17°

28°

Spettacoli

Cinema recensioni - Miracolo a Sant'Anna

Cinema recensioni - Miracolo a Sant'Anna
Ricevi gratis le news
1

di Filiberto Molossi


C’è un cartello sulla strada che porta al mare: dice Sant’Anna e sembra che ancora bruci. A un giro di sterzo, in salita, lasciando l’Autocisa che indifferente corre fino in spiaggia: è laggiù, dietro l’angolo, il luogo dell’eccidio. Ed è lì che lo «vedi», come se ti aspettasse da allora. Il silenzio. Che è dappertutto, padrone di ogni cosa. Come se a Sant’Anna, a quel paesino incastonato suo malgrado nella Storia, i nazisti gli avessero strappato di forza anche la voce quel maledetto 12 agosto del ’44, l’avessero lasciato, di fronte all’orrore, muto e immobile. Chiuso nella parentesi graffa del tempo che resta: prima che si svegli, dal suo sonno eterno, l’uomo che dorme.
Quella strada, la strada per Stazzema, Spike Lee l’avrà fatta cento volte almeno: eppure perde l’orientamento, sbanda nelle curve molli della memoria, mette dentro al suo altri mille film, mentre affronta senza artificieri il campo minato delle suggestioni artefatte. Di Sant’Anna (elemento chiave per arrivare ad altro) c’è poco e di miracoli ancora meno: più fiaba mistica che rievocazione storica, l’ultimo, discusso, lavoro del grande regista del «La 25ª ora» e «Inside man» mischia in ordine sparso storia e superstizione toccando le corde stonate di un sentimento didascalico dove la frase fatta vale più di quella da fare.
Retorico e confuso, anche se a tratti molto efficace, come nelle sequenze dei combattimenti - dove c’è più fango, paura e smarrimento che non gloria e onore, parole che la cecità dell’odio ha ormai svuotato di senso -, «Miracolo a Sant’Anna» è un pasticciato war movie afroamericano che va (molto) oltre le polemiche sulla Resistenza che in questi giorni hanno riempito le prime pagine dei giornali, per moltiplicare invece i temi e i flashback nel seguire le vicende di quattro soldati americani della divisione Buffalo, composta esclusivamente da militari di colore, rimasti tagliati fuori dalla loro compagnia durante uno scontro a fuoco - nell’estate del ’44 -, con i nazisti in Toscana. Trovato rifugio in un paesino, i quattro entrano in contatto anche con alcuni membri della Resistenza: non prima di salvare un bambino che nasconde un terribile segreto…
La tragedia della guerra civile che infuria tra partigiani e fascisti («che differenza c’è tra noi e loro davanti a Dio?»), comandanti tedeschi che leggono le poesie di Pascoli, il desiderio di giustizia (e di vendetta) che sopravvive a qualsiasi armistizio: tra una citazione di John Wayne (l’esempio da cui Lee vuole allontanarsi) e un’atmosfera alla «Dust» (la sfortunata pellicola di Milcho Manchevski), «Miracolo a Sant’Anna» è però soprattutto un film omaggio (come lo fu, a suo tempo, «Glory») dedicato a quei soldati che nemmeno indossando la stessa divisa e combattendo la medesima guerra potevano sentirsi uguali all’uomo bianco.
Fatalista, girato bene, compassionevole - come quando unisce nella stessa preghiera i destini, precipitati nella medesima follia, di cuori che battono sotto diverse bandiere -, il film (interpretato da attori americani sconosciuti chiamati a interagire con alcuni volti noti, come Pierfrancesco Favino, Valentina Cervi, Luigi Lo Cascio e Omero Antonutti, del nostro cinema) non riesce però a strappare l’ingombrante sipario del melodramma  marciando, afflitto non poco da un assurdo doppiaggio che annulla toni e colori (ma com’è possibile che un toscano del’44 che forse non ha mai nemmeno visto Firenze e un nero di Harlem  si capiscano alla perfezione…?), verso un pessimo finale. D’altra parte, si sa: ai santi i miracoli riescono sempre. Ai registi, invece, solo ogni tanto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • oscar abelli

    13 Ottobre @ 03.16

    VERGOGNA!VERGOGNA! VERGOGNA! ECCO CHE FINALMENTE ESCE UN FILM ONIRICO , BELLISSIMO, PROFONDO, Sì CON QUEL GIUSTO SURREALE ( NON E' TV7 O UN DOCUMENTARIO), GLI ATTORI TUTTI BRAVISSIMI ED ECCO CHE C'E' IL SOLITO CRITICO CHE SPARA A ZERO$$$... MA ANDIAMO!!! NOI ITALIANI NON SIAMO IN GRADO DI CONCEPIRE UN FILM COSì ! SIAMO TROPPO COINVOLTI: POLITICA E INTERESSI ANCORA VIVI SULLA RESISTENZA, DOVEVA ARRIVARE UN AFROAMERICANO ( PERALTRO SE TU ,CRITICO, ALMENO AVESSI CITATO I DUE ITALIANI AIUTO REGISTI!)LONTANO ANNI LUCE DA QUEL MONDO E QUEGL'ANNI MA CHE SI E' CALATO COMPLETAMENTE , IMPARANDO SENZ'ALTRO DAI NOSTRI GRANDI DI PRIMA: DE SICA..., INVENTANDO UNA RIVISITAZIONE AFFASCINANTE PIENA DI GRANDI COLPI DI SCENA , FANTASIA, EMOZIONE, GRANDE FOTOGRAFIA, MUSICA!!!!!ATTORI SUPERBI, PERCHE' DOVEVANO METTERE IL VERISMO ANCHE X LA LINGUA INGLESE E IL TOSCANO? NON E' MICA UN FILM DI FOLCO QUILICI!! SVEGLIA E VERGOGNA , ALTRO CHE RETORICO! QUA IL RETORICO E' QUEST'ASSURDA CRITICA DA TAGLIALEGNA , QUESTO E' RETORICO , SPIKE LEE E' UN GENIO E IL RESTO COME DICE L'AMICO ROMANO...E ' NOIA!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

1commento

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"