14°

27°

Spettacoli

Cinema recensioni - Tropic Thunder - Una guerra che ammazza dal ridere

Cinema recensioni - Tropic Thunder - Una guerra che ammazza dal ridere
Ricevi gratis le news
0

di Lisa Oppici


Spesso si dice: non perdete i titoli di coda. Qui addirittura si raddoppia: non perdete quelli, sì, ma nemmeno i trailer che aprono «Tropic Thunder». I pochi minuti in cui ci vengono presentati i protagonisti del film (anch’esso intitolato naturalmente «Tropic Thunder») del quale la pellicola di Ben Stiller racconta la lavorazione: tre attori in cerca di rilancio affiancati da un giovane rapper. Non perdeteli, perché lì comincerete a ridere: e praticamente non finirete più. Già, perché il tratto saliente di questa nuova demenziale incursione di Ben Stiller nella regia (ma è anche co-autore di soggetto e sceneggiatura) è che fa ridere. Tanto. Certo, è umorismo spesso di grana grossa, qua e là anche oltre i limiti dell’irriverenza, ma mette in fila una tale serie di trovate azzeccate, di caricature e di battute riuscite, da farsi perdonare le imperfezioni. Un film nel film, dunque: i nostri quattro, cui si aggiunge un quinto giovanissimo (alla fine fondamentale per risolvere la situazione) stanno girando «Tropic Thunder», pellicola sulla guerra in Vietnam tratta dal best seller di un «veterano». E per una serie di circostanze si trovano a combattere una «guerra» vera: dal cinema alla realtà, da attori a soldati, non senza qualche problema. Parodia dei film di guerra (citazioni esplicite di «Apocalypse Now», «Platoon», «Il cacciatore» e altri) ma anche di quelli d’avventura e della Hollywood di oggi tutta, la pellicola di Stiller non risparmia praticamente nessuno, mettendo sulla graticola un intero sistema. Le mega produzioni super truculente e ad alto tasso di sangue, certo, ma anche le persone del cinema: a partire dagli attori, dalle loro nevrosi e dai loro vizi, dalle loro manie e dalle loro crisi (esilarante il dialogo Stiller-Downey Jr. sull'identità). Ce n'è anche per gli agenti, che saranno anche amici dei loro «assistiti» ma di fronte a carrettate di denaro potrebbero pure lasciarli crepare. E ce n'è anche, forse soprattutto, per i produttori: qui il boss del film che si sta girando, Les Grossman (un irriconoscibile Tom Cruise in una delle performances più riuscite della carriera), è squalo come pochi. Last but not least, ce n'è anche per l’Academy, ed è forse una delle trovate più belle: il momento in cui Downey Jr. spiega a Stiller perché con l’interpretazione di un disabile (che di solito «funziona sempre» e significa Oscar) ha clamorosamente mancato anche la nomination è uno dei più comici di tutta la pellicola. Perché ha «toppato»? Perché «non si fa mai il completo ritardato»: non si esagera mai, insomma, altrimenti l’Academy non ci casca.di Lisa Oppici
Spesso si dice: non perdete i titoli di coda. Qui addirittura si raddoppia: non perdete quelli, sì, ma nemmeno i trailer che aprono «Tropic Thunder». I pochi minuti in cui ci vengono presentati i protagonisti del film (anch’esso intitolato naturalmente «Tropic Thunder») del quale la pellicola di Ben Stiller racconta la lavorazione: tre attori in cerca di rilancio affiancati da un giovane rapper. Non perdeteli, perché lì comincerete a ridere: e praticamente non finirete più. Già, perché il tratto saliente di questa nuova demenziale incursione di Ben Stiller nella regia (ma è anche co-autore di soggetto e sceneggiatura) è che fa ridere. Tanto. Certo, è umorismo spesso di grana grossa, qua e là anche oltre i limiti dell’irriverenza, ma mette in fila una tale serie di trovate azzeccate, di caricature e di battute riuscite, da farsi perdonare le imperfezioni. Un film nel film, dunque: i nostri quattro, cui si aggiunge un quinto giovanissimo (alla fine fondamentale per risolvere la situazione) stanno girando «Tropic Thunder», pellicola sulla guerra in Vietnam tratta dal best seller di un «veterano». E per una serie di circostanze si trovano a combattere una «guerra» vera: dal cinema alla realtà, da attori a soldati, non senza qualche problema. Parodia dei film di guerra (citazioni esplicite di «Apocalypse Now», «Platoon», «Il cacciatore» e altri) ma anche di quelli d’avventura e della Hollywood di oggi tutta, la pellicola di Stiller non risparmia praticamente nessuno, mettendo sulla graticola un intero sistema. Le mega produzioni super truculente e ad alto tasso di sangue, certo, ma anche le persone del cinema: a partire dagli attori, dalle loro nevrosi e dai loro vizi, dalle loro manie e dalle loro crisi (esilarante il dialogo Stiller-Downey Jr. sull'identità). Ce n'è anche per gli agenti, che saranno anche amici dei loro «assistiti» ma di fronte a carrettate di denaro potrebbero pure lasciarli crepare. E ce n'è anche, forse soprattutto, per i produttori: qui il boss del film che si sta girando, Les Grossman (un irriconoscibile Tom Cruise in una delle performances più riuscite della carriera), è squalo come pochi. Last but not least, ce n'è anche per l’Academy, ed è forse una delle trovate più belle: il momento in cui Downey Jr. spiega a Stiller perché con l’interpretazione di un disabile (che di solito «funziona sempre» e significa Oscar) ha clamorosamente mancato anche la nomination è uno dei più comici di tutta la pellicola. Perché ha «toppato»? Perché «non si fa mai il completo ritardato»: non si esagera mai, insomma, altrimenti l’Academy non ci casca.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

serie tv

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

serie b

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

I crociati in 10 per infortunio nel finale del secondo tempo

1commento

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

5commenti

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

1commento

gazzareporter

Bici "parcheggiata" in via Marchesi

arte

Dondi protagonista al Fuorisalone di Milano

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

4commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

parma

Lotta alla zanzara tigre: si parte (con obblighi anche per i privati)

tg parma

Talking teens: quando le statue di Parma prendono voce Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

scuola

Lucca, offese al prof: bocciati i tre studenti. Due alunni sospesi

stranieri

Giovane pakistana uccisa da padre e fratello in patria. Voleva sposare un italiano

SPORT

MOTOMONDIALE

Gp Americhe, terze libere: Marquez miglior tempo

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia