20°

32°

Cronaca

Attentato, i tunisini di Parma: «Violenza inaspettata»

Ali Cherif parla di "Un Paese tranquillo"

Ali Cherif (Comunità tunisina di Parma)

Ali Cherif

Ricevi gratis le news
2

Un episodio di «violenza assurda, inaspettata». Anche la comunità tunisina di Parma, rappresentata in città da ben tre associazioni, non può fare altro che guardare con grande sgomento a quanto accaduto ieri nella capitale del proprio paese d’origine.
«Un paese tranquillo», secondo Ali Cherif, tra i referenti dell’Associazione degli Immigrati Tunisini “Verdi” (le altre due sono Voce Nuova Tunisia e Donne Tunisine), che ieri mattina, al lavoro, appena sentito dai colleghi il racconto dell’attentato rivendicato dall’Isis, ha fatto davvero fatica a credere alle propri orecchie. «Era impensabile un fatto del genere: in Tunisia la situazione è sotto controllo in questo periodo - spiega Cherif - e un quinto della popolazione vive grazie al turismo. Le vittime e gli ostaggi dell’attentato erano in vacanza, erano lì per divertimento e un gruppo di pazzi ha rovinato tutto. E così, quanto accaduto - continua il referente dell’associazione - adesso rischia di distruggere completamente l’immagine del nostro paese».
Un’immagine ben diversa da quella del sedicente stato islamico, visto che, ricorda ancora il portavoce dell’associazione Verdi, «attualmente al governo c’è un partito laico». Evidentemente, però, per gli estremisti dell’Isis quella nazione arrivata appena un fa, dopo la cosiddetta Primavera Araba, a una nuova costituzione e a un sistema di elezioni libere, andava colpita e punita. Vicinanze così troppo nette col mondo occidentale sono intollerabili per chi si autoproclama portatore di un messaggio religioso che di certo ha ben altri precetti. «Volevano fare vittime anche nel Parlamento - continua Ali Cherif - e quello che proprio non riesco a capire è da dove sia saltato fuori questo Isis, in grado di fare continuamente danni in tutti i paesi arabi». In quello non molto lontano dalle coste italiane, invece, la popolazione si è conquistata a fatica dei diritti e uno stile di vita che col terrorismo non vuole avere nulla a che fare. Ed è soprattutto per queste ragioni che lo sgomento, anche tra i membri della comunità residente nel parmense, è decisamente grande. «Mi dispiace tantissimo per le vittime - conclude Cherif - e mi auguro che non accada mai più una cosa del genere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • AlesFino

    20 Marzo @ 12.25

    Alì è tunisino, Alì è musulmano, Alì è un mio amico come tanti tunisini, pakistani, ghanesi, camerunensi, cingalesi, albanesi, rumeni, ucraini, russi, cubani, americani, sudafricani, moldavi.... Quello che sta succedendo è davvero opera di pazzi che come in tanti corsi e ricorsi della storia hanno trovato il modo di fare soldi, avere un territorio e distruggere chi vive in serenità e non si sa e vuole più difendere. La violenza inaspettata dei fatti di Tunisi è vera, e vedere la gente di Tunisi, le donne di Tunisi, riunirsi e condannare, stare tutti insieme per aiutare, per cantare l'inno in un momento di grande paura dà un grande esempio di popolo e identità sociale. Siamo fratelli, siamo umani. E grazie per aver conosciuto persone come Alì, Rebecca, Aftab e tanti altri che sono.... bravissime persone e imparano da noi a possono anche insegnarci nuove importanti e semplici cose della vita. — con Rebecca Kraiem. "Alì è tunisino, Alì è musulmano, Alì è un mio amico come tanti tunisini, pakistani, ghanesi, camerunensi, cingalesi, albanesi, rumeni, ucraini, russi, cubani, americani, sudafricani, moldavi.... Quello che sta succedendo è davvero opera di pazzi che come in tanti corsi e ricorsi della storia hanno trovato il modo di fare soldi, avere un territorio e distruggere chi vive in serenità e non si sa e vuole più difendere. La violenza inaspettata dei fatti di Tunisi è vera, e vedere la gente di Tunisi, le donne di Tunisi, riunirsi e condannare, stare tutti insieme per aiutare, per cantare l'inno in un momento di grande paura dà un grande esempio di popolo e identità sociale. Siamo fratelli, siamo umani. E grazie per aver conosciuto persone come Alì, Rebecca, Aftab e tanti altri che sono.... bravissime persone e imparano da noi a possono anche insegnarci nuove importanti e semplici cose della vita. Alessandro, italiano, cattolico.

    Rispondi

  • Biffo

    19 Marzo @ 17.03

    Ieri ho sentito Chaouki, su Rete4; al suo confronto, una Santanchè becera, frusta e scontata. Persino Khalid la sormontava, di qualche km. Basta poco, che cce vò?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grave tamponamento in A4, coinvolto l'attore Marco Paolini

L’attore Marco Paolini

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

L'Onu dichiara guerra al Parmigiano: come il fumo. Coro di critiche

Il caso

L'Onu dichiara guerra al Parmigiano: come il fumo. Coro di critiche

13commenti

Processo sms

La Procura picchia duro

6commenti

CALCIO

L'amministratore delegato del Parma Luca Carra: "Siamo fiduciosi e lavoriamo per la serie A" Video

Ecco l'intervista del 12 Tg Parma

Soragna

E' morto il professor Demaldè, una vita per i campi e per l'Università

Funerale

A Collecchio l'ultimo saluto a Filippo, morto a 32 anni nell'incidente di Stradella

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

scuola

Via libera al trasferimento di 4 presidi

12 tg parma

Migranti: numeri in calo nel Parmense, chiuso l'hub di Baganzola Video

Varano

Addio a Villani, una vita per l'agricoltura

TRIBUNALE

La insegue e quando lei scende dall'auto la molesta: condannato

il caso

E' morto il 66enne che ha tentato di uccidere la moglie a Martorano

LA BACHECA

Ecco 20 offerte per chi cerca lavoro

Bedonia

Maturità da applauso allo Zappa Fermi con jeep e degustazioni

PARMA

Quella 600 d'epoca che colleziona multe davanti al ristorante Foto

Parla il proprietario Andrea Bindani, appassionato di oggetti del passato

2commenti

12 tg parma

Estensione delle piste ciclabili: Reggio Emilia batte Parma Video

agricoltura

Calano le superfici coltivate con pomodoro da industria del Nord Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

di Francesco Monaco

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento di Claudio Rinaldi

di Claudio Rinaldi

ITALIA/MONDO

TORTONA

Precipita dal terzo piano: 11enne grave nell'Alessandrino

1commento

BERGAMO

"Mi costrinse a prendere il Viagra", bufera su padre Zanotti

SPORT

calcio

Serie A e B: estate rovente, calendari in alto mare

CALCIO

Giornata di nervi tesi anche in ritiro. Amichevole con Naturno e Lana: il Parma vince 6-1 Video

SOCIETA'

GAZZAFUN

Giochi sotto l'ombrellone: divertiti con i quiz sul dialetto

BLOG

Cosa fa Babbo Natale dopo Natale?

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani