12°

24°

Spettacoli

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"
Ricevi gratis le news
0

Elena Formica

«Vado pazzo per il ruolo di Foresto nell’Attila e di Ismaele nel Nabucco!». Suvvia, è logico che, chiedendo a un artista come Francesco Meli quali opere più di tutte desideri cantare, non ci si può attendere una risposta così «commovente».  Persino un tenorello o un tenoraccio fra i tanti con sogni impossibili (specie se verdiani) snocciolerebbe titoli come Il Trovatore, Don Carlo, La forza del destino, Otello.
«Absit iniuria verbis», ovvero: giammai s’offenda la gran musica di Verdi, né alcuna delle sue opere (prime, ultime o mediane), né i ruoli d’ogni tipo, né i tenori d’Attila e Nabucco. Ma se a un artista del calibro di Francesco Meli – com’egli stesso racconta - il Teatro Regio rivolge al volo una domanda («che cosa vuoi cantare in gennaio a Parma?»), la risposta saettante è questa: «Riccardo. Un Ballo in maschera».  Non c’era da aspettarsi – per intenderci – un’opera dove il tenore non fosse splendido protagonista.
Affare fatto. Con Un ballo in maschera s’inaugurerà domani, al Teatro Regio, il secondo centenario della nascita di Verdi. Ed ecco, rigorosamente in fila, tre ottime ragioni: «La prima è che nel 2011 ho felicemente debuttato nel ruolo di Riccardo proprio a Parma – spiega il tenore – e finora non l’ho ripetuto altrove. Poi, essendo stato invitato dal Regio “in zona Cesarini”, cioè con un margine d’anticipo assolutamente minimo rispetto all’inaugurazione del bicentenario verdiano, non potevo che proporre a Parma un capolavoro, un’opera che sento molto “mia” come Un ballo in maschera. Vogliamo aggiungere  che potevo anche avere al fianco mia moglie (il soprano Serena Gamberoni, ndr) nel ruolo di Oscar? Una ragione di più, questa, per offrire tale titolo a Parma». 
Riavvolgendo il nastro al punto di partenza (“che cosa ti piacerebbe cantare?”), Meli parla amabilmente di Don Carlo («l’ho già studiato qualche tempo fa - dice -, adesso potrei anche debuttarlo»), della Forza del destino, di Ernani. C’è di bello che con un artista così si può vagheggiare, ma anche motivatamente sperare in un futuro emozionante e sensato (altro che certo becero presente!) dell’interpretazione verdiana: perché Meli ha voce, classe, carisma, ma soprattutto ha cultura. Non a caso, si definisce «un musicista». E non soltanto perché suona bene il pianoforte, ma anche e soprattutto perché - precisa - un cantante lirico «è a tutti gli effetti un musicista (o almeno dovrebbe esserlo), nel senso che, quando studia per conto proprio accompagnato dal pianoforte, deve decidere qualcosa di fondamentale a livello musicale: i fiati, il fraseggio, gli accenti, gli staccati, eccetera. Il cantante deve presentarsi alle prove con una propria linea musicale, deve cioè essere in grado di mettere a disposizione del “materiale” vero da condividere con i colleghi e il direttore. Ve lo immaginereste Pollini che, dovendo suonare “L’Imperatore” di Beethoven, aspettasse di fare ciò che gli ordina Abbado? La verità è che Pollini sa già come suonare “L’Imperatore” e su tale base si svilupperà l’interrelazione con Abbado. Voglio dire, con ciò, che lo stesso meccanismo deve instaurarsi nell’opera tra cantanti e direttore, ossia  tra musicisti».
Amatissimo dal pubblico parmigiano, Meli è stato acclamato al Regio in Così fan tutte, Simon Boccanegra, I Lombardi alla prima Crociata, Werther. Erano gli anni della sovrintendenza di Mauro Meli. «E’ stato un periodo importante – ricorda il tenore -, durante il quale sono stati realizzati a Parma progetti artistici straordinari. Penso alle opere allestite al Teatro Farnese, un luogo magico. Che dire: il più bel teatro del mondo, un’enorme risorsa di questa città». Adesso la Fondazione Regio è guidata da Carlo Fontana, amministratore esecutivo, e da Paolo Arcà, direttore artistico: « Conosco Arcà da parecchi anni – dice Meli -, è un musicista e un direttore artistico di valore, del quale ho grande stima. Ho lavorato con lui alla Scala, al Maggio Musicale Fiorentino e, prima ancora, al Carlo Felice di Genova, nella mia città. Ero molto giovane e Arcà mi ha dato fiducia: gliene sono grato. Quanto a Fontana, che è figura di indiscutibile rilievo, sono quasi imbarazzato a dirlo, ma è un mio “fan”. E’ venuto a sentirmi a Venezia nel Trovatore, mi segue da tempo come un semplice “appassionato”. Beh, non è da tutti…!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

anteprima gazzetta

Bimba di dieci anni, da Bari salvata al Maggiore dopo mesi da incubo Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

22commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

Parco d'Abruzzo

Un orso muore durante la cattura e si riapre la polemica

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

Musica

Nessun colpevole per la morte di Prince

MOBILITA'

Auto senza pilota: parte anche in Italia la sperimentazione

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti