19°

Spettacoli

Film recensioni - Spielberg dà lezione di Storia

Film recensioni - Spielberg dà lezione di Storia
Ricevi gratis le news
0

Filiberto Molossi
«Questa non è la solita cosa: questa è la Storia». Aveva un’anima «rivoluzionaria» eppure gentile e generosa, il presidente: lui, padre di milioni di figli perduti, alto e dritto come un fuso nel chiaroscuro epico del destino. Ostinato come Achab nel mare in tempesta dell’odio e della lacerazione, deciso a cancellare - non per sete di vendetta ma di giustizia - una vergogna grande quanto un’indomabile balena: visionario vero, che dentro quell'immenso e umilissimo sé conservava ancora la capacità di meravigliarsi. Che poi, se ci pensate bene, è il senso segreto del cinema.
 E' un film da galantuomini, un kolossal volutamente mancato e invece inaspettatamente introspettivo, privato, «Lincoln», forse vecchio per concezione e un poco inamidato, ma bello e saggio e insolitamente attuale, là dove le fondamentali battaglie politiche e civili di ieri - come l’abolizione della schiavitù - dell’uomo che volle che tutti gli uomini fossero liberi, si specchiano, in via metaforica, nelle sofferte sfide di oggi - dalla riforma sanitaria a quella sull'immigrazione - del primo presidente di colore.
Perché è solo così, con coraggio, determinazione, capacità di guardare oltre, che (si) cambia il mondo. Lo sa anche Steven Spielberg, l’ex ragazzo di Cincinnati che faceva volare gli alieni in bicicletta e che ora affronta, attento a non sgualcirlo, un gigante della storia made in Usa, evitando la trappola del biopic (ci si concentra, con scelta azzeccata, solo sugli ultimi 4 mesi di vita del 16° presidente americano) per girare un film classicissimo e magistrale dove il regista di «Schindler's list» celebra il trionfo della parola (figlia della ragione, in un periodo storico per molti versi dominato ancora dall’istinto) sull'immagine, nella ricostruzione monumentale di un pensiero, di un ideale, prima ancora che di un’epoca.
Entrato in scena con uno splendido movimento di macchina all’indietro, che lo raffigura seduto quasi come nella statua simbolo di Chester French a Washington, l’Abraham Lincoln di Spielberg si batte e trama per fare approvare, ad ogni costo, il tredicesimo emendamento alla Costituzione: quello che abolisce la schiavitù. E’ il 1865 e la giovane America è dilaniata da una sanguinosa guerra civile che il Nord si appresta a vincere: ma il repubblicano Lincoln sa che solo se la Camera approverà quel testo per molti inaccettabile il Paese potrà davvero ripartire forte e unito.
Antitetico (stilisticamente e «filosoficamente») a un altro film profondamente antirazzista nelle sale in questi giorni come il «Django» di Tarantino, «Lincoln», favorito d’obbligo con le sue 12 nomination all’Oscar (ma attenti: la sorpresa, come ai Golden Globes, potrebbe essere in agguato), scolpisce la figura mitica, dolente e illuminata di un padre della patria che nel cuore si portava il peso della morte di un figlio e di un conflitto fratricida e sulle spalle quello di un’intera nazione: un uomo senza tempo costretto a giocare il gioco sempre sporco della politica (perché sì, il fine - se davvero è grandioso - giustifica i mezzi), narratore instancabile affezionato alle sue metafore, statista che issò il vessillo della dignità umana votandosi al martirio. Protagonista monstre che Spielberg rilegge con credibilità grazie a una pellicola molto ben scritta, dipingendo, complice la fotografia di Janusz Kaminski che lo costringe a girare a lume di candela, ogni inquadratura, ogni ombra. Mettendo infine la teatralità della messinscena al servizio di un cast assai ispirato dove non ci si può non inchinare all’impressionante, meticolosa e straordinaria prova di Daniel Day-Lewis, protagonista di un’interpretazione anche fisica, giocata sull'altezza e sulla voce (ha impiegato un anno per trovare quella giusta...: nella versione italiana è doppiato da Favino), di smisurata efficacia. La stessa che potrebbe ora regalargli il terzo Oscar: quello che nessun attore ha mai vinto.

Giudizio: 4/5

Scheda - LINCOLN

 
REGIA:  STEVEN SPIELBERG
SCENEGGIATURA:  TONY KUSHNER dal libro «Team of Rivals: the Political Genius of Abraham Lincoln» di DORIS KEARNS GOODWIN
FOTOGRAFIA: JANUSZ KAMINSKI
MUSICHE: JOHN WILLIAMS
INTERPRETI:  DANIEL DAY-LEWIS, TOMMY LEE JONES, SALLY FIELD, DAVID STRATHAIRN JAMES SPADER, JOSEPH GORDON-LEVITT
GENERE:  STORICO
Usa 2012, colore, 2 h e 30’
DOVE:  D’AZEGLIO, THE SPACE CINECITY, CRISTALLO (Borgotaro)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno