18°

Strajè-Stranieri

La comunità filippina in lacrime abbraccia la famiglia. E raccoglie offerte

La comunità filippina in lacrime abbraccia la famiglia. E raccoglie offerte
Ricevi gratis le news
0

Nel soggiorno di un appartamento di pochi metri quadrati di via Gramsci, un tavolino è stato trasformato in un piccolo altare. Sopra, una grande foto di Vilma Untalan, ritratta in un giorno particolarmente felice della sua vita: quello del diploma conseguito nel suo Paese, le Filippine, con addosso la toga e in testa il tocco delle cerimonie importanti. Accanto, un crocefisso dorato, un lumino sempre acceso, una statuetta della Madonna di Lourdes piena di acqua benedetta, e un paio di mandarini, quasi fossero un'offerta votiva. In un angolo, in un vasetto di vetro, chi vuole lascia un'offerta per la famiglia di Vilma: le spese da affrontare ora che lei non c'è più saranno tante, a partire dal funerale, senza contare quella bambina, la piccola Merry Del, che appena nata è già senza mamma. È la casa del cognato di Venancio, marito di Vilma: dal giorno della morte, avvenuta nelle prime ore di mercoledì, in quel piccolo alloggio è un continuo via-vai di parenti, amici, conoscenti, o anche semplici compaesani originari della stessa città filippina da cui proviene la famiglia di Vilma, Mulanay, nella provincia di Quezon. Vengono da Parma e provincia, ma anche da altre città del nord Italia, come Milano e Padova. Quando un lutto del genere colpisce qualcuno che si conosce, è una vera e propria gara di solidarietà quella che scatta tra i filippini: mollano tutto e partono per andare a portare conforto a chi sta vivendo un momento di lutto così tragico. Ad accoglierli, due fratelli del marito, la moglie di uno dei due e un altro loro parente. L'ospitalità fra i filippini è sacra e a tutti quelli che entrano in casa deve essere offerto qualcosa.
Ieri a ora di pranzo il marito di Vilma è rimasto nella sua stanza: provato dalla tragedia, ha cercato di riposare un po', dopo due notti e un giorno passati fra l'ospedale, dove la sua piccola Merry Del è ancora ricoverata, e la casa del fratello, dove c'è l'altra figlia di otto anni, alla quale ha già spiegato che non rivedrà mai più la sua mamma. Vilma abitava con il marito a Villa Cella, in provincia di Reggio, dove entrambi lavoravano come domestici e badanti nella casa di un anziano, all'interno di una grossa azienda agricola. Nonostante vivessero nel Reggiano, da sempre per tante cose facevano capo a Parma, dove partecipavano alla vita della folta comunità filippina, che ha come proprio punto di riferimento la chiesa di Sant'Uldarico in via Farini. E proprio il fatto che a Parma, a due passi dall'ospedale, abiti il cognato di Vilma, ha fatto sì che la 35enne decidesse di partorire al Maggiore: il marito avrebbe potuto alloggiare dal fratello e per ogni esigenza la coppia avrebbe saputo di poter fare affidamento sui vari parenti che abitano in città. Invece è stato proprio in quell'ospedale che Vilma è spirata, dopo esservi entrata in perfetta salute e dopo un parto andato bene.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osè erano rubate"

decisione

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osé erano rubate"

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

La copertina del libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

università

UniRankings 2019: l'ateneo di Parma 501esimo nella classifica mondiale

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel