13°

23°

Strajè-Stranieri

La ragazza pachistana e i genitori - "La religione non c'entra: è un problema tra diverse culture"

Ricevi gratis le news
1

 A Parma non c'è nessuna «Jamila». Nessun caso simile a quello della ragazza pachistana tenuta a casa da scuola perché troppo bella. Ma ci sono almeno cinque studentesse con «scontri laceranti» in famiglia per il loro modo di vivere «troppo occidentale». Tutte sono seguite dagli psicologi ed educatori dello spazio giovani dell’Ausl di via Melloni. Ragazze che vorrebbero scappare via dalla famiglia, o rifiutano di lasciare l’Italia per un matrimonio combinato nel paese d’origine. Oppure, più banalmente, che si scontrano per i troppi «no» dei genitori, per le compagnie che frequentano, perché non hanno il permesso di uscire la sera. «Più che un problema religioso, si tratta di un problema tra diverse culture -  tiene a precisare la responsabile dello Spazio Giovani, Paola Salvini - Al conflitto tra adolescenza e genitori, da sempre presente, si unisce il conflitto culturale, fra il modello di libertà personale e abitudini, stili di vita diversi. In altre culture c'è un rispetto per gli anziani, per gli adulti, molto elevato, che non è lo stesso da noi». Spesso sono gli insegnanti, gli psicologi della scuola a parlare per la prima volta con loro di questi problemi, e poi le indirizzano allo spazio giovani. I presidi delle superiori di Parma, per difendere la privacy di queste ragazze, non ammetterebbero neanche sotto tortura che sono loro allieve. «Il problema non è legato alla religione musulmana delle famiglie - insiste la Salvini - ma alle diversità culturali, che vanno affrontate: stiamo riflettendo molto, come professionisti e operatori, su questo tema. In culture diverse alla nostra ci sono atteggiamenti differenti rispetto a temi importanti come la libertà degli adolescenti, quali ad esempio gli orari di uscita da casa e di rientro, le compagnie da frequentare, l’autonomia nelle scelte». Lo spazio giovani dell’Ausl è dedicato agli adolescenti fino a 21 anni. È gratuito ed accessibile senza appuntamenti. L’equipe è composta da psicologi, ginecologhe, un medico esperto in problemi dell’alimentazione, ostetriche, educatrici. «Il nostro compito è di capire bene quali sono i reali problemi di chi si rivolge a noi e nel caso di fare mediazione, il nostro obiettivo è riportare la ricomposizione con la famiglia, perché la famiglia può essere strumento di crescita. - spiega Paola Salvini - Come servizio abbiamo una posizione di difesa del minore e di chi viene da noi, ma non abbiamo mai avuto conflitti che non siamo riusciti a ricostruire all’interno della famiglia. È un percorso di accompagnamento e di sostegno delle ragazze. In passato abbiamo anche avuto ragazze che erano uscite di casa ed erano state accolte nelle casa di famiglia. Negli ultimi anni non ci sono più state». «Io credo che il compito fondamentale dei servizi e degli adulti in genere - sostiene la responsabile dello spazio giovani - sia riuscire a trasmettere il concetto che i problemi non sono né bianchi né neri, sono problemi complessi e l’importante è riuscire a leggerli in tutte le dimensioni. Ognuno deve fare propria parte». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    21 Aprile @ 23.35

    Affermare che la religione non c'entra è un'enorme sciocchezza. Tutti hanno paura di andare all'origine del problema, che è l'islam. Quando l'islam contamina una qualsivoglia cultura ne causa il blocco totale della capacità di migliorare e progredire. Non esiste un paese islamico che spicchi per l'alto livello delle sue ricerche, che abbia dato i natali a qualche scienziato o che si metta in evidenza per scoperte tecnologiche. Solo miseria, ignoranza, negazione di diritti e violenza. Il PaKistan è uno dei paesi in prima linea per la violenza, gli stupri e gli abusi contro i cristiani e le donne. E non saranno tre chiacchiere propinate in nome del volemose bene che potranno scalfire una mentalità ristretta, troglodita, antioccidentale, anti tutto ciò che sa di libertà (soprattutto della donna) di cui sono portatori i pakistani. La religione influenza la cultura, soprattutto quando religione, legge e tradizioni coincidono. Affermare il contrario, ripeto, è solo un'enorme sciocchezza. Non c'è nessuno che voglia veramente aiutare le ragazze musulmane (e pakistane in particolare). Il problema bisogna affrontarlo di petto con il coinvolgimento di un giudice dei minori che spieghi ai genitori che cosa significa diritti dei bambini in Italia, cosa significa uguaglianza di diritti tra uomo e donna, libertà di scelta religiosa compresa la libertà di abbandonare anche l'islam. Se rifiutano di capire, cioè se rifiutano le nostre leggi, espulsione immediata e irrevocabile. Ci sarebbero meno problemi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno