FORMULA UNO

Se ne va Maurizio Arrivabene, al suo posto Mattia Binotto: che succede ora in Ferrari?

Il commento di Paolo Ciccarone

Maurizio Arrivabene

Maurizio Arrivabene

Ricevi gratis le news
3

«Dopo quattro anni di impegno e instancabile dedizione Maurizio Arrivabene lascia la Scuderia Ferrari. La decisione è stata presa di comune accordo con i vertici dell’azienda dopo una profonda riflessione in relazione alle esigenze personali di Maurizio e a quelle della Scuderia. Da oggi Mattia Binotto assume il ruolo di Team Principal della Scuderia Ferrari. A Mattia continueranno a rispondere tutte le funzioni tecniche». Così la Ferrari conferma, in una nota, le indiscrezioni sul cambio al vertice della scuderia.

Il commento 

Paolo Ciccarone

La domanda, legittima, è la seguente: e adesso cosa succederà alla Ferrari? Perché il mancato rinnovo del contratto a Maurizio Arrivabene e la conseguente promozione di Mattia Binotto, apre nuovi scenari nella squadra. I contrasti fra la gestione del team e la parte tecnica erano apparsi evidenti da tempo, con continue indiscrezioni che qualcuno cercava di tacere. Non ultimo lo stesso Arrivabene che, durante una cena sociale lo scorso 15 dicembre, aveva testualmente detto: "Non credete alle voci e a quanto scrivono i giornali, sono fake news, stiamo preparando una grande stagione". Si vede che proprio false le voci non erano, se i vertici della Ferrari hanno deciso di non rinnovare il contratto ad Arrivabene. I problemi sono nati durante l'anno, quando da un lato, Arrivabene, si è contestato lo sviluppo della macchina e (dopo Hochenheim) si era cercata una giustificazione tecnica all'uscita di pista di Vettel. Smentita dall'analisi dei fatti, ma l'essere sempre messi in discussione, sentirsi accusare anche di errori non fatti, ha creato un muro. Da un lato Arrivabene e chi considerava Binotto un tecnico che stava andando oltre i suoi limiti, dall'altra lo staff capeggiato sia da Binotto, ma anche dall'aerodinamico Cardile e dal motorista Iotti, ovvero la triade promossa sul campo da Marchionne cui si deve l'impostazione della Ferrari che l'anno scorso ha rischiato di vincere il mondiale. Complici i caratteri delle persone, sanguigno, spontaneo e irascibile Arrivabene, analitico, lucido, riflessivo ma uno che non dimentica i torti come Binotto, si è arrivati a un punto di non ritorno. La presidenza Elkhann, dovendo scegliere fra mantenere in casa chi ha progettato la monoposto e chi invece doveva gestire la fabbrica, ha scelto logicamente di mantenere lo staff tecnico che avrebbe minacciato dimissioni compatte se non si fosse fatta chiarezza. E chiarezza è stata fatta, con una decisione che lascia poco spazio a voci e dispute varie.

Con Arrivabene è probabile che andranno via, o verranno spostati, altri personaggi all'interno della Ferrari, con promozioni di alcuni elementi di valore che finora sono rimasti in secondo piano, come Antonello Coletta, bravo manager che ha portato i titoli mondiali GT e che ha esperienza di F.1 da anni. Si era parlato anche di Fred Vasseur, manager della Sauber, la cui esperienza in un team potrebbe essere di supporto a Binotto, che per i compiti da ricoprire potrebbe avere difficoltà nel fare tutto da solo. Di sicuro il 2019 sarà una stagione importante, perché se la macchina non sarà all'altezza la colpa sarà solo di chi l'ha progettata, se in pista ci saranno errori non ci sarà possibilità di scaricabarile fra le due fazioni. E questo Binotto lo sa bene, ma adesso potrà lavorare sereno, ammesso che prima non lo fosse, e si avranno certezze su chi e come deve comandare. Senza alibi, in pratica. E' quello che ha fatto il presidente John Elkhann, proseguendo un progetto tracciato da Sergio Marchionne la cui scomparsa ha creato i presupposti per le indecisioni seguenti. In quanto ad Arrivabene, il suo posto nel CDA della Juventus potrebbe garantirgli spazi e incarichi importanti, visto che con Andrea Agnelli ha sempre avuto un ottimo rapporto. In quanto alla Ferrari, il nuovo AD Louis Camilleri potrebbe essere affiancato (o sostituito) da manager di provenienza torinese anche se si parla di un ritorno di Amedeo Felisa, l'artefice dei successi delle Ferrari stradali.

Infine voci che riguardano lo stesso Piero Ferrari, che starebbe trattando (se non lo ha già fatto) l'acquisto del 10 per cento di quote che gli Emirati di Ethiad stanno cedendo dopo aver completato il programma decennale di investimenti previsti a suo tempo. Col 20 per cento di quote Ferrari, il figlio del fondatore potrebbe avere maggior voce in capitolo e anche questa pista finanziaria fa capire altre cose su quanto sta accadendo alla Ferrari. La speranza è che ci sia quella serenità e chiarezza che consenta di lottare per il mondiale, cosa che è mancata l'anno scorso al di là dei meriti della macchina e dello staff tecnico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • federicot

    07 Gennaio @ 20.32

    federicot

    Arrivabene se ne va male

    Rispondi

    • Gianni Cesari

      09 Gennaio @ 12.56

      giannicesari

      Le battute su Arrivabene vanno in soffita, ora è il momento di "Gianni e Binotto"

      Rispondi

    • DAVIDE

      08 Gennaio @ 16.20

      Cavolo @federicot. Non ti credevo capace di queste battute esilaranti. Bravo.

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Alseno: festa al Colle San Giuseppe. Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Alseno: festa al Colle San Giuseppe Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

IL MATCH DELLA FOLLIA

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

Tribunale

Collecchio, condannato per stalking

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

1commento

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

FATTO DEL GIORNO

La "partita della vergogna", Brambilla: "Abbiamo un attaccamento esagerato per i figli: gli siamo troppo addosso"

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

TEP

Dal fine settimana 9 nuovi bus sulle strade di Parma. Novità sul fronte filobus

3commenti

IL CASO

Pur di mettere nei guai l'amante della moglie, si autodenuncia e viene condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

BREXIT

La May ottiene la fiducia del Parlamento

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross