16°

28°

Spettacoli

Paghe, contratti, audizioni: la testimonianza di un orchestrale del Regio

Paghe, contratti, audizioni: la testimonianza di un orchestrale del Regio
Ricevi gratis le news
11

Dopo aver ascoltato e letto tanti commenti sulla vicenda che riguarda l'orchestra del Teatro Regio, interviene per portare la sua testimonianza anche uno degli orchestrali, il trombonista Alessio Savio. Ecco il contributo che ha inviato a Gazzettadiparma.it.

"Grande scalpore ha portato la lettura di una lettera di alcuni orchestrali "dissidenti", che evidenziavano grandi ingiustizie nella gestione del personale. Un dato ha attirato l'attenzione di molti: la paga dell'orchestrale arrivava addirittura a soli 67€ al giorno. Scandaloso. Meritano una punizione esemplare per come trattano i lavoratori. Cosa succede però nello stesso tempo nelle orchestre diciamo "riconosciute"? Ho in archivio contratti da dipendente con ICO per la cifra di 86€ lordi al giorno (5o livello anno 2008); oppure 99€ lordi (4o livello anno 2011). Meglio da prima parte: 113€ lordi (2o livello 2011). Tenendo conto che dobbiamo sottrarre il 9,19% di Enpals a carico del lavoratore, ed un 23% di IRPEF, le cifre diventano circa queste (arrotondate): 61€ 5o livello 2008, 70€ 4o livello 2011, 79€ 2o livello da prima parte. È un esempio tratto da una delle mie orchestre preferite, di grandissima professionalità e caratura artistica, con la quale mi sento onorato di collaborare. Altrove siamo comunque su queste cifre, ovviamente spese escluse (da freelance non vivo ovviamente nella città in cui lavoro). Ci possiamo aggiungere magari qualche trasferta, il viaggio A/R in treno, ma la sostanza non cambia molto. Non ho vergogna a dire che io di queste paghe non mi lamento. Ho la fortuna di lavorare molto, per cui a fine anno va bene, non mi arricchisco, ma contribuisco comunque alle economie di un nucleo familiare composto da me, la mia amatissima moglie Anna (precaria della scuola, in graduatoria ad esaurimento dal 2005) ed un bellissimo e simpaticissimo figlio di 2 anni (Gianmaria). Lavorando in due, e con la fortuna di avere l'aiuto ed il supporto dei nonni, si sta divinamente. Ma al contrario di quanto sta succedendo a Parma, nessuno ha mai messo in dubbio la legittimità di queste cifre, per le quali si stanno invece stracciando le vesti in quel del Regio. Preferisco poi non espormi sul tema audizioni (ne devo ancora fare parecchie, e sono pure una schiappa nell'affrontarle, non vorrei peggiorare ulteriormente la situazione...) se non per testimoniare come gli enti "riconosciuti" non siano obbligati a farle, e paradossalmente neppure a seguire la graduatoria stilata nel caso vengano fatte. Le testimonianze dei colleghi sull'impegno di varie compagini nel migliorare questa situazione sono ammirevoli, ma purtroppo rappresentano soltanto la classica "goccia nell'oceano". Negli USA l'essere freelance è uno status. A me piace anche se spesso è difficile. Certi eventi lo fanno diventare impossibile, ma non ne faccio una malattia, succede, e cambiare non è un dramma. È però triste constatare la miopia delle istituzioni, degli istituti preposti alla difesa dei diritti dei lavoratori, persino di molti colleghi di fronte a tutto questo. Dico miopia e non ipocrisia perché non voglio offendere nessuno, lascio comunque a voi decidere la "tonalità"giusta da dare alla vicenda." - Alessio Savio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rossano chiesa

    09 Agosto @ 14.14

    Nessuno ha dichiarato che tu stia meglio senza lavoro......non mettere in bocca parole che nessuno ha osato dichiarare o scrivere....tu pensi che le persone godano del fatto che vi sia una disoccupazione dilagante nel nostro settore o piu' in generale nel nostro Paese? Chi ha insinuato che tu non sei idoneo per suonare in Orchestra? Pero',credimi, risparmiaci certe lettere che aiutano solo i titolari di quell'Orchestra a uscire bene da una gestione dissennata. La nostra professione va tutelata da certi personaggi che usano il prossimo per i loro esclusivi interessi....... Mi ha colpito l'ultima frase di quell'orchestrale che ha denunciato la malagestione di questi anni; d'ora innanzi sara' meglio lavorare meno ma lavorare meglio. Trovo che abbia perfettamente ragione......aldila' della pagnotta che e' fondamentale conta anche l'orgoglio e la dignita' e soprattutto farsi rispettare.....questo e' fondamentale. A te auguro di tutto cuore, come a tutti quei colleghi disoccupati una sistemazione che vi possa garantire soddisfazioni ,diritti e quieto vivere...... Un saluto

    Rispondi

  • Marco

    09 Agosto @ 12.40

    Alessio, 10 recite con circa 5 giorni di prova per produzione fanno in tutto 20 giorni di lavoro al massimo 22, facevi senza cercare casa a Parma. Poi nessuno ti sta convincendo, ci hanno già pensato bene i tuoi amati superiori. Sei nelle loro mani.

    Rispondi

  • Alessio Savio

    09 Agosto @ 11.11

    Perdonami Grillo Parlante, vedrò di essere ancora più chiaro: ho scritto tutto quello che ho scritto per far sapere al mondo intero che HO PERSO UN LAVORO. Ho perso almeno 45gg di occupazione (Festival Verdi 2012) con un preavviso di poco più di un mese (tieni conto che stavo già cercando casa a Parma per quel periodo). Ho perso un lavoro e istituzioni, sindacati e colleghi mi voglio CONVINCERE CHE STO MEGLIO COSì. Scusami, ma non lo accetto. Per quel che riguarda poi la mia disanima sulle attuali condizioni lavorative, scusami ancora, ma mi pareva di aver risposto a questioni che TU mi avevi sollevato. Lo stesso valga per per la questione audizioni vinte: non posso permettere a nessuno di "insinuare" che non merito di suonare dove suono, come hai fatto nel tuo commento. Non potevo fare altro che difendermi, un minimo di amor proprio ancora mi è rimasto. Bella cosa poi la coscienza…, sta di fatto che fino a prova contraria, per coscienza, in questa pagina l'unico che ci ha messo la faccia è il sottoscritto, Alessio Savio.

    Rispondi

  • rossano chiesa

    09 Agosto @ 08.57

    Caro Alessio, tu puoi avere le tue ragioni, puoi avere ragione nel merito di cio' che scrivi relativamente alla situazione disastrosa in cui versa il nostro settore in questi anni, oggigiorno accentuata da questa maledetta crisi che ci attanaglia. Il motivo di discussione pero' e' un'altro; co's'e' successo in questi lunghi 13 anni all' interno di quella compagine denominata Orchestra del Regio? Quali motivi hanno spinto un gruppo di musicisti a denunciare una realta' che se vera e' da far accaponare la pelle? Com'e' possibile che un Luigi Boschi si permetta ,se non e' vero ,di inserire nel suo blog un articolo , da lui firmato,dal titolo "i falsari del Regio" in cui spiega con ogni minimo dettaglio cio' che si e' consumato in questi anni a livello amministrativo, di convenzioni stipulate tra Fondazione Teatro Regio e Societa' SRL, ecc. Com'e' possibile che soci di una societa' firmino una lettera i cui contenuti lascino molti dubbi e perplessita'....per esempio quando dichiarano che 180 euro giornalieri servivano a coprire le spese di gestione, ecc, quando invece risulta che la Fondazione Teatro Regio si facesse carico di tutti gli accessori....locali, uffici, personale impiegato che lavorava vicino all'Orchestra...ecc. Come e' possibile tutto cio'? Tu invece esci improvvisamente con una lettera in cui raffronti paghe da CCNL con cachet giornalieri, fai una disamina della situazione occupazionale nel nostro settore..... elenchi serie di audizioni in cui sei risultato idoneo..... Ti chiedo tutto questo perche' l'hai fatto? Pensi di essere il solo ad aver vinto audizioni in giro per il Paese e per il mondo? Ti sei mai chiesto, se hai suonato li' dentro, cosa succedeva, come venivano trattati certi prof. rispetto ad altri? Con tutto il rispetto per le tue lettere non ne ho, fin dall'inizio capito il senso e il motivo per cui le hai scritte. Comunque sia, ognuno di noi risponde e rispondera' alla sua coscienza..... Parola di un musicista

    Rispondi

  • Alessio Savio

    08 Agosto @ 13.18

    Chiedo scusa ad entrambi i "grilli", la mia risposta era ovviamente indirizzata al "grillo parlante"... ho male interpretato il layout del sito! Grazie in ogni caso anche al "grillo silente" per il contributo! E mi scusino anche i redattori di Gazzetta di Parma...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

2commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

4commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"