13°

28°

Spettacoli

"Un ballo in maschera splendidissimo"

"Un ballo in maschera splendidissimo"
Ricevi gratis le news
0

 Bisogna confessare il senso di soddisfazione creato da una messa in scena che, una volta tanto, non ti costringa a leggere dietro le apparenze chissà quali significati occulti, senza quei cortocircuiti spesso gratuiti che ti riportano all’attualità. Solo rimandi a certi climi pittorici, a certe atmosfere con l’abilità che Pier Luigi Samaritani sapeva evocare, sempre nella consapevolezza della preminenza delle istanze poste dalla retorica del melodramma; tratti che il tempo - un tempo vorace come il nostro nella ricerca di novità, già insidiate dall’effimero - non ha per nulla appannato, a ricordare la prima apparizione al Regio di questa messa in scena nel gennaio del 1989, quindi la ripresa di dieci anni dopo per ritrovarci ora di fronte allo stesso progetto, nella rivisitazione registica di Massimo Gasparon che ha rimesso a fuoco alcuni scorci aggiungendo anche qualche tocco sul registro del grottesco. Condizione questa definita da una messa in scena non prevaricante che appare oltremodo necessaria a non turbare i caratteri di un’opera come il «Ballo» che trovano la propria ragione, anche di novità nello spettro verdiano, in quel sottilissimo integrarsi di dramma e di comicità che penetra l’andamento musicale, in termini di flessibilità formale e di sensibilità coloristica; un discorso che procede coi toni di una commedia e che stempera non poco l’incombenza pessimistica che solitamente grava sulla drammaturgia verdiana. Una diversa «leggerezza», insomma, che Gelmetti ha inteso riscattare in tutta la sua sfrangiata sottigliezza con quella sua disinvoltura nello snodare il filo che se ha assicurato la continuità del narrare non ha evitato qualche opacità sulla qualità del colore e qualche esuberanza nel rapporto col palcoscenico. Dove la proverbiale «difficoltà» di quest’opera, nella diversificata articolazione dei caratteri vocali, trovava una risposta piuttosto consistente da parte dei tre principali interpreti: in particolare nella prova di Kristin Lewis, che in quella vocalità tesa, toccata da luci sideree, benché talora rasentanti una certa asprezza, è parsa centrare il profilo di Amelia, prima vera apparizione sull'orizzonte verdiano di quel soprano drammatico che trova la sua definizione nell’ampiezza e nell’intensità del respiro, e pure in quel lirismo che il sapiente controllo mostrato dalla Lewis ha reso intimamente struggente. Non meno complessa la fisionomia di Riccardo, il personaggio musicale, diceva Baldini, più felice di vivere e più disperato di morire, ciò che chiede tutta quella mobilità di affetti, tra inflessioni liriche e slanci appassionati e pure quella brillantezza di modi imposti dal ruolo pubblico (non certo marginale, è stato giustamente rilevato da chi ha sottolineato come il suo estremo commiato sia alla «diletta America» e non alla «diletta Amelia»); un ruolo che Francesco Meli ha affrontato con pienezza d’intenti, forse esternando non senza qualche senso di sforzo la disperazione e sciogliendo più sensibilmente la felicità, intrisa di fugaci strazi, quelli che ha dosato con finezza nell’ardua ultima aria (con le insidie della «la zona di “passaggio”!»). Più lineare il filo svolto da Vladimir Stoyanov per calarsi nel personaggio di Renato, emblematico «baritono verdiano» ricreato dal compositore come portatore, nella nobiltà dell’immagine, di quei rovelli segreti che Stoyanov ha fatto suoi, più che con la seduzione del timbro, con la forza penetrante e con la naturalezza del fraseggio. A contorno dei tre agenti del tragico triangolo due voci in certo qual senso anomale, e anche per questo imprescindibili entro la singolare scacchiera del « Ballo», quella di Ulrica e di Oscar. Contralto che trascolora a mezzosoprano quella di Ulrica, soprano brillante quella di Oscar. La prima gestita con una certa sommarietà da Elisabetta Fiorillo, l’altra affidata alla voce mobile e brillante di una musicalissima Serena Gamberoni. Completavano il quadro con sicurezza e piena dedizione Antonio Barbagallo e Enrico Rinaldo nel ruolo dei due congiurati ed ancora Filippo Polinelli in quello di Silvano, Cosimo Vassallo(Un giudice), Enrico Paolillo (Un servo). Come sempre molto apprezzabile il coro diretto da Martino Faggiani.g.p.m.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

MODA

Il Made in Italy è sempre più in mani straniere

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno