16°

29°

Spettacoli

Pertusi: "Nessuna idea per celebrare Verdi"

Pertusi: "Nessuna idea per celebrare Verdi"
Ricevi gratis le news
1

 Enrico Gotti

«Bisogna partire dalle idee per celebrare Verdi». Ne è convinto il basso Michele Pertusi. Ieri il  cantante lirico era ospite dell’associazione Tyche e del dipartimento di Economia e non ha mancato di criticare la gestione del Teatro Regio di Parma.
«Per il bicentenario di Verdi, Parma deve presentare un’idea di spettacolo che non si veda da nessuna parte, con una spesa accettabile» - sostiene Pertusi. Che propone, nell’ordine: un concerto con gli strumenti antichi dell’epoca, l’esecuzione di composizioni che Verdi scrisse quando era organista nella chiesa di Busseto, mai presentate, un confronto fra i libretti d’opera e la poesia del tempo, una mostra dei grandi pittori dell’epoca del cigno di Busseto. In sintesi: portare la musica fuori dal teatro. 
«Nei festival Verdi precedenti si sono messe in programma opere che pochi mesi prima erano alla Scala. Un’operazione senza senso. A noi è mancato il dire: nel nostro piccolo facciamo un Verdi che non sentiamo da nessuna parte. Ci sono mille idee, ma per metterle in pratica bisogna cambiare gli uomini, che hanno dimostrato di non sapere gestire il Regio - continua il basso parmigiano -. Dal 2007 ad oggi le sovvenzioni dei soci pubblici e degli sponsor sono state pari a 59,8 milioni di euro. Hanno generato però un buco di debiti verso le banche di 6 milioni di euro, 3,2 milioni di euro ai fornitori e 2 milioni e mezzo di perdite pregresse. Io trovo sia una follia aver speso tanto, anche per spettacoli di buon livello, però senza una differenza decisiva con le gestioni precedenti. La gestione Rubiconi, nel 2005, lasciò un teatro con 40.000 euro di attivo». 
«L’altro paradosso è lo stipendio del sovrintendente - continua Pertusi - in Europa lo rapportano alle alzate di sipario; a Vienna si va dalle 280 alle 295 recite all’anno. Il sovrintendente di Vienna è meno pagato di quello di Parma e al Regio si alza il sipario 50 volte. Viene a costare cifre enormi, che non ti permettono di produrre opere. Ben venga l'idea di Ciclosi di tagliare. In più, nel Regio ci sono tre cariche strapagate che potrebbero essere svolte da una sola persona».
Ad invitarlo nell’aula Keynes di via Kennedy è stata l’associazione Tyche che riunisce laureati, amici e docenti dell’Università di Parma, presieduta da Giovanni Fracasso. «Ci vorrebbe un piano industriale serio anche nei teatri - osserva Pertusi -. Bisogna sapere quanti soldi ci sono, cercare sponsor, fare progetti che vanno da tre a cinque anni. Non si possono aspettare i finanziamenti statali di anno in anno, è una follia. Lo Stato però deve sostenere la cultura, perché vuol dire sostenere l’identità. In Italia Verdi è stato il collante linguistico». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gian paolo

    16 Maggio @ 19.14

    Michele dimostra tutto il suo amore per Parma e per il teatro con interventi incisivi,di semplice realizzazione se c\'è preparazione culturale e voglia di fare cose nuove( oggi molto carenti in quelle tre cariche alle quali si riferisce ). Bravo Michele , continua a incalzare coloro che dal teatro hanno solo pensato a fare soldi .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

3commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse