18°

28°

Intervista

Fontana: "Ecco perchè me ne vado"

L'amministratore esecutivo: «Risorse insufficienti, idee divergenti»

Fontana: "Ecco perchè me ne vado"

Carlo Fontana (foto di Francesco Maria Colombo)

Ricevi gratis le news
12

Dopo 21 mesi da amministratore esecutivo del Teatro Regio di Parma, Carlo Fontana lascia. Senza se e senza ma. Decisione irrevocabile, ufficiale, ratificata ieri al Cda della Fondazione di via Garibaldi. Insufficienti le risorse economiche – incluso il recente mancato riconoscimento di legge al Festival Verdi – e incolmabili le divergenze di vedute gestionali con l’amministrazione comunale. Sono questi i motivi per cui Fontana anticiperà di due anni la naturale scadenza di mandato, fissata a fine 2016: (...)  Quella che sorge è l’alba di una rivoluzione, considerando che l’addio di Carlo Fontana porta con sé l’addio del direttore artistico Paolo Arcà: si apre una pagina bianca nella storia del Teatro Regio.

L'intervista sulla Gazzetta di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • PASQUINOPARMA

    30 Agosto @ 12.35

    Tutte opinioni legittime, una domanda? Ma qualcuno ha una vera e oggettiva conoscenza dell'attuale situazione del teatro Regio di Parma in riferimento a: bilancio, situazione debitoria verso tutti gli artisti i fornitori e dipendenti, progettualità presente e futura, rapporti internazionali? Credo sia una buona base di partenza per qualsiasi impegno di energie, idee, pareri, progetti e sopratutto soldi e immagine della città di Parma; quella immagine culturale e sociale che potrà essere "ripresa" a livello nazionale e internazionale SOLO se i sentimenti migliori di persone illuminate di Parma, (e sottolineo personalmente ..di PARMA) coadiuvati da professionisti "esteri" del settore cultura, con riconoscimenti ed esperienza internazionale (esperienza comprovata ed oggettiva - NO BUCHI o FIGURE POLITICHE sorrette dal vento del momento) potranno ridare nuovo splendore e decoro al RICORDO di quello che è stata la città di Parma e di tutta la cultura in essa contenuta e riconosciuta nel mondo nei tempi passati.

    Rispondi

  • Greg

    18 Luglio @ 08.39

    Maurizio, vallo a dire ai coristi del teatro. Ti ricordo inoltre che Meli si era offerto di rimanere gratis. Poi se avessero pagato l'OTR avrebbero risparmiato 60 mila euro. Unito ai 35 mila di attivo(un garage singolo in periferia), potrebbero vantarne 95 mila(un monolocale nella bassa).

    Rispondi

  • mauro

    17 Luglio @ 21.10

    mi dispiace per il dott.Fontana….le dimissioni le dovrebbero dare chi non è all'altezza di controllare questa città.. non vado oltre..

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    17 Luglio @ 17.07

    Non ho capito cos'hanno salvato. Il Teatro è virtualmente chiuso : non c'è più orchestra, non c'è più il maestro del coro, lo stesso coro non si sa che fine farà, gli artisti in tabellone danno forfait per far posto a sostituti improbabili, non c'è più produzione e quindi non ci sono tourneè e possibilità di allargare il fatturato con la cessione delle produzioni stesse ad altri teatri, dischi, video, merchandising come fa ogni teatro. Non si possono nemmeno ridurre i costi scambiando le nostre produzioni con quelle di altri o fornendo loro la nostra enorme expertise di scenografi e costumisti. Il Teatro non c'è più. Si fa un cartellone con la ripresa di "una" roba vecchia, si fa accattonaggio di serate di gala, si mette all'asta il posto di 3 ballerini come abbiamo visto in questi giorni. Cosa fanno i candidati? mettono il CV sui internet ? O fanno le audizioni come ha fatto Fontana quando hanno cacciato l'OTR coi bei risultati che abbiamo sentito ? Come si può pensare di raccattare contributi pubblici con programmi del genere ? Per vedere un'opera o un simil'opera bisogna andare in altre città o ... alla reggia di Colorno. Avanti così torneremo a Salsomaggiore. Tanto vale chiamare degli attori a recitare e mettere su dei dischi... Chiameremo Grillo a cantare ? Trasmettiamo le opere di altri teatri in streaming ? Cos'hanno salvato ? E' sotto gli occhi di tutti che il Teatro Regio è morto e quelli che potevano salvarlo, i main sponsor pubblici e privati ed i vecchi soci, sono stati messi alla porta . Solo affidando la gestione del Teatro Regio ai vecchi soci ci può essere una speranza, diversamente resteremo col Teatro di Grullandia a fare le farse di Giufà.

    Rispondi

  • Greg

    17 Luglio @ 16.55

    Maurizio, non sarai grillino ma adotti lo stesso stile . I fornitori sono stati pagati dopo che il governo ha allentato a tal fine il patto di stabilità. Prima Pizzarotti ha pagato l'OTR solo dopo aver perso tre cause e con la maggiorazione di 60 mila euro proprio per pagamenti in colpevole ritardo. Per quello che riguarda i conti del Regio e della Fondazione io ho molti dubbi, primo dei quali il fatto che il Comune è l'unico socio. Poi, molti dimenticano di conteggiare anche i crediti nel conteggio complessivo. Alla fine avranno risparmiato pure qualcosa, ma non sui compensi della dirigenza. Domandati invece se da adesso a fine anno a Fontana e Arcà verrà corrisposto il compenso( 14.000 mensili a Fontana e 10.000 ad Arcà). Tanto per sapere........

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"