19°

32°

Stranieri

I musulmani di Parma contro l'Isis: "No all'odio"

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo

Ricevi gratis le news
5

C’erano tante associazioni al Museo Guatelli, all’incontro realizzato nell’ambito di Kuminda, Festival dedicato al tema della sovranità alimentare. Volontari ed esperti hanno parlato di sviluppo e di progetti che permettono il sostentamento dei piccoli agricoltori.
Per le associazioni che raccolgono i musulmani di Parma e provincia è stata l’occasione per far sentire la propria voce su quello che sta accadendo in Iraq, in Siria e in Medio Oriente in generale e condannare l’ISIS. In particolare, ad esprimere dissenso erano l’Associazione della Comunità marocchina di Parma e provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e provincia.
Ecco cosa hanno affermato: “Il diritto al cibo non è garantito a tutti nel mondo ed è un dispiacere ancora più grande sapere che sono i bambini a soffrire di più. Tra le cause ci sono soprattutto la siccità e le guerre, come quella intrapresa dall’ISIS in Iraq e in Siria”.
“L’ISIS, hanno proseguito i portavoce delle associazioni, non può rappresentare l’Islam o i musulmani e non ha il diritto di parlare in nome nostro. La loro interpretazione della religione islamica si limita alle sanzioni. Tutti noi abbiamo visto le orribili immagini di persone sgozzate e decapitate, gente che non aveva niente a che fare con il conflitto armato come i giornalisti o, peggio ancora, i volontari in campo umanitario la cui unica colpa era semplicemente voler aiutare la gente in difficoltà o far arrivare le informazioni e raccontare ciò che accadeva nei territori dove l’ISIS ormai sta regnando. Tutto ciò è fonte di radicalismo ed estremismo, la nostra religione non accetta gruppi di questo tipo che seminano violenza e spargono sangue in nome di Dio.
L’Islam non può essere rappresentato dall’ISIS; tutti i sapienti del mondo musulmano hanno preso le distanze da ciò che fa, perché contrario agli insegnamenti dell’Islam. Può essere cosa logica un gruppo che si autoproclama come stato islamico e chiede a tutti il riconoscimento, senza se e senza ma, minacciando la morte come punizione?
I primi a subire il danno dell’ISIS sono i musulmani stessi, anche la maggior parte delle vittime musulmane; tutto questo danneggia fortemente l’immagine dell’Islam.
L’Islam è una religione di pace, d’amore e misericordia, non è una religione di guerra, di odio e crudeltà. L’estremismo non fa parte della nostra fede e siamo noi per primi a denunciarlo e a essere contrari.
Non sappiamo nulla sulla nascita dell’ISIS, né su come si sostenga economicamente. Ciò che i media trasmettono è che si tratti del gruppo terroristico più ricco e finanziato del mondo. Ma da dove vengono tutti questi soldi? E come mai, questo gruppo ha combattenti che vengono almeno da 80 paesi? Dov’è l’intelligence internazionale? E’ consapevole di questo flusso?
L’ISIS sfrutta l’ignoranza religiosa di certi musulmani e promette uno stato islamico con tante opportunità di successo per tutti. Promette l’eldorado e il paradiso terreno”.

E’ un’ulteriore domanda quella che conclude l’intervento dei musulmani di Parma e provincia: “per combattere l’ISIS, quale sarebbe la soluzione? L'ISIS si combatte con la conoscenza tra i popoli e con un vero dialogo consapevole e sincero. L’ISIS si combatte con la presa di distanza, informando su quanto sia pericoloso per la pace nel medio oriente e nel mondo. L’ISIS si combatte instaurando la stabilità, la democrazia e la giustizia in Iraq, in Siria e non solo, anche in tutto il medio oriente.
Le nostre associazioni dichiarano la loro posizione contro l’ISIS e la sua ideologia di odio, e affermano che l’Islam è tutt’altro rispetto a ciò nell’ISIS che si manifesta.”
Le tre associazioni invitano tutta la cittadinanza di Parma a un dialogo aperto e a una conoscenza reciproca approfondita, per togliere ogni pregiudizio.


Per l’Associazione della Comunità Marocchina di Parma e Provincia, l’Associazione Donne di qua e di là e la Comunità Islamica di Parma e Provincia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    23 Ottobre @ 17.12

    le moschee fatele a casa vostra! non qua!! io non vi odio, ma vi amerei se tornaste da dove siete venuti!!!!

    Rispondi

  • Paolo

    23 Ottobre @ 15.55

    OOOHHHH razzisti anche a parma???? Hei comunisti i rumeni vanno bene e i musulmani no? I rom che rubano ( oooo poverini è la sua cultura) vanno capiti, e i musulmani perchè vestono in un certo modo vanno condannati?? Mi sa che qualcuno a sinistra deve decidersi.

    Rispondi

  • filippo

    23 Ottobre @ 13.42

    tutte velate..tutte integrate....si si se ci crede qualcuno

    Rispondi

  • Biffo

    23 Ottobre @ 12.36

    Ma non sarebbe ora che la piantassero di velare le loro donne, fin da quando sono preadolescenti, mentre loro se ne girano abbigliati all'europea? Non arrivano a capire che, quando qui in Pianura padana ci sono 35° e il 70% di umidità, loro, in braghette corte e maglietta di cotone a mezza manica, riescono a stare appena meglio delle loro signore, coperte, dalla testa ai piedi, sotto pesanti camicioni?

    Rispondi

  • RENZ

    23 Ottobre @ 09.24

    R E N Z

    Bene! Adesso... DUE MOSCHEE ! E senza badare a spese... non vorremo mica farci compatire...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era - Foto

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Il commesso ruba nel proprio negozio

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

1commento

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

Berceto

Sciacalli a Valbona, rubate le pietre del «Castello»

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

OSPEDALI

La Regione stanzia 56 milioni per la sanità: interventi anche al Maggiore

Università

Reggio, ritardi al test di Psicologia

INCENERITORE

Al coro dei «no» si unisce Franco Maria Ricci

PARMA

Lavori in tangenziale nord: code e rallentamenti in zona aeroporto

1commento

BASSA

Camion stacca un cavo della linea elettrica: intervento dei vigili del fuoco a Zibello

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

25commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

2commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MILANO

Kabobo in carcere lavora e studia l'italiano

4commenti

GRAN BRETAGNA

Spia russa avvelenata: identificati i responsabili, coinvolti diversi russi

SPORT

DAL RITIRO

Rigoni raggiunge la squadra. Fermo Iacoponi, Scozzarella si allena a parte Video

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani