10°

28°

Spettacoli

Verdi, il miracolo italiano

Verdi, il miracolo italiano
Ricevi gratis le news
0

LONDRA

DAL NOSTRO INVIATO
Luigi Alfieri
«Uno panino con cotoletta di pollo, uno croissant vuoto, una bottiglia di acqua». La signora cinese, minuta e timida, affronta il barista dell’aeroporto di Linate con difficoltà. Lui è un omone gentile, ma l’italiano è una linguaccia ostica per chi è abituato al mandarino e la signora è un po’ stralunata. «Otto euro», fa il barista, come per dire: «Poveretta, chissà se ce li avrà, otto euro». 
Allunga il sacchetto e la mano di Zhang Xian si sporge incerta e afferra il cartoccio. Zhang Xian, un'extracomunitaria, certo, ma – il barista non può sospettarlo - non una qualsiasi. E’ il direttore musicale  dell’Orchestra  sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. Musicista di fama internazionale, prima donna in Italia a dirigere un’orchestra. Intorno a lei all'uscita  numero 9, un piccolo esercito di uomini in jeans e T-shirt e di donne dall’aria vagamente hippy.  Pantaloni strappati al ginocchio, magliette improponibili con stampate bottiglie di birra e bislacche scritte in inglese. 
Tra  i maschi molti capelli lunghi tirati a coda di cavallo o sciolti sulle spalle. Barbe incolte. Più John Lennon che Arturo Toscanini. Più un’armata Brancaleone che un’orchestra lanciata alla conquista del tempio della musica popolare inglese: la Royal Albert Hall. Un mito.  Un’arena da seimila posti, che se ne sta bella e altera nel cuore del cuore di Londra: South Kensington. Rotonda come un panettone, grande come una montagna, ricamata come un pizzo. Il sogno di chi fa musica; leggera o classica non importa.  L’orchestra Giuseppe Verdi è stata invitata qui. L’ospite si chiama British Broadcasting Corporation, la BBC. Tocca ai professori un po’ casual milanesi sventolare la bandiera di Giuseppe Verdi nel più popolare festival musicale inglese, i Proms della BBC, nell’anno del bicentenario. Un compito da svolgere in diretta televisiva e radiofonica mondiale, un compito da fare tremare le vene. L’orchestra festeggia i primi vent’anni di vita in questo 2013 e un successo a Londra potrebbe essere una nuova consacrazione; un fallimento, l’inizio della fine. Sono in gioco il buon nome di Verdi e della Verdi. Della musica e del talento artistico italiani. Serve un’impresa. 
Sull’aereo per Heathrow si parla di smartphone, di Apple, di Microsoft, di pensione, di contributi, qualcuno racconta improbabili avventure erotiche, come potrebbero farlo Benigni o il povero Troisi, mai un accenno al Cigno, alla musica, alla Royal Albert. Le risate ci sono ma tirate. Sotto la spavalderia c’è la tensione. Il maestro sgranocchia il panino alla cotoletta di pollo senza entusiasmo: chissà in che lingua sta ripassando gli spartiti di Jò Green... Chissà come si traducono in mandarino le emozioni di un uomo nato lungo il Po... Alla National Gallery c’è la mostra su «Jan Vermeer e la musica nei quadri della pittura Olandese del Seicento»: sono esposti gli strumenti d’epoca. I professori in T-shirt la snobbano. Ci va solo il direttore della Fondazione Verdi, Luigi Corbani, che ostenta calma e sicurezza molto british, anche se dentro deve provare le emozioni di un candidato padre in sala parto. Sarà maschio o femmina il concerto alla Royal? Non bastano le tinte pastello e le luci soffuse del maestro fiammingo a rallentare i suoi battiti cardiaci. 
Nel pomeriggio  le prove: Il cilindro della Albert Hall è veramente immenso. Voci e suoni debbono riempire spazi infiniti. Gli orchestrali indossano i soliti costumi: magliette a righe, jeans sdruciti, scarpe da ginnastica. Fanno foto coi telefonini e le lanciano su Facebook; scolaretti in gita. Poi arriva sul podio Zhang Xian. E’ un’altra donna. Con la bacchetta in mano è elegante come Roberto Baggio, determinata come Claudio Gentile, veloce come Paolo Rossi, che sono gli italiani più conosciuti dagli inservienti del teatro. Tutti gli sguardi sono su di lei, tutte le tensioni si sfogano nei suoi gesti, l’armata Brancaleone diventa un corpo unico, compatto. Una macchina perfetta, che produce note ed emozioni. 
La Zhang è dolce e spietata. Segue il complesso e i singoli senza perdere una battuta. «Rifacciamo la Ouu, ancora, più forte». «La 123, su la 123, forza». E la voce di Verdi riempie l’Arena. Ma non va bene: «123. Ancora. Ancora». Poi un urlo: «I cooorniii. I don’t hear the corni». «Come maestro? I corni? Ma noi stiamo suonando come al solito». «Non sento i corni». Panico. Poi i corni si spostano di mezzo metro. E la loro voce esplode. «Va bene, avanti!».  Quattro ore così. A provare e riprovare, coi cameramen della Bbc stravolti dalla fatica e bagnati di sudore. Tra due ore c’è il concerto: tutti in albergo. La sera è tiepida. Il cielo rosa. Da Hyde Park arriva un venticello leggero. Alle 19 la Royal Albert è piena in ogni ordine di posti. Sold out. Ci sono ottocento persone in piedi nell’arena. Cinquemila e duecento nei posti a sedere. Sono lì per Verdi e per la Verdi. Quando entra l’orchestra è difficile riconoscere i passeggeri del volo AZ 230 da Linate. 
Vecchi Frac e vestiti neri a caviglia parlano chiaro. Adesso non si scherza più. Adesso facciamo vedere cosa sanno fare gli italiani. Da Verdi in su. Si apre con la Forza del destino: applausi. Poi, i Vespri, Traviata, la Marcia trionfale dell'Aida. Ad ogni brano sempre più applausi, urla, fischi di gioia. Piedi che battono il pavimento.
 La Zhang è sicura, leggera, magnetica. L’orchestra è una macchina perfetta. I corni squillano marcando l’aria col loro suono. Gli archi sono i soliti archi della Verdi: insuperabili. La musica del Cigno è sempre la musica del Cigno. Va dritta al cuore senza fronzoli e quando il tenore Joseph Calleja chiude la «Donna è mobile», ultimo ruffianissimo brano della parte verdiana del concerto, scoppia il teatro. Un minuto di applausi, un altro ancora. Ancora urli. Batter di piedi. Spuntano le bandiere tricolori. Cinque minuti ancora di applausi. Un altro miracolo italiano. La Zhang - si vede bene - vorrebbe concedere i bis che vengono richiesti a gran voce, ma la diretta della BBC ha i suoi tempi. C’è da suonare Tchaikovsky. Gli applausi vanno avanti ancora. E ancora. Una festa. Altro che cotolette di pollo: Verdi e la Verdi offrono caviale e champagne. E tutto è cominciato a Busseto duecento anni fa. A due passi dal Po.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street