13°

26°

Strajè-Stranieri

Tomasetti, l'avvocato «americano» con la passione per il vino

Tomasetti, l'avvocato «americano» con la passione per il vino
Ricevi gratis le news
0

Paolo Panni 


Prendendo spunto da «Un americano a Roma», il celebre film che vede protagonista Alberto Sordi, la storia di Giuseppe Tomasetti, avvocato di fama internazionale, potrebbe essere intitolata «Un americano nella Bassa». E la sua è decisamente una storia particolare, dai tratti addirittura romantici. La storia di un uomo nato nella Bassa, ma che fin dalla più tenera età (5 anni) ha raggiunto con la famiglia gli States dove ha trascorso la maggior parte della sua esistenza ed ha lavorato. Ha girato il mondo in lungo e in largo ma alla fine è tornato «a casa», nella Bassa e qui ha deciso di investire.
 Lo ha fatto a Santa Croce di Polesine, una frazione che non arriva forse ai cento abitanti e sta dando un grande esempio specialmente per tutti quei giovani che qui, in riva al Grande fiume, nel «Mondo piccolo» di Giovannino Guareschi, possono avere belle occasioni per fare fortuna. Lo dice uno che ha vissuto nel «cuore» di Washington per 37 anni, che all’epoca della presidenza di Bill Clinton ha sfiorato la carica di ambasciatore degli Usa in Italia. Non l’ha ottenuta perché, come lui stesso dice «ero troppo italiano per quella carica. E questo - aggiunge - è un problema col quale sono sempre cresciuto sin da bambino. In America mi hanno sempre chiamato l'“italiano”. Qui mi chiamano l'“americano”».
 Il suo accento, marcatamente «americano», non tradisce. E vada allora per «l'americano». Che crede e scommette nella sua terra d’origine. E la scommessa è davvero singolare. Negli Usa è stato capo staff alla Camera dei deputati, ha lavorato come «direttore legislativo» per un senatore democratico come capo cabina per un govenatore e alla fine degli anni Ottanta è tornato in Italia, a Milano, dove ha aperto un grande ufficio (il «Tomasetti & partners») e vanta tuttora clienti in tutto il mondo. Ha il cellulare acceso giorno e notte «perché il mondo non dorme» dice sorridendo. E’ diventato direttore mondiale della «Mergers ed aquistions» per la Ernst Young Law, colosso mondiale nell’ambito della consulenza.
Figlio di un grande clinico, classe 1946, a Santa Croce ha deciso di dedicarsi ad un’attività del tutto diversa: quella che, sotto sotto, è sempre stata la sua passione e così eccolo «trasformarsi» in contadino vitivinicolo. «Ho sempre creduto - spiega - di poter fare un vino importante nella Bassa, consapevole del fatto che i vini migliori si trovano sempre in zone di pianura, accanto ai fiumi, in terreni sabbiosi, dove c'è la giusta alternanza tra nebbia, e quindi umidità, e sole».
 A Santa Croce di Polesine ha trovato il terreno col giusto quantitativo di sabbia e, soprattutto, ha acquistato e recuperato un abbandato palazzo cinquecentesco. Qui ha impiantato una vigna optando per uva francese e, dopo le prime 400 bottiglie realizzate nel 2006, l’attività si è avviata. Non ha ancora deciso la denominazione del suo vino. «Probabilmente - confida - lo chiamerà Giaranzana». Giaranzana è il nome della via che corre davanti alla sua proprietà e deriva da una musica «hit» cinquecentesca, un tipo di tarantella, che trae la sua origine dai colli reggiani.
«La controetichetta - spiega - conterrà quindi qualcosa che richiamo al ballo». Il vino che sta già producendo nella cantina realizzata all’interno della sua proprietà si avvicina al Bordeaux. Molto diverso, quindi, dai vini che attualmente si producono nella nostra pianura. «La Bassa - spiega Tomasetti - nel campo del vino ha una storia molto diversa rispetto a quella di Parma e delle colline parmensi. Qui una volta c'erano molti vigneti di Tokaj, per esempio. Mentre nella zona di Roccabianca si facevano il Barbera e il Grignolino. Purtroppo molti vigneti sono stati distrutti dalle gelate del 1985 e non sono stati ripiantati - una certo tradizione è stato perso». E la Fortana, che da qualche anno sta trovando una certa fortuna? «Tra origine dalle uve di pergola dell’Argentina - afferma l’avvocato - e qui è arrivato a fine Ottocento e si utilizzava, inizialmente, per allungare il Lambrusco». Lui però ha deciso di orientarsi su una produzione ben diversa. «Non farò mai più di 2000 bottiglie all’anno del mio vino - confida - perché il vigneto è limitato e voglio che rimanga così». Perché anche questo contribuirà ad aumentare la qualità del suo prodotto. E per apprezzare questa qualità basterà partecipare alle degustazioni che ha già messo in programma di avviare e l’occasione sarà anche utile per andare alla scoperta della ricca cantina-museo.                       


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

1commento

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

1commento

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

E la replica dei giovani del Centro Esprit

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

Polesine Zibello

Vuole i soldi per la dose e minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

1commento

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

5commenti

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

tifosi violenti

Champions, la polizia inglese conferma: arrestati due romani per tentato omicidio

2commenti

ROMA

Napolitano colto da malore: intervento al cuore

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

gusto light

La ricetta "green" - Insalatona di cetrioli con mele e noci

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento