20°

30°

calcio

Brexit: terremoto in Premier League

65% giocatori diventerà non comunitario

 Brexit: terremoto in Premier League
Ricevi gratis le news
1

Nonostante gli avvertimenti dei club e l’appello della stella planetaria del calcio di Sua maestà, il voto popolare ha spinto la Premier League fuori dall’Europa, un autogol che potrebbe risultare fatale. Il risultato del referendum sulla permanenza del Regno Unito in Europa rischia di avere un profondissimo impatto sul football d’Oltremanica, principalmente a livello economico ma anche di regolamenti. Un cambiamento che potrebbe rivoluzionare la geopolitica del calcio continentale, a favore di altri campionati del Continente. I primi effetti si potranno già vedere nelle prossime settimane, perchè con la vertiginosa svalutazione della sterlina (-8% nella sola giornata di oggi) i club inglesi non potranno più imperversare nel mercato estivo, o quanto meno il loro potere d’acquisto verrà fortemente ridimensionato.
La scelta di uscire dall’Unione equivale, a livello calcistico, ad un’auto-ridimensionamento autarchico, che potrebbe anche allontanare gli investitori stranieri. Perchè in una notte la Premier League, dall’essere il campionato più globalizzato del mondo, visto e venduto nei quattro angoli del pianeta, si è trasformato in un torneo di carattere nazionale, smarrendo anche la sua proverbiale capacità di attrazione. Proprio per scongiurare questa eventualità, alla vigilia del voto, l’amministratore della Premier League, Richard Scudamore, a nome dei 20 club della massima divisione, aveva auspicato una vittoria di chi voleva restare in Europa. Perchè uno dei segreti del successo del calcio inglese è sempre stata la sua capacità di trasformarsi in prodotto d’esportazione per eccellenza, superando confini e culture. Una sorta di multiculturalismo applicato al pallone, elogiato da David Beckham nel suo endorsement per la causa pro-UE.
Il risultato del referendum è stato così un clamoroso autogol, proprio alla vigilia dell’entrata in vigore del ricchissimo contratto per la cessione dei diritti tv (circa 8 miliardi di euro per i prossimi tre anni). Con 14 proprietari di club stranieri, l’epilogo referendario appare ancor più stridente, senza dimenticare la composizione internazionale delle squadre (ad oggi circa il 65% dei giocatori della Premier è formato da stranieri). Finora in Inghilterra non c'era un limite di calciatori extracomunitari tesserabili dai club, mentre tutti i giocatori europei (in possesso del passaporto UE) potevano avvalersi del diritto alla libera circolazione riconosciuta ai paesi comunitari. Ma in un futuro prossimo quest’ultimi potrebbero essere trattati alla stregua degli extra-comunitari. Tradotto significa che per giocare in Inghilterra (o Scozia, Galles o Irlanda del Nord), dovranno ottenere un permesso di lavoro, rilasciato solo a chi ha disputato il 75% delle partite con le loro Nazionali negli ultimi 2 anni. Un regolamento altamente restrittivo (applicato alla passata stagione, solo 50 degli attuali 161 europei «della Premier» avrebbe ricevuto il permesso di lavoro), destinata ad escludere i giovani talenti senza esperienza internazionale. Insomma uno stop per tutti i baby calciatori.
Ancor più complicato decifrare il futuro che attende gli allenatori: la prossima stagione saranno quattro i manager italiani, da Claudio Ranieri ad Antonio Conte, da Francesco Guidolin a Walter Mazzarri. Nell’immediato tutto resterà come prima, ma tra qualche anno le normative potrebbero cambiare: tutto dipenderà dagli accordi che Londra sottoscriverà con Bruxelles.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • DAVIDE

    24 Giugno @ 20.25

    Hanno voluto uscire dall'area Euro ? Allora se ne stiano fuori dai.........in tutto. Sono un'isola ? Bene, che rimangano ...isolati ! (non ne sentiremo sicuramente la mancanza !!).

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

social

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

choc

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

9commenti

Lealtrenotizie

Anna Maria Bianchi, il ricordo di Mauro Coruzzi

Lutto

Anna Maria Bianchi, il ricordo di Mauro Coruzzi

L'INCHIESTA

Maxi frode fiscale, indagati anche 2 professionisti parmigiani

Donazione

Fuoristrada all'avanguardia per la Cri

Concorso

A Valmozzola il clarinetto di Letizia Consigli è da primo posto

INTERVISTA

Squeri: «Vetro piano: innanzi tutto chiedete sicurezza»

COMUNE

Salso, la maggioranza diserta il Consiglio

ALMA

Davide Groppi racconta le sue luci «stellate»

FIDENZA

Addio a Macchidani, l'impegno in politica e a difesa dei lavoratori

lutto

Parma (e non solo) piange Anna Maria Bianchi: domani il rosario, lunedì i funerali - Video

dal ritiro

Parma, contro il Foggia (3-1) "buona forma fisica e applicazione degli schemi" Video

incidente

Schianto con la moto a Collecchio: grave un 21enne, in fuga l'amico 26enne Foto

soccorso alpino

85enne scivola su un sentiero a Lagdei e poi si sente male

Festa della lavanda alla Fattoria di Vigheffio Guarda chi c'era

Jihad

Terrorista iracheno arrestato a Parma torna libero e chiede lo status di rifugiato

1commento

GAZZAREPORTER

Piove, "acqua alta" in via D'Azeglio

1commento

gazzareporter

Caduto un pilastro in via Verona: "tragedia sfiorata" Foto

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, il nemico è nelle scelte quotidiane

di Luca Tentoni

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

ROMA

Scontrino omofobo: ristorante offende coppia gay. E dal web parte il boicottaggio

2commenti

PIEMONTE

Temporali sull'Astigiano e sul Torinese, ingenti i danni

SPORT

il commento

Vettel in pole: la netta superiorità della Ferrari

ciclismo

Tour: 14ª tappa, Fraile 1° sul traguardo di Mende

SOCIETA'

social

Il bimbo e il cane giocano divisi dalla staccionata Video

il disco

I Pooh alla ricerca del Graal

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto