17°

29°

Strajè-Stranieri

Noi tunisini perseguitati dagli integralisti

Ricevi gratis le news
0

L'associazione dei tunisini a Parma "Giuseppe Verdi" ha inviato questa lettera alla Gazzetta di Parma

Egregio Direttore, con questa lettera vorrei denunciare alcuni fatti accaduti nella nostra Parma. L’Associazione “G. Verdi Tunisini” da anni impegnata nell’associazionismo e per l’integrazione e la pacifica convivenza ora si è trovata davanti delle mura chiuse e della gente contraria alle nostre iniziative. Siamo stati i primi nel 2008 a donare il sangue con tante famiglie di immigrati tunisini come segno sempre di condivisione e di integrazione.  E proprio da qui gli integralisti sono venuti allo scoperto. Ci è stato detto che il nostro gesto era vietato e non andava più ripetuto in quanto «il nostro sangue non deve andare agli ebrei e ai cristiani».
La nostra gente è stata impaurita e minacciata del ritiro del passaporto. Infatti ci sono riusciti ed io sono stato la loro prima vittima.
Si vede che gli autori di queste minacce e di questi ricatti sono all’oscuro di quanto sta succedendo nella nostra Tunisia, dove convivono diverse religioni e culture e dove il nostro  Presidente Ben Ali  è stato il primo a costruire il tavolo per il dialogo interreligioso.  Il tutto si è intensificato con la nostra visita alla Sacra Sindone a Torino, nonostante proprio il presidente della comunità tunisina di Parma, Naceur Fridji, ci avesse chiesto di organizzare un secondo viaggio per portare in visita alla Sindone anche i bambini della scuola araba.

Ma quando ha saputo che la Sacra Sindone era esposta nella Cattedrale di Torino e non in un museo, ci ha accusato di essere dei falsi musulmani e di essere diventati anche noi dei cristiani e degli ebrei e che il nostro scopo era di far convertire la nostra gente a un’altra religione.  Poi hanno minacciato i nostri associati di ritirare loro il passaporto se avessero continuato a frequentare i nostri spazi e le nostre attività. Non è finita. Ci accusano anche di essere fuori dalla linea politica ufficiale.  Ma noi non abbiamo colore perché non siamo né di destra né di sinistra e i nostri colori sono solo il bianco e il rosso della Tunisia, a cui abbiamo aggiunto il verde dell’Italia perché questo Paese ci ha dato la possibilità di crescere e siccome dietro ognuno di noi immigrati ci sono famiglie di 6-7 persone noi diciamo che l’Italia non ha sfamato solo quattro milioni di stranieri, ma almeno trenta o quaranta milioni.  Noi vogliamo essere dei cittadini che rispettano le leggi e le regole di questo Paese e non ci riconosciamo in certi conflitti tribali che non appartengono neppure alla cultura araba. Per questo e per altri motivi abbiamo aperto una scuola araba dove stiamo progettando un futuro sereno per i nostri ragazzi e per aiutarli a intraprendere la giusta via.  Questa estate volevamo seguire un percorso didattico per spiegare ai nostri bimbi quanto la guerra sia crudele e inutile. Il progetto era basato sulla seconda guerra mondiale, sulla shoah e sull’Olocausto.  Ed ecco che arriva il peggio. Dopo aver ricevuto la visita della senatrice Germontani, il 20 giugno era in programma la prima lezione del nostro ciclo per la quale avevamo preparato la sala con bandiere, poster del nostro Presidente, fumetti e alcune lettere sulla shoah che risalgono agli anni ‘40.  La mattina del 20 giugno giunti in sala ci siamo trovati con le sedie capovolte, i fumetti preparati dai ragazzi strappati e buttati nella spazzatura insieme alla bandiera della Tunisia e al poster del nostro Presidente Ben Ali. Mia moglie Rebecca è subito svenuta davanti a questo spettacolo e dopo non ha più trovato i suoi documenti (passaporto e carta di soggiorno) che erano stati portati via insieme ad alcune lettere personali che rappresentano l’unico ricordo del nonno imprigionato dai nazisti e del fratello che invece era stato fucilato da loro. Ad entrare nella sala dell’Enaip dove si trova la nostra sede era stato il presidente della comunità tunisina Naceur Fridgi insieme ad altri suoi uomini.  Questo raid illegittimo e a carattere antisemita è stato denunciato ai carabinieri solo dopo 2 mesi perché abbiamo cercato tutte le vie pacifiche per riavere le lettere a cui Rebecca tiene tanto e dopo che avevamo interpellato invano tutte le autorità tunisine presenti in Italia le quali non ci hanno mai dato una risposta concreta.  Adesso ho deciso di rivolgermi al Presidente Ben Ali in persona perché davvero sappia cosa accade e perché ci aiuti a risolvere questi problemi e a eliminare il clima di paura in cui vivono i nostri fratelli tunisini sottoposti a continue minacce. Ripeto che noi stiamo lavorando da anni per assicurare un futuro migliore ai tunisini che vivono a Parma.  Un futuro fatto di integrazione vera e sincera e non solo a parole. In questo modo non pensiamo affatto di andare contro alle nostre radici e alla nostra religione. Vogliamo solo essere ambasciatori della Tunisia così come lo stesso Presidente Ben Ali vuole che noi tutti facciamo.  Ci rivolgiamo a tutti i parmigiani perché ci aiutino e ci sostengano. Il nostro desiderio è solo di vivere in pace. Ringraziamo tutti coloro che si sono espressi pubblicamente a nostro favore. Ma le minacce e i ricatti continuano.  Parma aiutaci!!!
Benjedou Belgacem
Presidente Associazione «G. Verdi Tunisini» di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

fumetti

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

storia

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessuali: arrestato Video

1commento

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

Tizzano

La Regione risponde su Capriglio: "Nessun ritardo, lavori per 1,2 milioni"

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

3commenti

SERIE A

Parma, che tour de force

FIERA

Il Salone del Camper di Parma si è chiuso con 130mila visitatori

arte

Complesso della Pilotta, apre la nuova biglietteria: e i primi 100 entrano gratis

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

1commento

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Usa: sparatoria in Wisconsin, bilancio è di quattro feriti

AVELLINO

15enne a scuola con la marijuana: arrestato in classe

1commento

SPORT

Serie A

Samp e Fiorentina, un pareggio (1-1) nel recupero

ZEBRE RUGBY

Mike Bradley: "La fiducia sta crescendo nella squadra, con Cardiff Blues è stata fantastica" Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design