13°

23°

Strajè-Stranieri

Integrazione: Parma si piazza diciassettesima

Integrazione: Parma si piazza diciassettesima
Ricevi gratis le news
2

 Una piena integrazione a Parma? Traguardo possibile. Nonostante i problemi e gli episodi di microcriminalità che riempiono le pagine dei giornali. A dirlo è il XV «Rapporto nazionale sulle migrazioni 2009» della Fondazione Ismu che quest'anno scatta una fotografia sul pianeta stranieri impiegando uno strumento in più: il volume degli Indici di integrazione. 

Di cosa si tratta? Molto semplicemente di un numero compreso tra 0 e 1 (estremi di minima e massima integrazione) e basato su un'indagine effettuata su 12 mila immigrati residenti in 32 città. Ebbene, Parma si posiziona circa a metà classifica: al diciassettesimo posto (indice 0,49), segno che una buona convivenza tra italiani e stranieri nella nostra città è tutt'altro che impossibile.
Per quanto riguarda l'Emilia Romagna si piazzano bene Modena e Ravenna, quarte a pari merito con un indice di 0,54.
Guardando non alle aree geografiche ma alle persone l'indagine rivela che i più integrati fra gli stranieri sono le donne, i coniugati (specie con italiani) che hanno figli, coloro che hanno un'istruzione elevata e redditi abbastanza alti. E poi ancora: gli stranieri che sono in Italia da molto tempo, quelli che vivono con i familiari, in autonomia abitatativa e che mantengono pochi legami di relazioni e di aiuto economico con il Paese d'origine.
Se si guarda le aree di provenienza, il gruppo più integrato è quello che arriva dall'America Latina (al primo posto i brasiliani, poi i dominicani) seguito dall'Europa dell'Est (in pole position gli albanesi). Fanalino di coda, invece, è l'Asia.
Se si guarda alle diverse religioni, il punteggio più alto in questo caso è raggiunto dai copti, seguito dai cattolici e da coloro che non praticano nessuna religione.
Il rapporto evidenzia inoltre che cresce il popolo degli immigrati regolari in Italia. Al 1° gennaio 2009 gli stranieri in regola erano 4,8 milioni: mezzo milione in più rispetto al 2008. Di conseguenza diminuiscono gli irregolari: dai 651 mila del 2008 ai 422 mila del 2009.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dj manage

    21 Dicembre @ 20.06

    ma mi chiedo per che cavolo mettete sempre la foto di un nero... cavolo se nn ho letto male tra la classifica (INUTILE perché integrarsi nn è una gara) che hai fatto gli africani nn son nominati,.

    Rispondi

  • giuliana

    21 Dicembre @ 16.29

    Da un'editoriale di Giovanni Sartori- Due premesse. Primo, che la questione non è tra bianchi, neri e gialli, non è sul colore della pelle, ma invece sulla «integra­bilità » dell’islamico. Se­condo, che a fini pratici (il da fare ora e qui) non serve leggere il Corano ma imparare dall'espe­rienza. La domanda è allo­ra se la storia ci racconti di casi, dal 630 d.C. in poi, di integrazione degli islamici, o comunque di una loro riuscita incorpo­razione etico-politica (nei valori del sistema politi­co), in società non islami­che. La risposta è sconfor­tante: no. Il caso esemplare è l’In­dia, dove le armate di Al­lah si affacciarono agli ini­zi del 1500, insediarono l’impero dei Moghul, e per due secoli dominaro­no l’intero Paese. Si avver­ta: gli indiani «indigeni» sono buddisti e quindi pa­ciosi, pacifici; e la maggio­ranza è indù, e cioè poli­teista capace di accoglie­re nel suo pantheon di di­vinità persino un Mao­metto. Eppure quando gli inglesi abbandonarono l’India dovettero inventa­re il Pakistan, per evitare che cinque secoli di coesi­stenza in cagnesco finisse­ro in un mare di sangue. Conosco, s’intende, an­che altri casi e varianti: dalla Indonesia alla Tur­chia. Tutti casi che rivela­no un ritorno a una mag­giore islamizzazione, e non (come si sperava al­meno per la Turchia) l’av­vento di una popolazione musulmana che accetta lo Stato laico. Veniamo all’Europa. In­ghilterra e Francia si sono impegnate a fondo nel problema, eppure si ritro­vano con una terza gene­razione di giovani islami­ci più infervorati e incatti­viti che mai. Il fatto sor­prende perché cinesi, giapponesi, indiani, si ac­casano senza problemi nell’Occidente pur mante­nendo le loro rispettive identità culturali e religio­se. Ma — ecco la differen­za — l’Islam non è una re­ligione domestica; è inve­ce un invasivo monotei­smo teocratico che dopo un lungo ristagno si è ri­svegliato e si sta vieppiù infiammando. Illudersi di integrarlo «italianizzan­dolo » è un rischio da gi­ganteschi sprovveduti, un rischio da non rischia­re. Vuoi vedere che anche a sinistra cominciano a svegliarsi?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno