17°

28°

Spettacoli

"La voce umana": se l'amore è appeso a un filo. Del telefono

"La voce umana": se l'amore è appeso a un filo. Del telefono
Ricevi gratis le news
0

Debutterà  giovedì 8 marzo alle 21, in occasione della Festa della Donna, e proseguirà fino all'11 (sempre alle  21,  la domenica alle 16) il nuovo spettacolo prodotto da Fondazione Teatro Due, «La voce umana», testo di culto di Jean Cocteau del 1929, diretto da Walter Le Moli e interpretato da Mascia Musy (info 0521 230242, biglietteria@teatrodue.org). Uno dei ritratti femminili più intensi della storia del teatro, che ne celebra la complessità nella giornata dedicata alle donne.
Il celebre ed intenso monologo- dialogo andò in scena per la prima volta al Théâtre de la Comédie-Française nel febbraio del 1930, con protagonista Berthe Bovy. Divenuto un classico, negli anni è stato interpretato dalle più grandi attrici del Novecento, da Anna Magnani (ne «L’amore» di Rossellini), a Ingrid Bergman, da Simone Signoret a Gaby Morlay, Judith Anderson, Susanna York, Liv Ullman. Un atto unico “dissanguante”, che dipana lo strazio dell’abbandono affidandolo ad una lunga telefonata. Qui il telefono diviene un mezzo d’incomunicabilità e inganno, in contrasto con la “voce umana”, strumento raffinato e sensibile, capace di trasmettere tutto il dolore e la solitudine della donna.
In scena due protagonisti, ma solo uno, Lei, visibile; Lui è un ruolo non scritto, un tempo di risposta e reazione, un serie di puntini di sospensione, un personaggio immaginato (forse persino immaginario) ma sempre presente, che si nega allo sguardo dell’amata e del pubblico pur conducendo la conversazione. La banalità dell’occasione, una semplice telefonata, è il fulcro di una forte tensione poetica ed emotiva e il “teatro puro” di Cocteau si dispiega in una serie di parole mozzate, frementi, incalzanti, che  srotolano in scena il filo di un amore finito, la matassa del dramma amoroso nella sua qualità originaria, sincera, nella sua assoluta prevedibilità.
«Una volta ci si vedeva. Si poteva perdere la testa, dimenticarsi le proprie promesse, rischiare l’impossibile, convincere chi s’adorava coi baci, aggrappati a loro. Uno sguardo poteva cambiare tutto. Ma con questo apparecchio, quello che è finito è finito», dice la protagonista alla cornetta. E in poche righe di una battuta, Cocteau condensa tutta la complessità e la novità delle relazioni nell’era della comunicazione mediatica.
Un testo che dopo più di 80 anni rimane intatto nella sua folgorante e poetica attualità anche al tempo degli smartphone. Una tragedia epica, un classico appunto, nella sua purezza e lucidità, nella sua violenza compressa e intima. Dice Cocteau nella prima didascalia alla scena: «L’autore vorrebbe che l’attrice desse l’impressione di sanguinare, di perdere il sangue come una bestia ferita, di terminare l’atto in una camera piena di sangue».  L’amore è appeso a un filo. Come la vita. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

serie d

Audace Reggio - S.Marino al Tardini? Pare improbabile...

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design