16°

28°

Spettacoli

Il Boss tra pioggia e "'O sole mio"

Il Boss tra pioggia e "'O sole mio"
Ricevi gratis le news
0

 Paride Sannelli
Quando dice che forse solo a 75 anni saprà esattamente cosa fare della sua vita, Bruce Springsteen si regala un altro decennio di scorribande come quella che ieri sera l'ha portato sotto il cielo bigio di Napoli, in Piazza Plebiscito, per il primo concerto lontano da arene e stadi di questo suo Wrecking Ball Tour 2013, atteso pure a Padova il 31 maggio, a Milano il 3 giugno e a Roma l'11 luglio. Anche se quello all'ombra di Palazzo Reale era il primo in assoluto della sua carriera in una grande piazza, riempita solo per tre quarti a causa della pioggia, del biglietto da 75 euro, dei soli posti in piedi, e di una crisi che in Campania morde più che altrove.   Diciassettemila biglietti venduti contro una disponibilità di venticinque, anche se un anno fa per Ligabue si arrivò a trentaduemila. Su un palco sormontato dal tricolore e dalla bandiera americana a simboleggiare le due anime di una corsa senza respiro sulla strada del tuono, Bruce ha fatto la sua comparsa in scena attorno alle 20,20 col romantico sottofondo di tre fisarmoniche che distillavano le note di «'O sole mio» per introdurre lo show con l'eccitata emozione di un ritorno a casa (il nonno materno Antonio Zerilli era di Vico Equense, paese cui più tardi dedicherà «My hometown»).
«Questo è il sole della mia famiglia, perché sono un uomo del Sud», ha ricordato il Boss prima di bruciare le corde della sua Stratocaster con «Long walk home» e poi ancora «My love will not let you down»,  «Out in the street». «'O sole mio», ma nella versione elvisiana di «It's now or never», Bruce  l'aveva già cantata al popolo partenopeo sedici anni fa dal un balcone del Teatro Augusteo dopo aver dato voce e sentimento alle canzoni di sabbia e rancore di «The ghost of Tom Joad».  Ma pure in questa coda 2013 del suo Wrecking Ball Tour (già passato per lo Stivale un anno fa) Springsteen non arretra di un centimetro sulle sue prerogative di gladiatore rock; e mai come ora ogni suo concerto è diverso dall'altro per spirito, intenzioni e, naturalmente, scaletta. Il repertorio deciso in camerino e scritto di pugno dal Boss sui grandi fogli bianchi disseminati su tutto il palco finisce fatalmente per costituire solo uno spunto, un'idea di percorso da cui poi svicolare in ogni direzione. Guai a prenderlo per oro colato. Prova ne sia che dopo una manciata di pezzi - tra cui l'imprescindibile «Promised land» - la scaletta affissa ai quattro angoli del palco già deragliava con «Hungry heart» e poi ancora con «Rosalita (come out tonight)» o «Radio nowhere» eseguire da Bruce con la «febbre» e la voglia di essere pericolosamente se stesso, sempre e comunque, anche sotto la pioggia sempre più fitta.  Al suo fianco la E-Street band, senza Patti Scialfa - già volata con i figli in Germania (la prossima tappa del tour è domenica a Monaco di Baviera) dopo due giorni di vacanza «familiare» all'Hotel Villa d'Este di Cernobbio, sul lago di Como - rinforzata dalla sezione fiati in cui spicca il sax tutto animo e polmoni di Jack Clemons, nipote dell'indimenticato «Big Man» Clarence.  Una «The river» impreziosita dalla corista Cyndi Mizelle e una «Prove it all night» riproposta nella versione originale, quella del 1978, con torrenziale coda finale, sono gli altri colpi di testa di uno show preceduto a metà pomeriggio dalla comparsa a sorpresa del Boss sul palco per un paio di brani voce e chitarra come «This hard land» e la «Growin' up» del primissimo album «Greetings from Asbury Park, N.J.» dopo aver ricevuto dal sindaco di Napoli De Magistris una targa con il suo albero genealogico.
 Fra il pubblico c'era l'attore Giuseppe Battiston, che s'è comprato i biglietti per lo show di Napoli e degli altri tre al di qua dalle Alpi venerdì prossimo allo Stadio Euganeo di Padova, il 3 giugno a San Siro e l'11 luglio all'Ippodromo delle Capannelle di Roma. E chissà che in una di queste date Springsteen non decida di fare al pubblico italiano almeno uno dei tre regali fatti ai fan svedesi: eseguire dal vivo un album per intero per ciascuno dei tre concerti a Stoccolma («Born tu run», «Darkness on the edge of town» » e «Born in the Usa» dalla prima all'ultima canzone).
La pioggia, intanto, che ancora scroscia durante «Waitin' on a sunny day» (con l'ormai consueto siparietto del ragazzino fatto salire sul palco per cantare una strofa), si placa con la scaramantica «Who'll stop the rain» dei Creedence - suo cavallo di battaglia. Poi arrivano «The rising», «Born in the Usa», «Born to run», fino al gran finale con «Dancin' in the dark» (e la ragazza chiamata a ballare sul palco), «Tenth Avenue Freeze-out» (con l'omaggio a Clarence Clemons), «Twist and shout» in medley con «La Bamba» e un'intensa «Thunder Road»: tre ore filate e arrivederci a presto. Anzi, come ha detto lui stesso, «Ve' vojo bene assaje». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

2commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

4commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"