18°

Spettacoli

Ascanio Celestini: "Queste carceri sono come i lager"

Ascanio Celestini: "Queste carceri sono come i lager"
Ricevi gratis le news
0

 Mara Pedrabissi

Alla soglia dei 40 anni, mentre tanti coetanei vengono considerati “emergenti”, Ascanio Celestini, “romano de Roma”,  sta nell'empireo dei più titolati rappresentanti del teatro civile. Con i suoi monologhi dal retrogusto aspro, dove la vena narrativa fiabesca è condita di umorismo nero, calca i palcoscenici d'Italia e d'Europa. «La pecora nera», riuscitissimo spettacolo teatrale, uno squarcio di luce sul cono d'ombra della realtà manicomiale (visto anche a Parma, al Teatro al Parco), è diventato un film, passato a Venezia.  Torna da noi ora Celestini, con il suo pensiero non omologato, con il suo affabulare capace di lanciare un sasso nello stagno della normalità apparente, con il suo teatro mai ruffiano, scomodo sempre. Sarà all'Arena del Sole di Roccabianca martedì prossimo con «Pro Patria - Senza prigioni, senza processi». Una riflessione sul nostro Risorgimento fuori dalla retorica, dove l'invenzione scenica di un detenuto dei giorni nostri che parla con Giuseppe Mazzini diventa occasione per portare in primo piano la questione delle carceri.
  Dopo il manicomio, la fabbrica, adesso il carcere...
«Sì, sono luoghi molto simili in verità. Mi sembra che siano interessanti da raccontare. Il carcere in particolare - a differenza del manicomio e della fabbrica - è un'istituzione che non è mai stata messa in discussione. Anzi ultimamente c'è un pensiero che lo giustifica due volte. Uno perché si pensa  che ci dovrebbe finire un mucchio di gente, governanti, ex governanti, ma anche le categorie “deboli”, tossici, stranieri. E giustificato perché c'è un pericoloso rispetto, quasi amore, per il giustizialismo che sta alla base del carcere. Antonucci, lo psicanalista, diceva che non possiamo essere contro il manicomio e non contro la psichiatria che lo legittimava perché sarebbe come essere contro Auschwitz ma non contro il nazismo. Insomma, è la giustizia italiana che produce questo inferno che è il carcere, non sono due mondi svincolati».
Che lei sia contrario al manicomio, al carcere, lo abbiamo capito. Ma cosa immagina «al posto di»?
«Io non sarei tenuto a dirlo, perchè io faccio spettacoli. Quello che penso, come cittadino, è che l'alternativa al carcere già esiste. Comunque già il non-lager è meglio del lager. Se noi stipiamo le persone nelle carceri, le costringiamo a una violenza quotidiana, le teniamo sedate con gli psicofarmaci - perché oggi il carcere è questo - qualsiasi alternativa è meglio. E in alternativa c'è il ciclico svuotamento delle carceri. Il carcere è un'istituzione violenta che tende a gonfiarsi e ogni tanto bisogna sgonfiarla». 
Lei quest'anno compie 40 anni. I numeri pieni sono sempre occasioni di bilancio.
«Sono contento, sì sì, nel senso che in Italia è difficile fare teatro o attività culturali, scrivere e noi comunque ci riusciamo. Il meglio della produzione culturale qui passa a una certa distanza dalle grandi istituzioni, a differenza che in Europa. Forse quando ci mettono paura e dicono che tagliano il Fus, forse è una cosa buona... che anche queste istituzioni pesanti e autoreferenziali vengano un po' svuotate»
Accidenti, proprio ce l'ha nel sangue di provocare. Così non si fa degli amici...
«No, io penso ai meccanismi. Quando ad esempio  lavoriamo col Teatro Stabile dell'Umbria, dobbiamo lavorare come compagnia privata perchè non rientriamo nei parametri, sennò troppi paletti. Voglio dire che anche quelli che provano ad aiutarci fanno fatica. Qualche giorno fa stavo a Losanna, una delle più forti realtà produttive europee, e lì i nomi dei grandi direttori dei teatri italiani non li conoscono. All'estero pensano che il grande teatro italiano sia Emma Dante, Pippo Delbono, Societas Raffaello Sanzio.  Ma lasciamo perdere, questo sistema fa rabbia. Ci sono direttori che guadagnano due, trecentomila euro, hanno la casa pagata. Fa rabbia. Non per me che lavoro, da privato ma lavoro. Ma per tante compagnie che fanno i salti mortali eppure lavorano bene ma non sono rispettate da questo sistema»
Va bene, allora se dobbiamo farle un augurio per questi 40 anni, cosa le facciamo?
«Ma, va bene uno qualunque, non sono superstizioso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel