19°

l'intervista

Mirco Bricoli "A Schia c'è un tesoro nell'aria"

Uomo di sport e montagna "Parma è vicina ma inquinata, qui si scia con i polmoni puliti"

Schia

Mirco Bricoli

Ricevi gratis le news
0

 

Un paradiso con qualche tratto di inferno. Se guardavi in alto, ieri la Valparma era un incanto: cielo blu, aria tersa scaldata dal sole, cime innevate. Ma prima di guardare all'insù bisogna fare attenzione a dove si mettono i piedi o meglio ancora le ruote. Il Monte Caio sta franando a valle da vari settori: Boschetto, Cisone, Musiara, Fontanafredda, Capriglio. Uno stillicidio di frane che feriscono la valle, minano la viabilità, demoralizzano residenti e villeggianti. Con qualche deviazione siamo arrivati a Capriglio, dove vive Mirco Bricoli, storico presidente dello Sci Club Schia (incarico che ha lasciato tre anni fa) e già membro della società di gestione degli impianti della storica stazione sciistica parmense, che dista una manciata di tornanti da Capriglio.
Ci siamo arrivati in piena Olimpiade invernale e in un giorno in cui a Schia gli impianti erano tutti in funzione. Tra i piedi di Bricoli si crogiola al sole Jack, un lagotto tanto peloso quanto affettuoso.
«Ho perso mia moglie in settembre - racconta con gli occhi velati Bricoli - ho la casa un po' in disordine». Alle pareti, oltre ai disegni dei nipotini, tante foto che immortalano momenti felici dello Sci Club. Ma nel suo passato c'è anche altro.
«Il mio amore per lo sport è nato attraverso l'atletica, le corse in Cittadella e le gare degli studenteschi al Tardini, dove allora c'era la pista. Era la fine degli anni '50. Poi nel '63 andai a militare e con la squadra della 5ª Brigata Aeronautica di cui facevo parte diventai nazionale militare di triathlon, che prevedeva 3000 metri di corsa, 200 di nuoto a stile libero e il tiro a segno di precisione. Feci un paio di gare internazionali. Poi imparai a conoscere queste zone, mi feci la casa a Capriglio nel '72 e ricordo ancora con orgoglio di aver organizzato e guidato la Caprigliese al successo nel Torneo della Montagna del '73. Di calcio capivo poco, ma battemmo squadroni come il Berceto. Fu una grande festa».
Poi scattò la scintilla dello sci.
«Nel 1976 Doriano Bocchi riunì alcuni amici attorno a un tavolo. C'ero anch'io e fu fondato lo Sci Club di Schia. Banca Emiliana prima e Cariparma poi ci diedero il loro supporto. Nessuno allora poteva pensare di raggiungere certi risultati che invece ottenemmo. Dopo appena 3 o 4 anni eravamo la società più importante in Emilia, pur venendo dal nulla. Ricordo che nel '78, in occasione della prima gara organizzata sulle nostre piste, lo Sci Club Sestola non conoscendo per niente il luogo, finì a Lagdei. Quando cominciammo a suonargliele ci restavano male perché, dicevano, noi eravamo ''di collina''».
Anni di gioie ma anche di sacrifici.
«Enormi. Far girare i pulmini per portare a sciare i ragazzi non era cosa da poco. Lo sci anni fa era uno sport d'élite, poi è diventato più popolare e oggi giorno, a causa della crisi, sta ritornando d'élite. D'estate devi fare allenare i ragazzi sui ghiacciai, alloggiarli in albergo. Per la società è sempre più dura sostenere certi costi. Spesso sono dovuto andare a intercedere con gli insegnanti che invece di favorire la pratica dello sci tendevano a penalizzare questi ragazzi che, per forza di cose, fra allenamenti e gare, perdevano qualche lezione. Spiegavo loro i benefici della pratica sportiva sulla salute fisica e mentale dei ragazzi e sono orgoglioso di dire che a distanza di anni tutti i nostri atleti sono diventati brave persone, molti di loro ancora legati allo sci club».
Poi è arrivato Fattori a illuminare la scena.
«Lui è stato il nostro gioiello, il primo sciatore di Appennino a vincere una libera in Coppa del Mondo dopo Zeno Colò. E ci inorgoglisce il fatto che da ragazzo si sia allenato sempre e solo a Schia, mentre ad esempio Alberto Tomba, altro campione delle nostre montagne, in realtà stava in collegio a Cortina».
In questo periodo di Olimpiadi, le tornano in mente le tre vissute a fianco di Alessandro?
«Non potrebbe essere diversamente. Ad esempio vedere la Merighetti arrivare ai piedi del podio in libera mi ha ricordato la delusione di Nagano, quando Fattori fu quarto per 18 centesimi, meno di cinque metri su un percorso di oltre due chilometri. Perché nello sport partecipare a tre Olimpiadi è già un fatto eccezionale, ma portare a casa una medaglia ti fa ricordare».
Quella di Fattori però resta la favola del ragazzo di Musiara.
«A me piace dire che è stato un'eccellenza del territorio come prosciutto e formaggio. Assieme a lui ho girato il mondo e tenevo sempre i contati con i mass media, anche al di là di quello che lui pensava fosse giusto. Ai giornalisti però, magari facendogli assaggiare grana e salame, chiedevo di ricordare Fattori come atleta di Schia o Tizzano, non solo di Parma. Era la mia idea di marketing...».
Quale può essere il futuro dello sci club?
«L'ho lasciato in ottime mani. Ci sono dirigenti ex atleti come Bertolotti, Giunipero e Saccardi. 50 ragazzi attivi, una suola di sci che aiuta a definire la sezione agonistica. E' tutta gente che ama Schia e lavora per farla crescere»,

Dietro casa sua adesso c'è una frana impressionante, ed è una della tante che punteggia il massiccio del Caio. Non c'è pace per la nostra montagna.
«L'anno scorso una mattina mi sono svegliato e dalla finestra ho visto uno spettacolo drammatico. La frana si origina venti metri sotto casa mia. Non abbiamo sentito un solo rumore, eppure s'è mossa una massa enorme. Ci hanno lavorato, ci hanno messo, pare, in sicurezza. Il sindaco Bodria è geologo, si è dato molto da fare, ha fatto realizzare subito la bretella che bypassa lo smottamento. Le frane da queste parti comunque ci sono sempre state: verbali di consigli comunali di di Tizzano rivelano che nell'800 c'erano già movimenti a Costa, a Fontanafredda, a Groppizioso e via discorrendo. Adesso si aggiunge il fatto che la terra è meno curata, l'acqua meno incanalata. Questa frana di Capriglio pare sia stata causata da una grande quantità di acqua che è si accumulata sotto la superficie senza particolari segnali. Ora mette a rischio anche un ponte sulla Massese giù a valle, col pericolo di tagliar fuori Palanzano e Monchio».
C'è un rimedio per questi disastri?
«L'unica possibilità è la prevenzione, ma siamo in tempi di crisi... Intanto però qui a Capriglio la frana, causando l'evacuazione di due case, ci ha fatto riscoprire un valore come la solidarietà. Ci siamo dati da fare, abbiamo raccolto fondi, aiutato chi aveva bisogno».
I pro e i contro di Schia si possono riassumere nella comodità rispetto alla città e nell'incertezza dell'innevamento?
«Non esiste in Italia un posto per sciare a 45 minuti da una città. Su questo noi abbiamo sempre puntato per attirare sciatori. Ricordo quando ai primi anni del Parma in serie A inventammo il «mattiniero gialloblù», che consentiva agli abbonati al Parma di venire a sciare la domenica mattina e poi essere al Tardini per le 15. Per quanto riguarda la neve fui io a insistere vent'anni fa per installare i primi ''cannoni'' di neve programmata. Non tutti erano d'accordo qui a Schia: ''la neve deve cadere dall'alto'' dicevano. Nel '94 ne installammo uno in prova: per fortuna seguì un bel freddo e la neve che produsse andò via ai primi di maggio. Così adesso c'è un bell'impianto a alta pressione».
C'è stata un'occasione mancata?
«Penso alle nove buche di golf. Avevamo già un progetto, sarebbe stata una cosa fantastica. Dal Lago delle Ore a salire, con dislivelli dolci ma interessanti, green naturali già presenti. Poteva dare notevole input anche al turismo estivo, ma i proprietari dei terreni non li hanno voluti cedere con nessuna formula. E' stato un peccato».
E un rilancio da dove può passare?
«Io insisto, e l'ho sempre fatto, sulla comodità per i parmigiani. In tre quarti d'ora di auto ci si ritrova in un altro mondo. Adesso quando mi càpita di camminare in città mi accorgo di quanto sia sporca l'aria. La nostra invece è stata fatta certificare dal Comune di Tizzano. Se non tutti possono o vogliono venire a vivere da queste parti direi che a molti farebbe davvero bene ossigenarsi un po' a Schia. Respirare ogni tanto aria pulita non vi sembra una motivazione valida per fare un giretto in macchina e salire a Schia?».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno