una maestria e un entusiasmo che hanno contagiato il pubblico.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

7commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante a Pratospilla

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno