-1°

20°

Sport

Bojinov in cerca di riscatto: «Voglio giocare»

Bojinov in cerca di riscatto: «Voglio giocare»
Ricevi gratis le news
0

 Matteo Scipioni

Lo ripete continuamente e, dal tono deciso della voce con cui accompagna le parole c'è da credergli: «Ora sto bene, voglio solo giocare il più possibile». Che sia oggi contro l'Italia o domenica contro l'Inter poco importa, le motivazioni per Valeri Bojinov ci sono e corrono veloci, energiche, dall'Olimpico fino al Meazza. 
La punta è in ritiro a Torino con la nazionale bulgara, oggi in campo contro l'Italia per staccare un biglietto per il Sudafrica. Gli infortuni che hanno caratterizzato la sua esperienza al Manchester City sembrano lasciati alle spalle.
Il ventitreenne scalpita perfino pochi minuti prima dell'allenamento: «Poter giocare contro i campioni del mondo è uno stimolo e un onore. Le motivazioni che ci sono attorno a questa partita non hanno bisogno di commenti e spiegazioni». Il Bojinov «bulgaro» aggiunge: «Per la nostra nazionale è una grande sfida: battere l'Italia vuol dire entrare nella storia, ma soprattutto aprire qualche speranza per andare in Sudafrica». Il motivo non te lo manda a dire: «Ho 23 anni e voglio giocare al mondiale. E' difficile, la classifica della Bulgaria è quella che è (terza ad 11 punti) ma sconfiggere gli azzurri ci farebbe fare un bel passo avanti. Noi vogliamo giocarcela fino in fondo questa partita». E, a ragione, Lippi lo teme. Sa che Valeri cerca con determinazione il riscatto.
Uno sguardo agli azzurri, nonostante un momento non felice, viene commentato sempre con rispetto: «Non è l'Italia che conosciamo, non ha fatto bene nelle ultime partite, ma ha grandi calciatori come De Rossi: un leader, averlo recuperato è molto importante per Lippi. Un giocatore che tutte le squadre vorrebbero avere». 
Le speranze vuole giocarsele fino in fondo: «Possiamo farcela». E aggiunge: «Non so se giocherò, il mister non ha ancora deciso. Ma se deciderà di mettermi in campo mi troverà pronto». Tra pochi giorni un altro incontro importante, questa volta con la maglia gialloblù, contro l'Inter a San Siro. 
E Bojinov torna a parlare da «parmigiano»: «Qui mi trovo benissimo: sono contento di essere arrivato in questa squadra e in questa città». E pure qui le motivazioni non mancano: «Un bel gruppo, un mix di giovani e 3, 4 elementi di esperienza». Quando gli facciamo notare che pure lui, nonostante i 23 anni, rientra tra i giocatori esperti, sorride: «E' vero, spero di contribuire a far fare bella figura al Parma. Il gruppo è importante per poterci salvare e ognuno di noi può e deve fare qualcosa. Sto bene con loro, vado d'accordo con tutti, si scherza, si ride e si lavora sodo per il bene della squadra». «Domenica è una sfida importante: dopo una vittoria e un pareggio abbiamo il morale alto, il gruppo è compatto. Non abbiamo nulla da perdere e affronteremo l'Inter con tranquillità, ma questo non vuol dire che non daremo il massimo. Anzi». 
In due partite del campionato del Parma, Bojinov è stato impiegato 10', contro il Catania. Una prova che fa ben sperare: «Spero di essere in campo dal primo minuto contro l'Inter». E ripete: «Sto bene, voglio giocare e riprendermi tutto quello che ho perso in un anno e mezzo. Psicologicamente, l'unica cosa, è giocare il più possibile». 
Niente di polemico, tutt'altro: «Deciderà l'allenatore Guidolin (un “messaggio” che vale anche per il tecnico bulgaro Stoilov): sa che io posso giocare come prima punta, affiancare un altro o in un attacco a tre. Sono pronto al sacrificio per il bene della squadra e per la salvezza del Parma». Come spalla di Paloschi? «Alberto sta facendo bene, deve continuare a fare così, è un giocatore importante per il Parma e abbiamo bisogno di lui. Certo, ripeto: posso benissimo giocare assieme a lui». 
Un messaggio è dedicato ai tifosi gialloblù: «Spero al più presto di poterli ripagare per l'affetto che mi hanno dimostrato. Quando sono entrato in campo contro il Catania mi hanno applaudito e accolto con  dei cori. Una tifoseria che non ha bisogno di essere “tesserata”, anche quando giocavo alla Juve o alla Fiorentina li ho sempre stimati per la loro correttezza e attaccamento alla squadra. Non hanno mai fatto nulla di male: non paragoniamoli ad altri, meritano rispetto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Victoria's Secret Fashion Show 2018, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

moda

Victoria's Secret Show, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

1commento

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

Lealtrenotizie

Bolzano al top,Roma indietro nella hit della bella vita

Indagine Italia Oggi

Qualità della vita, Bolzano sempre al top. Parma sale un gradino ed è sesta

SOLIGNANO

Brutta caduta per un endurista: soccorso nei boschi di Specchio

NOCETO

Borghetto, disinnescata la maxi bomba americana: gli evacuati tornano a casa Video Foto

Tutte le precauzioni per chi vive oltre il raggio di evacuazione totale

SAN SECONDO

Addio a «Filli», era stato assessore

Parma calcio

Sondaggio - La coppia-gol che ci ha fatto sognare di più? Ça va sans dire Chiesa-Crespo. I risultati

WEEKEND

Passeggiata fra i misteri di Parma, gara di torte, November Porc a Zibello: l'agenda

EMERGENZA DROGA

Il questore: «La metà dei sequestri di droga della nostra regione avviene a Parma»

6commenti

SORAGNA

Addio Simone, lattoniere esperto e norcino per passione. Aveva 36 anni

IL CASO

Scuola Racagni, palestra inagibile

1commento

INIZIATIVA

Zibello, tutti pazzi (e golosi) per November Porc Foto

commercio

Barilla center, da gennaio cambia pelle con un nuovo progetto architettonico

solidarietà

"Un gol per Giocamico": al Tardini la sfida con i campioni indimenticati Foto

San Polo di Torrile

Piccoli vandali crescono a scuola: gli adulti s'interrogano

1commento

BUSSETO

Madonna dei Prati, crolla parte del tetto del santuario

12Tg Parma

Domenica ecologica: stop al traffico dalle 8,30 alle 18,30 Video

gazzareporter

L'incivile di via XXII Luglio colpisce ancora: in diretta video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché è giusto ricordare la guerra dei nostri nonni

di Michele Brambilla

IL DISCO

Emerson Lake & Palmer, ufficiali e gentiluomini

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

terremoti

Scossa di magnitudo 4.2 (e paura) nel Riminese

SAN POLO D'ENZA

Nascondeva la droga sotto il sedile dell’auto: denunciato 20enne

SPORT

moto

Sfreccia in A14 sul suo Suv e, fermato, oltraggia gli agenti: denunciato Fenati

motori

MotoGp: Dovizioso vince a Valencia sotto il diluvio

SOCIETA'

Roma

Ecco come agiscono due giovani borseggiatrici: una arrestata, l'altra è minorenne

VELLUTO ROSSO

Lodo Guenzi (Stato Sociale), la storia dell'Impressionismo e "Ogni bellissima cosa"

MOTORI

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni

moto

Yamaha 3CT, il tre ruote di mezzo