17°

27°

Spettacoli

Genio ribelle e "contestatore": si sente l'assenza di Carmelo Bene

Genio ribelle e "contestatore": si sente l'assenza di Carmelo Bene
Ricevi gratis le news
0

Paolo Petroni
Parafrasando Attilio Bertolucci, l'idea dell’assenza come più forte presenza era una di quelle che Carmelo Bene aveva sempre teorizzato: tanto più all'insorgere dei gravi problemi al cuore e in vista della sua scomparsa (il 16 marzo 2002, domani ricorre il decennale), mentre lavorava a quel capolavoro che è l'«Otello» cinetelevisivo, considerato il suo testamento artistico e proiettato per la prima volta ai suoi funerali. Aveva ragione: in tempi come questi, di cultura svillaneggiata, di crisi di idee, di povertà e mancanza di coraggio, l’assenza delle provocazioni e del genio inventivo di Bene si avverte eccome.
Un’assenza di dieci anni, durante la quale la sua figura è cresciuta, o meglio è andata depurandosi di tutta quella parte di cronaca, colore, curiosità piccolo-borghese per l'eccentricità e gli sberleffi che spesso avevano la meglio sul senso e la forza della sua arte. Perchè è vero, Bene per anni è rimasto solo quello che, nel 1963, dal palcoscenico del Beat 82, aveva fatto pipì in platea (tra l’altro, non fu lui!) o lo strano tipo che affermava di essere «apparso alla Madonna», senza che la forza di questo ribaltamento, il mettersi in gioco dell’artista contro ogni convenzione, venisse davvero colta.
 Oggi, in prospettiva, tutto appare più chiaro, restaurati i suoi film e video, raccolti e pubblicati nei Classici Bompiani tutti i suoi testi, che hanno rivelato uno scrittore spesso di gran qualità, anche se non facile nella ridondanza verbale e espressiva del suo essere figlio del barocco pugliese. Nel suo essere contestatore naturale, ribelle a convenzioni e tradizioni quando acquistano valore vincolante, negli anni della neoavanguardia letteraria, delle novità nell’arte e nello spettacolo che arrivavano dall’Europa e dall’America, Bene si oppose a suo modo al teatro ben fatto (molto ben fatto), di Visconti e Strehler, all’eleganza didattica e ideologica dei migliori spettacoli del tempo, in nome della parola, spesso di grandi autori classici, del verbo e della sua forza dirompente, capace di farsi corpo e vita in scena.
«Non è che si possa scrivere quel che ho sentito, nè cosa precisamente lui faccia con la sua voce e quelle sue parole non sue - scrisse a suo tempo Alessandro Baricco uscendo da un suo recital di versi di Dino Campana - Dire che legge è ridicolo. Lui diventa quelle parole, e quelle non sono più parole, ma voce, e la voce non è più voce, ma è suono che accade, e quel suono che accade diventa ciò che accade, e dunque tutto, il resto non è più niente». A ogni testo, a ogni personaggio, che fosse di Dante, Shakespeare, Cervantes («Don Chisciotte con Leo De Berardinis) o di Sem Benelli («La cena delle beffe» con Proietti), sapeva così dare una nuova profondità, rivelarne tutti i doppi fondi, le possibilità espressive, come un lampo che poi, come vuole la legge del vero teatro, subito sparisce, non è più, ma forse ha lasciato un bagliore, un attimo di illuminazione, che sbalordiva, commuoveva, ma poteva anche irritare per la sua «crudeltà», per una ricerca di verità  al di là delle consuetudini, senza pietà per nessuno, a cominciare da se stesso. Non a caso Pinocchio, dalla prima messinscena del 1961, è stato uno dei suoi personaggi simbolo.
Nato a Campi Salentina (Lecce) il 1° settembre 1937, uscì «indenne», come amava dire, nel 1959 dall’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, che gli dette comunque i fondamenti su cui lavorare, i punti di appoggio da abbattere o rivoluzionare, cominciando con l’usare un autore «eversivo» come Majakovskij. Dopo viene il «Caligola» e inizia la fama di provocatore di Carmelo Bene, estremamente critico nei confronti del degrado culturale e sociale del mondo che lo circonda, che, per una quarantina d’anni, sarà protagonista delle nostre scene, parametro inevitabile in positivo e in negativo, creatore prolifico di spettacoli storici, autore di romanzi, creatore di film con la voglia, anche lì, di reinventare il cinema, fascinatore di pubblico con i suoi recital poetici.
Sono cose di cui avvertiamo oggi fortemente l’assenza. E per rendersene conto basterà andare al Festival di Carmelo Bene, organizzato dal Bari International Film Festival dal 24 al 31 marzo: incontri, discussioni, ma soprattutto la proiezione di decine di suoi video, spettacoli, film.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

12 tg parma

Rave party nella golena del Po: 539 denunciati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design