12°

L'ADDIO A NECCO

C'era una volta l'Italia di 90º minuto. Fra campanili e strafalcioni

Quei volti, maschere di una rinnovata commedia dell'arte, entravano nelle case di tutti gli italiani

Luigi Necco    da Napoli:   il volto ironico  dell'Italia di 90º minuto
Ricevi gratis le news
0

Chiedimi cos’era 90° minuto. Parafrasando la canzone di Dalla-Morandi-Curreri, “Chiedi chi erano i Beatles”, che ragionava sui miti del nostro passato spiegati ai giovani, in morte di Luigi Necco, giornalista napoletano, volto famoso della Rai, scomparso a quasi 84 anni, ricordiamo una stagione indimenticabile del calcio, della televisione e della cultura italiana, quella di 90º minuto.

Necco ha raggiunto nella Spoon River di 90° Maurizio Barendson e Paolo Valenti che idearono (con Remo Pascucci) il programma e lo condussero, insieme, dal 27 settembre 1970 al 1976, quando rimase solo Valenti per gli anni d’oro (1990). Con loro, sulla collina, dormono Tonino Carino da Ascoli, con la sua vocina acuta e la pronuncia impossibile dei nomi stranieri; Marcello “Macello” Giannini da Firenze, burbero col vocione, una specie di Gino Bartali in salsa giornalistico-sportiva, “gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare”; Piero Pasini da Bologna, vittima di un attacco cardiaco proprio allo stadio, mentre era impegnato in una radiocronaca per “Tutto il calcio minuto per minuto”.

Di quel gruppo, sono ancora vivi Giorgio Bubba da Genova che a chi gli chiedeva quale fosse la sua squadra del cuore tra Genoa e Samp rispondeva “i Vigili del Fuoco La Spezia, campioni d’Italia 1944”; Cesare Castellotti da Torino, famoso per i baffoni e le monumentali giacche color cammello che bucavano il video; Franco Strippoli da Bari che divenne sinonimo di “riporto” (“hai i capelli alla Strippoli”); Gianni Vasino da Milano che con Necco mise su un siparietto a colpi di “manite” mostrate all’uno e all’altro, dipendeva se vincevano le milanesi o il Napoli; Ferruccio Gard da Verona, ottimo pittore, che ora ritroviamo a “Quelli che il calcio”.

Su tutti vigilava Paolo Valenti, testimone spiazzato ma consapevole delle gaffe, degli strafalcioni, delle ironie, dei colpi di genio, delle sintassi traballanti. Le sue occhiate fulminanti valevano il prezzo dell’abbonamento Rai. Quello che molti ignoravano è che quasi tutti i giornalisti di Novantesimo erano prestati allo sport alla domenica. Durante la settimana facevano altro, inseguivano magistrati e politici, coprivano delitti, trovavano scoop.

Necco, tra i più colti del gruppo (realizzò oltre 300 documentari di archeologia, la sua passione), ironico e sempre alla ricerca del calembour, venne gambizzato il 29 novembre del 1981. Aveva raccontato che l’allora presidente dell’Avellino Antonio Sibilia e il brasiliano Jaury, andarono a omaggiare Raffaele Cutolo, capo della Nuova Camorra Organizzata durante il suo processo.

Novantesimo minuto, prima in lettere, poi in numero, fu uno dei grandi programmi della Rai del monopolio. “Non è mai troppo tardi” del maestro Manzi contribuì all’alfabetizzazione del Paese, 90° minuto cambiò il modo di vivere il calcio la domenica e insegnò agli italiani una serie di espressioni: la barba al palo, la partita dai due volti, il risultato a occhiali.
Una generazione intera cambiò abitudini. Alle 17.45/18 dovevamo essere tutti davanti a un televisore. Valenti e la sua banda non cucivano solo le fasi salienti delle partite, erano maschere di una commedia dell’arte. Recitavano a soggetto raccontando non solo il calcio, ma anche l’Italia che stava alle loro spalle. Spesso in carne e ossa, con i tifosi abbarbicati all’uomo con il microfono, gli occhi fissi nelle telecamere. Una volta, proprio a Necco, ad Avellino, urlarono una parolaccia che attraversò l’etere. Uno scandalo. Ora non se accorgerebbe nessuno. Si sentivano i dialetti, emergevano le diversità. Era una sorta di Campanile Sera, altro storico programma Rai (un quiz), in cui ognuno tirava l’acqua al proprio mulino, ma senza arroganza. Lo rimpiangiamo? Forse rimpiangiamo gli anni della nostra giovinezza. Diciamo che ricordiamo con affetto 90° minuto e la sua banda di provincia, ruvida e ruspante.
I servizi sportivi di adesso, dai giornalisti alle riprese, dal suono all’immagine, sono in HD, in tutti i sensi. Alle spalle, però, gli occhi di chi guarda in camera sono pessimisti e incattiviti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Musica: Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

musica

Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

San Secondo

incidente

Tragedia a San Secondo: 73enne muore travolto da un'auto

meteo

E in Alta Valparma e Alta Valtaro arriva la prima neve Foto Le previsioni

carabinieri

Preso il pusher di borgo delle Colonne: dava anche ospitalità ai clienti per consumare Video

4commenti

calcio

Milan, out anche (contro il Parma) Romagnoli. Ma nemmeno i crociati sorridono

curiosità

Un poker di multe (vere) per la 600 perennemente multata Le foto

1commento

CINEMA

Chiude il Parma film festival...un ghiotto resoconto Video

anniversario

70 anni del Circolo Inzani: festa al Palazzo del Governatore Le foto

NOTTE DI PAURA

«Noi, narcotizzati e derubati»

soragna

Tragedia a Diolo, auto in un canale: muore il 36enne Simone Sorrenti

Lutto

Oltretorrente, si è spento il sorriso di Patrizia Fochi

gazzareporter

L'incivile di via XXII Luglio colpisce ancora: in diretta video

2commenti

WEEKEND

November Porc, foto in mostra e tanta musica: l'agenda del sabato

Sanità

Sempre più casi di sifilide tra i giovani. Anche la scabbia è ricomparsa

1commento

In centro storico

Il declino di via Garibaldi. E la voglia di rilancio

3commenti

Emergenza

Contro l'arrembaggio dei furti: più pattuglie in strada e posti di blocco

GUIDA MICHELIN

Parma stabile nella Bibbia del gusto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'alleanza della via Emilia trampolino di Parma 2020

di Aldo Tagliaferro

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Protesta "caro carburante": 124.000 giubbini gialli "in piazza". Francia in tilt

Olanda

Messa "maratona" contro la deportazione di una famiglia

SPORT

test match

Australia troppo forte. L'Italrugby nettamente sconfitta 26-7

Motori

Moto Gp, a Vinales la pole di Valencia. Pazzesco Marquez

SOCIETA'

teatro

"Ogni bellissima cosa"  allo Spazio Shakespeare 1

l'appello

Associazione vittime strada: "Bisogna fermare la strage di giovani"

MOTORI

AMBIENTE

In Emilia Romagna 596 auto elettriche (+19,7% rispetto al 2016). Parma è quarta

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni