19°

33°

Inizia il campionato

Juve senza rivali. Napoli e Roma sono ancora più lontane

Juve senza rivali. Napoli e Roma sono ancora più lontane

Higuain

Ricevi gratis le news
0
 

Oggi alle 18 inizia il campionato di Serie A (due partite, alle 18 Roma-Udinese poi alle 20.45 Juve-Fiorentina). Juve in pole per il sesto (sarebbe storico) scudetto. Ecco la presentazione del campionato ai blocchi di partenza di Roberto Perrone. 

In teoria, oggi cominciano due storie parallele ma non convergenti (come diceva Aldo Moro). Alle 18 con Roma-Udinese è al via il cosiddetto campionato dei “normali” con Roma-Udinese, mentre alle 20.45 si apre la stagione “a parte” della Juventus contro la Fiorentina. In teoria. Perché i più forti e i più bravi non necessariamente, per il bene del pallone (e dello sport in generale) come ha dimostrato in modo sfacciato il Leicester, si sovrappongono. Premessa fondamentale: la campagna acquisti si conclude il 31 agosto alle 23. Da Milito (Genoa, 2008) a Sneijder (Inter 2009), l’ultimo acquisto può essere l’uomo giusto al posto giusto.

Testa alta

Oltre alla Juventus, appartengono a questo gruppo Napoli, Roma, Inter, Milan, Fiorentina e Sassuolo. Parliamo di squadre che credono all’Europa, poi il livello di fede si vedrà. Due aspirano a impensierire la Juventus penta-campeao, che appare irraggiungibile. Il nuovo allenatore dell’Inter Frank De Boer quando ha detto che “non sono sicuro che si sia rafforzata”, forse intendeva che non sempre la raccolta delle figurine migliori completa l’album. Però Madama appare stratosferica (e mancano uno o due pezzi). Non ha più Pogba ma questo potrebbe incidere sulla campagna d’Europa, in Italia chi fermerà la sua musica? Si è regalata dal crack Higuain al talentoso giovanotto Piaça. In mezzo tutti gli altri. Gonzalo el gordo ha bisogno di un buon dietologo, ma Dybala-Mandzukic possono bastare, per adesso (e anche per dopo). Ma non si tratta solo di questo. Un anno fa, dopo aver ceduto 12 punti in dieci partite, data per spacciata, con gli ultrà sull’uscio di Vinovo, fu la mentalità ricostruita da Antonio Conte e conservata da Max Allegri a cannibalizzare il campionato: 25 vittorie in 26 partite. I rivali devono temere non solo gli uomini ma anche la forza mentale. I più vicini sono, per recente classica e giocatori, il Napoli e la Roma. I giallorossi visti all’opera con il Porto, in un non facile esordio europeo, sembrano più avanti. La Roma ha Strootman che forma, con De Rossi rivitalizzato dalla cura congiunta Conte-Spalletti, e Nainggolan, un reparto centrale che non risente dell’addio di Pjanic. Il problema è una certa fragilità fisica. L’incognita del Napoli è l’eredità di Higuain, un interrogativo che ci sarebbe stato in ogni caso: 36 gol in 38 partite non si fanno tutti gli anni. Sarri è una garanzia, però, e la squadra appare equilibrata. Un po’ più in basso le due milanesi, entrambe cinesizzate. L’Inter è, come le accade da qualche anno, in mezzo al guado societario. Chi comanda chi? Mancini, forte dell’esperienza inglese, ha tentato di fare il manager e il suo interventismo (chiamare i giocatori, trattare personalmente) è entrato in rotta di collisione con i padroni, vecchi e nuovi. Alcuni rinforzi di qualità sono arrivati (Candreva, Banega), i gioielli di famiglia sono stati preservati (Icardi). L’allenatore olandese, che di sicuro “non è un pirla” (copyright Mourinho), è arrivato tardi e si deve ambientare presto. Il Milan ha fatto l’ennesimo cambio in panchina. Vincenzo Montella ha buona visione di gioco, ma non ha visto un rinforzo. Ed è cambiata, dopo 30 anni, anche la proprietà. Silvio Berlusconi non c’è più. Sono convinto che la voce del padrone sia fondamentale in una società di calcio più che in una società qualsiasi. Il pallone è troppo volubile. L’incognita sulle milanesi è proprio questa: chi sarà il punto di riferimento? Fiorentina e Sassuolo potrebbero inserirsi, come hanno già fatto, per un posto in Europa. Il Sassuolo è stato gagliardo nei preliminari di Europa League, mostrando muscoli e cervello. La Fiorentina si presenta con la stessa struttura del campionato 2015/16. Più esperienza, più risultati? E’ questo il dilemma.

Mezza testa

In questo gruppo ci sono squadre che potenzialmente potrebbero salire all’attico ma anche ritrovarsi nel sottoscala. Il Torino ha fatto investimenti importanti dal tecnico, Sinisa Mihajlovic a Ljaic, da Iago Falque (in rampa di rilancio dopo l’abisso romanista) a Rossettini. C’è chi la sistema più in altro, ma ha finito male a maggio quindi scala di una casella. La Lazio, dopo la lunga estate calda e un po’ “loca”, con l’assurdo affaire Bielsa, si ritrova con Simone Inzaghi confermato e un reduce europeo, Ciro Immobile a guidare l’attacco. Per me la rivelazione sarà l’Atalanta di sir Gasperson che ha voglia di dimostrare di essere vincente anche fuori Genova. A proposito, il Genoa, finora, a parte in panchina, non ha fatto la rivoluzione e questa è una novità (ma non siamo al 31). Preziosi ha voluto fortemente Juric, allievo di Gasperini, a continuare la tradizione, tattica e di buoni risultati. Bologna e Cagliari mi sembrano ben assortite. Marco Borriello, quando sbarca su un’isola si infiamma (vedi presunta storia con Belen): a 34 anni e all’ennesimo giro di giostra torna a far parlare di sé.

Testa bassa

Testa bassa non tanto come livello, quanto come way of life, modo di intendere l’approccio al pallone. Qui nessuna distrazione, zero sentimentalismi. Sampdoria, Palermo, Udinese, Chievo, Empoli, Pescara, Crotone, dovranno pensare prima di tutto salvarsi. La Sampdoria ha fatto alcune scelte interessanti sul mercato: Castan da recuperare, Cigarini, Schick. Ha cambiato molto, partendo dall’allenatore. Marco Giampaolo ha salvato molto bene l’Empoli nel campionato archiviato a maggio. Però i blucerchiati hanno finito male e venduto qualche pezzo pregiato quindi, come il Torino, scalano di una casella. Udinese e Chievo praticamente non hanno cambiato nulla, a parte Iachini sulla panchina della Dacia Arena. Il Palermo è reduce da un anno rocambolesco e da una salvezza afferrata a fatica. Per Pescara e Crotone, ultime arrivate, lo scudetto è restare tra noi. L’Empoli ha perso giocatori importanti (Zielinski, Mario Rui) e si affida a una coppia “stagionata”, Gilardino & Maccarone, 70 anni in due. Attaccante vecchio fa buon brodo. E spesso anche gol. Buon campionato a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

Lealtrenotizie

Paura per un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

2commenti

CARABINIERI

Ruba la borsa di un medico a San Secondo: arrestata 50enne Video

Anteprima Gazzetta

Processo al Parma, la rabbia di Capitan Lucarelli

PARMA

Un'auto e un camion a fuoco: doppio intervento dei vigili del fuoco Foto

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

2commenti

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

12Tg Parma

Max Bugani (5 Stelle): "Pizzarotti in Regione? Meglio di Bonaccini" Video

2commenti

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

4commenti

12 tg parma

Nuovo anno scolastico, in provincia ci sono ancora 400 cattedre scoperte Video

POLEMICA

Pizzarotti: "Mangio il Parmigiano e saluto chi lo scredita"

Il sindaco di Parma pubblica un post su Facebook per inserirsi nella polemica sul caso "Onu - Parmigiano Reggiano"

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

1commento

GAZZAREPORTER

Le foto del lettore Mattia: "Parco Ducale, quelle statue che attendono di essere ripulite"

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

2commenti

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

2commenti

ECONOMIA

Cft si rafforza: acquisita la maggioranza della bergamasca Comac

L'azienda è attiva nel settore delle macchine per il confezionamento della birra

corniglio

La provinciale 116 sarà interrotta per lavori a Ponte Romano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

politica

Salvini querela Saviano: "I suoi post su Facebook ledono il ministero"

A14

Motociclista va contromano in autostrada: "Avevo dimenticato lo zainetto"

SPORT

ciclismo

Tour, Nibali in ospedale: si teme una frattura vertebrale

formula 1

Hamilton rinnova con la Mercedes fino al 2020

SOCIETA'

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

VERONA

Sberla in faccia a uno studente, condannata prof di matematica

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita