18°

28°

Strajè-Stranieri

Cleo, dal Burkina Faso a Parma passando per l'inferno di Rosarno

Cleo, dal Burkina Faso a Parma passando per l'inferno di Rosarno
Ricevi gratis le news
1

 Margherita Portelli

Il Burkina Faso ce l’ha dentro, Cleophas Adrien Dioma. Del suo paese gli manca tutto: la famiglia, i colori, il caldo spesso insopportabile, le strade polverose. E quando vi fa ritorno - in quella fetta di continente nero che ricorda con aria nostalgica -, però, si rende conto di essere anche un parmigiano: «Dopo qualche settimana lontano da Parma - sorride - sento il rimpianto di quella che, ormai, è a tutti gli effetti casa mia, e allora mi manca la nebbia, il prosciutto crudo. Persino l’aperitivo in via Farini». 
È come se fosse in bilico tra due luoghi. Due case: una che ha dovuto salutare dodici anni fa, quando decise di emigrare in Europa, e l’altra che si è costruito con fatica, nel tempo, nella nostra città. Cleophas oggi è felice, lo dice apertamente e glielo si legge negli occhi: il suo lavoro è la scrittura, collabora come giornalista per diverse testate, è educatore in un centro d’aggregazione giovanile e da otto anni organizza la rassegna «Ottobre africano».
 Lui ce l’ha fatta, è il chiaro esempio di quell'integrazione di cui si fa tanto parlare e che, a volte, facciamo fatica a vedere: «Quando sono arrivato in Italia, però, dopo un primo periodo in Francia, non è stata certo una passeggiata - racconta -. Ho fatto due anni da clandestino nel meridione, lavorando sempre in nero, prima nella raccolta dei pomodori a Foggia, poi a Rosarno: le situazioni tragiche che abbiamo visto in televisione pochi mesi fa le ho vissute in prima persona. Lavoravamo a ritmi inumani per niente e dormivamo al freddo in una fabbrica abbandonata. Quella volta che mi hanno sparato contro, poi, ho deciso di andarmene». Lo sconforto, però, non ha prevalso e da lì è iniziato il percorso che l’ha portato alla regolarizzazione: «L'avere i documenti in regola mi ha permesso di sperare in un futuro. Tant'è che il momento che ricordo con maggior tristezza è quando, quattro anni fa, per una serie di vicissitudini, ho perso il permesso di soggiorno. Mi sembrava di aver buttato via tutti i sacrifici accumulati in quegli otto anni». 
Quando arrivò a Parma, Dioma, ha dovuto arrangiarsi: «I primi tempi non avevo una casa. Dormivo in stazione. Poi ho trovato un lavoro come metalmeccanico in provincia, e da lì le cose sono iniziate a migliorare». 
Poi la svolta che, come succede sempre in questi casi, è stata dettata da una sorte benevola: «Ho iniziato ad inviare dei testi all’Internazionale - ricorda - perché mi aveva colpito il fatto che dessero spazio a giovani scrittori del Burkina Faso. Sin dal primo articolo pubblicato ho capito che quello poteva essere il mio mestiere. Ora collaboro anche con la rivista on-line Domani Arcoiris e con L’Internazionale Solidarietà». 
Cleophas oggi è pienamente integrato. «Mi ricordo il momento in cui mi sono reso conto di sentirmi italiano: è stato quando mi sono arrabbiato perché una persona mi ha trattato con disprezzo chiamandomi "negro". Prima non mi sarei mai offeso, era la normalità». 
Il cuore ovviamente è a cavallo tra due continenti, ma il suo  futuro, Cleophas, lo immagina a Parma: «Il mio percorso professionale mi lega all’Italia - conclude -, e a Parma mi trovo benissimo, è una città tranquilla. Oggi le persone mi prendono un po' come esempio, leggono i miei articoli, mi chiamano ai convegni per dare la mia testimonianza. L’altro giorno mi sono ritrovato a pensare che tutte le mie "sfighe", alla fine, mi hanno portato anche un po' fortuna».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    08 Giugno @ 08.53

    La storia di Cleophas Adrien Dioma dimostra che l'immigrazione nel nostro paese, perché funzioni al meglio, ha bisogno di essere strettamente legata all'esistenza di un posto di lavoro che garantisca la possibilità di una vita dignitosa. Dunque legalità, correttezza e chiarezza nei rapporti fin dall'inizio. L'immigrazione costituisce un problema quando, come è successo in questi ultimi anni, è diventata un'invasione indiscriminata e incontrollata che nessuno Stato di buon senso avrebbe mai dovuto permettere per non compromettere le basi della sua stessa esistenza. Che la politica del "tutti dentro" sia stata fallimentare lo dimostra l'ipocrisia di chi per anni ha strombazzato che gli immigrati costituiscono una ricchezza e che saranno loro a pagare le pensioni degli italiani. Già questa folle dichiarazione portava in sè un sottinteso senso di sfruttamento che non doveva essere tollerato. L'entusiasmo di Cleophas è contagioso perché lui per primo dimostra di apprezzare e condividere, nel bene e nel male, la nostra italianità. E' il senso di appartenenza a questa sua nuova patria che, non togliendo nulla all'amore per quella d'origine, lo ha arricchito e di conseguenza arricchisce anche noi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design