13°

27°

Spettacoli

Dylan, il soffio del vecchio leone

Dylan, il soffio del vecchio leone
Ricevi gratis le news
0

Aldo Tagliaferro

Bob Dylan è un bizzarro signore impegnato - a 73 anni - a gestire un fardello abbastanza scomodo: la leggenda di sé stesso. E il fardello pesa, perché dentro quel vaso di Pandora c'è di tutto: la coscienza di una generazione, una perenne candidatura al Nobel, un attore, regista, pensatore, pittore, un beatnik e un santone, un divo e un antidivo, più di ogni altra cosa il cantautore che sta scrivendo da mezzo secolo la nostra colonna sonora.
Il lavoro non manca: l'industria Dylan marcia a gonfie vele, a dispetto della morte del mercato discografico (alle leggende accade anche questo). Domani in tutto il mondo uscirà la madre di tutti cofanetti, 47 album e un volume di 268 pagine. Si intitola “The complete album collection”, e fin qui nulla da dire. Dove Dylan ti spiazza è nel sottotitolo, “Volume 1”! Perché 47 album fra studio, live e out-takes non esauriscono le scorribande dylaniane: fra un po' toccherà al “Volume 2”, ovvero la raccolta della “Bootleg Series” che da vent'anni raccoglie inediti, live e scarti spesso migliori degli originali. Perché Dylan è così: ti prende in contropiede. E' sempre un passo più avanti, oppure più indietro, ma mai dove te lo aspetti.
Nemmeno sul palco: già, perché il signor Dylan - dicevamo - si diverte a portare in giro per il mondo la leggenda, che dal 1988 è impegnata - fra il rigore filologico e la beffa - nel “Never Ending Tour”. Sabato sera agli Arcimboldi di Milano, sold out con prezzi da prima della Scala, è tornato in Italia, dove resterà fino a venerdì con sei date fra Milano (stasera l'ultima), Roma e Padova venerdì.
E quando il popolo dylaniano, convenuto agli Arcimboldi come a un rito mandato a memoria, in cui officiante e fedeli conoscono ogni passo, è già pronto per la scaletta arcinota scaricata dal sito di Dylan, il signor Bob lo frega. Tre annunci per vietare foto e registrazioni nel 2013 fanno ridere: qualsiasi concerto è rivedibile il giorno dopo su youtube da ogni angolazione. Tutti hanno l'iPhone tra le mani, figurarsi se non si fanno foto... Ma il signor Dylan è un passo più avanti. Nell'ombra. Concerto al buio, tipo night club, nemmeno uno straccio di spotlight sul palco, e l'atmosfera rarefatta costringe a mettere via lo smartphone e aprire bene le orecchie. E' un raffinato capolavoro: una metonimia sensoriale che annulla la visione dell'artista. Impegnato da decenni a tenere nascosta la «persona», assediata fin dagli anni '60 al punto che i fans andavano ad aprirgli la spazzatura, oggi Dylan toglie alla vista anche il «personaggio».
Poco importa che canti come Tom Waits con l'asma caduto in tombino. Con quella voce ci convive lui e ci convivono i  fedeli, anche perché al buio l'artista pesca nel profondo dell'anima e ti inchioda sulla sedia fin dal primo brano, Things Have Changed, pluripremiata colonna sonora del film Wonder Boys. Dylan graffia i testi, si impadronisce dell'oscurità. E da lì è il padrone assoluto, diviso tra microfono, piano e parecchia armonica.
C'è un album più o meno nuovo (Tempset è del settembre 2012) da cui lucidare perle purissime, come Duquesne Whistle o Scarlet Town, c'è la necessità di fare i conti con sé stesso interrogandosi sul proprio valore in What Good Am I? (da Oh Mercy, bel lavoro del 1989). C'è da levigare qualche pepita preziosa (Tangled Up in Blue, Simple Twist of Fate) al punto da non riconoscerla: tanto la versione originale la sanno tutti e prima o poi ci arrivano. C'è il tempo di divertirsi con il sound tutto americano di High Water (for Charlie Patton) dove le mani fatate di Charlie Sexton si esaltano sulla chitarra. Una band fedele e collaudata, abituata a tramare nell'ombra come ladri di note coi guanti bianchi (sontuoso Donnie Herron  che, come Otto e Barnelli, passa dal banjo al violino) sostiene Dylan in una commovente Love Sick.
Poi ti arriva fra capo e collo Desolation Row - mai suonata prima in questo tour - una cavalcata di poesia tra le macerie del degrado umano. Correva l'anno 1965, album Highway 61 Revisited. Dylan era già una leggenda. Figuratevi adesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento