19°

Spettacoli

Venezia vende l'anima al diavolo

Venezia vende l'anima al diavolo
Ricevi gratis le news
0

Filiberto Molossi
Venezia vende l'anima al diavolo: e si inchina al monumentale «Faust» diretto da un regista per pochi che piace a tanti. E' il paradosso di chi, non senza orgoglio, si definisce Mostra d'arte: e davanti allo strapotere hollywoodiano rivendica un'anima europea. A costo di firmare col sangue un verdetto di nicchia. Ma che, d'altra parte, è davvero difficile contestare.
Perché sì, il Leone che ruggisce in russo riconosce il talento visionario  di Aleksandr Sokurov, maestro di un cinema ostico ma coltissimo, autore di pellicole immaginifiche e di progetti impossibili che rielabora il cinema e ne fa, per l'appunto, opera d'arte, esperienza sensoriale, viaggio nel profondo.
Per carità, niente da dire: se non che i giurati - che hanno dimenticato del tutto i più «leggibili» «Carnage» (universalmente amato da critica e pubblico) e «Le idi di marzo» (è inutile: il film d'apertura, chissà perché, non viene mai preso in considerazione...) -, consegnando il Leone d'oro al «Faust» («ci sono film che fanno piangere, ridere, pensare, commuovere, film che cambiano per sempre le vite. E questo  - ha detto il presidente Aronofsky - è uno di quei film») scelgono che a trionfare sia una pellicola che, uscita dalla cornice magica della Mostra, vedranno in pochi o pochissimi, un film che chiede molto a chi guarda senza regalare niente a nessuno.
Ma nella vittoria del cinema sperimentale, più coraggioso e meno etichettabile (mai come stavolta tanto numerosi - c'è da gioirne - i riconoscimenti che vanno in questa direzione) fa festa anche l'Italia: assegnato infatti (a dire il vero un po' generosamente...) a «Terraferma» di Emanuele Crialese il premio speciale della giuria. Un successo che il regista di origine siciliana ha dedicato «ai pescatori e agli uomini di mare», ringraziando inoltre gli abitanti di Linosa e Lampedusa «per avermi insegnato a guardare oltre un orizzonte che mi sembrava stretto».
Da manuale, poi, le Coppe Volpi agli interpreti: entrambe strameritate. Nella gara, affollatissima, degli attori ha prevalso quello che è stato il vero protagonista di Venezia 68, Michael Fassbender, neo divo paparazzatissimo che - presente anche nel film di Cronenberg -, ha spazzato via una formidabile concorrenza (compreso Gary Oldman, che ha definito «il mio eroe») con l'interpretazione a nudo (in tutti i sensi) del disperato «sex addicted» di «Shame». Splendida però anche la cinese Deanie Ip, la domestica del toccante «A simple life», un altro dei film che ha più convinto. Va in Oriente, ed è molto ben dato, anche il Leone d'argento al miglior regista: se lo è aggiudicato Shangjun Cai, davvero bravissimo nella composizione dell'inquadratura, per «People mountain people sea».
In una cerimonia molto sobria, quasi funerea (pallida in volto Vittoria Puccini, madrina coraggiosa sul palco nonostante la recentissima scomparsa della mamma; ma anche Sokurov non ha potuto non ricordare il lutto della Russia per la morte di 43 persone in seguito alla caduta di un aereo), in cui il discorso finale del direttore Marco Müller è sembrato un commosso congedo (il suo contratto è scaduto, ma se non sono pazzi lo riconfermano domani), hanno trovato gloria anche il greco (da noi molto amato)  «Alpi» (miglior sceneggiatura), i due giovani interpreti del giapponese «Himizu» (premio Mastroianni), Robbie Ryan, direttore della fotografia di «Cime tempestose» (Osella al contributo tecnico) e l'italiano Guido Lombardi con «Là-bas» (migliore opera prima). Frammenti di un cinema di domani che lancia al futuro la sfida di un linguaggio non convenzionale: perché Venezia è spartiacque, confine, frontiera. E indietro non si torna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno