17°

28°

Spettacoli

La "confessione" di Bernardo Bertolucci: "Io e Marlon Brando colpevoli verso Maria Schneider"

La "confessione" di Bernardo Bertolucci: "Io e Marlon Brando colpevoli verso Maria Schneider"
Ricevi gratis le news
21

"Forse sono stato colpevole per Maria Schneider, ma non potranno condannarmi per questo": è la confessione shock di Bernardo Bertolucci a Parigi durante la masterclass sul cinema organizzata alla Cinematheque francaise, che fino al 13 ottobre dedica all’opera del regista una retrospettiva.

Commentando con il direttore della cineteca, Serge Toubiana, e davanti a una sala gremita – tra i presenti anche l'ambasciatore d’Italia a Parigi, Giandomenico Magliano, e la direttrice dell’Istituto italiano di cultura, Marina Valensise - i retroscena di 'Ultimo tango a Parigì (1972), Bertolucci si sofferma in particolare sulla scandalosa 'scena del burrò tra la Schneider e Marlon Brando, a suo tempo censurata (in Italia dopo varie traversie giudiziarie il film finì al rogo), che fu il motivo della rottura tra lui e la Schneider.
 
"L'idea di come girare questa scena è venuta a me e a Marlon Brando mentre stavamo facendo colazione seduti sulla moquette dell’appartamento parigino e ad un certo punto lui ha cominciato a spalmare del burro su una baguette: subito ci siamo dati un’occhiata complice – ha detto il regista -. Abbiamo deciso di non dire niente a Maria per avere una reazione più realistica".
Alla domanda se non ritenga che sarebbe considerato "immorale al giorno d’oggi" comportarsi così sul set con i propri attori, il regista ha risposto ironico di "non essere un uomo di oggi". Per poi ritornare serio: "Maria voleva fare cinema a tutti i costi, era molto giovane, aveva appena vent'anni all’epoca del film – ha raccontato Bertolucci -. Per tutta la sua vita poi è stata molto rancorosa sia nei miei confronti che nei confronti di questo film. Rancorosa perchè si è sentita sfruttata. E' purtroppo quello che spesso succede quando si è dentro un’avventura che non si comprende. Lei aveva un’intelligenza istintiva. Non aveva i mezzi per filtrare quello che gli è successo". E ha concluso: "Forse sono stato colpevole per Maria Schneider ma non potranno condannarmi per questo".
 
Nonostante le sia valsa la celebrità planetaria, Maria Schneider, ha dichiarato in più occasioni che la famosa scena di sesso anale non era nella sceneggiatura e potendo avrebbe voluto non girarla perchè l’ha considerata una manipolazione, una violenza e un’umiliazione. Seguirono scompensi psicologici e anni di dipendenza da stupefacenti. Solo alla sua morte prematura, nel 2011, a 58 anni, dopo una lunga malattia, Bertolucci ha ammesso per la prima volta che avrebbe voluto "chiederle scusa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    18 Settembre @ 14.08

    @ William They sono morti il padre (poeta) ed il fratello: il regista è vivo e vegeto (e starà toccando ferro...), ha appena fatto il presidente alla Mostra del Cinema a Venezia...

    Rispondi

  • medioman

    18 Settembre @ 12.57

    @cristina: io, invece, penso che Maria fosse perfettamente consapevole, e "coinvolta" nella "nouvelle vogue" di moda allora; ha presente "Jules e Jim" di Truffaut? Non a caso, Bertolucci era osannato dalla critica "di sinistra" di allora. La pubblicità al film fu dovuta più al repentino sequestro, che a singole scene. Furono le mille parodie successive, ad evidenziare quel particolare, tralasciando la storia ed atmosfera del film. Comunque, da allora, quando giravamo nei supermercati a cercare burro, le nostre morose ci guardavano con sospetto!

    Rispondi

  • gulli

    18 Settembre @ 11.30

    Sono convinta che si è trovata coinvolta suo malgrado in qualcosa che non ha potuto evitare e che purtroppo per lei l'ha resa famosa solo per quello: certo è che il buon Bernardo è stato un codardo, perché riconoscendo la sua scorrettezza, poteva chiederle scusa e comportarsi da signore senza aver paura che diminuisse la curiosità della gente di vedere o parlare del film (come penso sia successo). Pessima figura.

    Rispondi

  • medioman

    18 Settembre @ 08.54

    @bila: non so' se lei abbia visto il film. Io fui tra i pochi "fortunati" che ci riuscirono, nei pochi giorni che rimase in circolazione, prima di essere sequestrato. La famosa scena del burro (che, in realtà, era margarina, come da una battuta precedente) non era assolutamente "da macchiette", lo divenne in seguito, grazie alle mille parodie che ne fecero; minore fortuna ebbe, invece, la reciproca "penetrazione" del protagonista maschile. Comunque, obiettivamente, penso che quando sullo schermo comparvero le "rotondità" della Marietta, e Brando infilò due dita nella margarina, il cervello di noi maschietti abbia avuto una reazione "univoca" e "concordante"!

    Rispondi

  • medioman

    17 Settembre @ 18.13

    @cambogiano: a volte, è vero anche l'inverso; ci sono "dipendenti" che "sfruttano" il contratto di lavoro, magari ottenuto grazie ad amicizie o a tessere di partito, per usufruire di permessi, malattia e quant'altro. Nel caso della Schneider, potrebbe essere che lei, attricetta sconosciuta, abbia "sfruttato" i nomi di Bertolucci e Marlon Brando per diventare famosa a livello internazionale. Per il resto, a mio parere, il film ha similarità con "Il portiere di notte" della Cavani, e con "Non ti muovere" di Castellitto, ma penso che nessuno definirebbe "sfruttate" Charlotte Rampling o Penelope Cruz.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

MONTAGNA

Soccorso Alpino attivato nella zona del Lagastrello per soccorrere una persona ferita

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPAM

Porno-ricatto via e-mail: allarme (e consigli) della polizia postale

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design