14°

27°

Spettacoli

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano
Ricevi gratis le news
1

 Dall’ottobre 2004 lo possiamo chiamare Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana; dal 2006, alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma, è diventato anche cittadino italiano. Robert De Niro, 70 anni compiuti ieri,  nonostante il carattere schivo, è sempre stato orgogliosamente legato a quel doppio passaporto, quasi un attestato di fedeltà alla memoria dei nonni, i molisani Giovanni De Niro e Angelina Mercurio, emigrati a New York. Suo padre, Robert Senior, faceva invece l’artista, aveva sposato una poetessa e pittrice di sangue inglese e lasciò la famiglia poco dopo la Guerra, quando il ragazzino (nato il 17 agosto del 1943) muoveva i primi passi a Little Italy.

Pessimo studente sui banchi, ottimo allievo sulla strada, Robert De Niro trovò nel vicino Martin Scorsese l’amico d’elezione. Mette per la prima volta il naso su un set con una piccola parte in «Tre camere a Manhattan» di Marcel Carnè (1965). Ma è tre anni dopo che fa il suo ingresso nel cinema, e dalla porta principale. Un altro "figlio di Little Italy" come Brian De Palma (in verità nato a Newark), lo sceglie come protagonista per «Ciao America» e «Hi Mom!». 
A fare la differenza è il "clan" degli italo-americani, ricchissimo di talenti: Scorsese, Coppola, Cimino, De Palma, De Niro, Pacino, Pesci.  A Francis Coppola il giovane Bob De Niro dovrà il suo primo Oscar (da non protagonista) per il giovane Vito Corleone nel «Padrino Parte II». Di suo, De Niro aggiunse una formidabile recitazione quasi tutta in siciliano (lingua appresa in poche settimane) e si incontra sul set con Al Pacino che, in qualche modo, sarà il suo antagonista storico sulla scena hollywoodiana. Ma un anno prima, nel 1973, era invece Martin Scorsese a cambiare la vita artistica dell’amico Bob, affiancandolo a Harvey Keitel nel suo film d’esordio «Mean Streets». Il sodalizio tra i due divenne anche un’amicizia inossidabile, punteggiata da ben otto film tra cui il formidabile «Taxi driver» (quasi un manifesto generazionale) e quel «Toro scatenato» che nel 1981 valse a De Niro il suo secondo oscar, questa volta da protagonista.
Se il trionfo popolare viene dal «Cacciatore» con Michael Cimino a orchestrare l'imperdibile duetto con Meryl Streep, è invece l’incontro con Bernardo Bertolucci a far crescere ancora la maturità espressiva di De Niro. E non è forse un caso che pochi anni dopo la saga di «Novecento» (1976), De Niro si ripeta agli ordini di un altro italiano, Sergio Leone, per «C'era una volta in America» (1984). Sono così tante e spesso così potenti le interpretazioni di De Niro a cavallo tra gli anni '80 e '90 che il solo elenco trasforma una riflessione critica in una Guida Monaci. 
Dopo, qualcosa in lui si trasforma radicalmente. L'uomo sembra trovare una quiete interiore: dal 1997 è marito fedele di Grace Hightower, padre dei suoi due figli (altri tre ne ha da relazioni precedenti) e due volte nonno. L’attore riscopre quella vena comica che lo aveva rivelato agli esordi con De Palma come nell’autoironico «Terapia e pallottole» (1999) o nella popolarissima saga dei Fockers da «Ti presento i miei» (2000), fino all’incursione italiana di «Manuale d’amore 3» nel 2011. C'è infine l’uomo di cultura che lancia il Tribeca Film Festival all’indomani della tragedia delle Twin Towers; regista sorvegliato fino alla mania della misura nell’opera d’esordio, l'autobiografico «Bronx» (1993) e nella bellissima, dolente spy story «The Good Shepherd» (2003) che apre una trilogia dedicata alle malefatte dei servizi segreti americani. Adesso tutti lo aspettano atteggiato da mafioso in pensione nel «Malavita» di Luc Besson, ora che ha visto la sua carriera rilanciata dalla nomination all’Oscar per «Il lato positivo».
Ma si ha spesso la sensazione che il fuoco vitale, rabbioso, segreto di Bob De Niro arda ormai altrove, che la recitazione, il cinema stesso, non gli bastino più. Ha nominato il suo erede, Leonardo Di Caprio; ha chiarito che il regista a cui non potrà mai dire no resta l’amico Scorsese; ha presieduto la giuria di Cannes e ricevuto la Legion d’Onore. Cosa può cercare ancora? Una volta ha detto «Il talento sta nelle scelte»; adesso il suo talento sta in una scelta che certamente non assomiglierà al suo passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Letizia

    18 Agosto @ 23.22

    70 anni vissuti alla grande, il mio amato Bob è meraviglioso ed interprete dei miei film preferiti. Sono felice di ogni sua scelta cinematografica, che vada dal drammatico fino alla commedia e sono curiosissima di vederlo prossimamente nel nuovo film di David O. Russell, American Hustle (infondo hanno già lavorato insieme per Il Lato Positivo, anche lì ottima ed inaspettata interpretazione). Giusto ieri mi sono vista qualche film e ho onorato il suo compleanno grazie ad una maratona su cubovision :) lunga vita a Robert, che possa donarci tanti altri splendidi personaggi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

serie b

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

I crociati in 10 per infortunio nel finale del secondo tempo

1commento

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

5commenti

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

1commento

gazzareporter

Bici "parcheggiata" in via Marchesi

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

4commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

parma

Lotta alla zanzara tigre: si parte (con obblighi anche per i privati)

tg parma

Talking teens: quando le statue di Parma prendono voce Video

cosa cambia

Parma-Carpi al Tardini: ecco le modifiche alla viabilità

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

scuola

Lucca, offese al prof: bocciati i tre studenti. Due alunni sospesi

stranieri

Giovane pakistana uccisa da padre e fratello in patria. Voleva sposare un italiano

SPORT

MOTOMONDIALE

Gp Americhe, terze libere: Marquez miglior tempo

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia