20°

Spettacoli

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano
Ricevi gratis le news
1

 Dall’ottobre 2004 lo possiamo chiamare Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana; dal 2006, alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma, è diventato anche cittadino italiano. Robert De Niro, 70 anni compiuti ieri,  nonostante il carattere schivo, è sempre stato orgogliosamente legato a quel doppio passaporto, quasi un attestato di fedeltà alla memoria dei nonni, i molisani Giovanni De Niro e Angelina Mercurio, emigrati a New York. Suo padre, Robert Senior, faceva invece l’artista, aveva sposato una poetessa e pittrice di sangue inglese e lasciò la famiglia poco dopo la Guerra, quando il ragazzino (nato il 17 agosto del 1943) muoveva i primi passi a Little Italy.

Pessimo studente sui banchi, ottimo allievo sulla strada, Robert De Niro trovò nel vicino Martin Scorsese l’amico d’elezione. Mette per la prima volta il naso su un set con una piccola parte in «Tre camere a Manhattan» di Marcel Carnè (1965). Ma è tre anni dopo che fa il suo ingresso nel cinema, e dalla porta principale. Un altro "figlio di Little Italy" come Brian De Palma (in verità nato a Newark), lo sceglie come protagonista per «Ciao America» e «Hi Mom!». 
A fare la differenza è il "clan" degli italo-americani, ricchissimo di talenti: Scorsese, Coppola, Cimino, De Palma, De Niro, Pacino, Pesci.  A Francis Coppola il giovane Bob De Niro dovrà il suo primo Oscar (da non protagonista) per il giovane Vito Corleone nel «Padrino Parte II». Di suo, De Niro aggiunse una formidabile recitazione quasi tutta in siciliano (lingua appresa in poche settimane) e si incontra sul set con Al Pacino che, in qualche modo, sarà il suo antagonista storico sulla scena hollywoodiana. Ma un anno prima, nel 1973, era invece Martin Scorsese a cambiare la vita artistica dell’amico Bob, affiancandolo a Harvey Keitel nel suo film d’esordio «Mean Streets». Il sodalizio tra i due divenne anche un’amicizia inossidabile, punteggiata da ben otto film tra cui il formidabile «Taxi driver» (quasi un manifesto generazionale) e quel «Toro scatenato» che nel 1981 valse a De Niro il suo secondo oscar, questa volta da protagonista.
Se il trionfo popolare viene dal «Cacciatore» con Michael Cimino a orchestrare l'imperdibile duetto con Meryl Streep, è invece l’incontro con Bernardo Bertolucci a far crescere ancora la maturità espressiva di De Niro. E non è forse un caso che pochi anni dopo la saga di «Novecento» (1976), De Niro si ripeta agli ordini di un altro italiano, Sergio Leone, per «C'era una volta in America» (1984). Sono così tante e spesso così potenti le interpretazioni di De Niro a cavallo tra gli anni '80 e '90 che il solo elenco trasforma una riflessione critica in una Guida Monaci. 
Dopo, qualcosa in lui si trasforma radicalmente. L'uomo sembra trovare una quiete interiore: dal 1997 è marito fedele di Grace Hightower, padre dei suoi due figli (altri tre ne ha da relazioni precedenti) e due volte nonno. L’attore riscopre quella vena comica che lo aveva rivelato agli esordi con De Palma come nell’autoironico «Terapia e pallottole» (1999) o nella popolarissima saga dei Fockers da «Ti presento i miei» (2000), fino all’incursione italiana di «Manuale d’amore 3» nel 2011. C'è infine l’uomo di cultura che lancia il Tribeca Film Festival all’indomani della tragedia delle Twin Towers; regista sorvegliato fino alla mania della misura nell’opera d’esordio, l'autobiografico «Bronx» (1993) e nella bellissima, dolente spy story «The Good Shepherd» (2003) che apre una trilogia dedicata alle malefatte dei servizi segreti americani. Adesso tutti lo aspettano atteggiato da mafioso in pensione nel «Malavita» di Luc Besson, ora che ha visto la sua carriera rilanciata dalla nomination all’Oscar per «Il lato positivo».
Ma si ha spesso la sensazione che il fuoco vitale, rabbioso, segreto di Bob De Niro arda ormai altrove, che la recitazione, il cinema stesso, non gli bastino più. Ha nominato il suo erede, Leonardo Di Caprio; ha chiarito che il regista a cui non potrà mai dire no resta l’amico Scorsese; ha presieduto la giuria di Cannes e ricevuto la Legion d’Onore. Cosa può cercare ancora? Una volta ha detto «Il talento sta nelle scelte»; adesso il suo talento sta in una scelta che certamente non assomiglierà al suo passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Letizia

    18 Agosto @ 23.22

    70 anni vissuti alla grande, il mio amato Bob è meraviglioso ed interprete dei miei film preferiti. Sono felice di ogni sua scelta cinematografica, che vada dal drammatico fino alla commedia e sono curiosissima di vederlo prossimamente nel nuovo film di David O. Russell, American Hustle (infondo hanno già lavorato insieme per Il Lato Positivo, anche lì ottima ed inaspettata interpretazione). Giusto ieri mi sono vista qualche film e ho onorato il suo compleanno grazie ad una maratona su cubovision :) lunga vita a Robert, che possa donarci tanti altri splendidi personaggi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi, 34 denunciati

I gestori dei centri massaggi erano cinesi residenti nel Milanese. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Disagi anche in autostrada

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno