13°

26°

parmense

I sindaci attaccano la Regione
sul caso dei treni soppressi

La cancellazione del regionale 6784 causa gravi disagi ai pendolari

I sindaci attaccano la Regione
sul caso dei treni soppressi
Ricevi gratis le news
1

 

Sotto l’albero dei pendolari del treno, da lunedì scorso, c’è un pacco. Sul biglietto, che non è firmato da Santa Lucia ma dalla Regione, c'è scritto «treno soppresso»: è il regionale 6784 che ogni mattina alle 7.03 partiva da Fornovo per raggiungere Fidenza alle 7.31, carico di studenti e lavoratori. Scorrendo la petizione firmata dagli utenti e spedita a novembre a tutti gli enti, dal ministero dei Trasporti alla Regione, per chiedere di non interrompere il servizio, si leggeva «dal momento che l’utenza principale di questo treno è costituita da studenti e personale della scuola, la sua soppressione comporterebbe un loro ritardo a scuola e al lavoro». Troppo pochi secondo la Regione: non sufficienti a sostenere i costi di mantenimento del servizio. Da lunedì scorso, però, non sono a piedi: hanno l’autobus a disposizione. Così come tutti treni che collegavano Fornovo a Parma saranno sostituiti da bus di linea, in partenza e in arrivo ogni mezz'ora.
La questione dei treni soppressi è stata al centro della conferenza stampa indetta ieri dal sindaco Emanuela Grenti. All’incontro erano invitati tutti i colleghi della zona ovest e i referenti della Regione e Provincia. Secondo Grenti quella effettuata «è una scelta che va in direzione opposta rispetto alla logica di razionalizzazione e potenziamento del trasporto pubblico locale. Andrebbe favorito e promosso l’utilizzo del treno. E’ apprezzabile lo sforzo di Smtp di raddoppiare le corse dei bus per Parma ma non è questo l’obiettivo politico: non è un cura ma un palliativo. Per Fornovo si era prevista in passato la possibilità di attivare una metropolitana leggera e di costruire un parcheggio per gli utenti: invece si è scelto di aumentare l’utilizzo del trasporto su ruote. Un servizio che richiede ai Comuni, quindi ai cittadini, l’impegno di ulteriori risorse».
Per l’assessore di Varano Melegari Giovanni Bertocchi è importante capire «come risolvere il problema». Sulla questione il sindaco di Berceto, Luigi Lucchi, ha aggiunto: «E' una parentesi: è un gesto grave che conferma la cattiva gestione dei trasporti. Prima hanno inserito un numero di treni eccessivo, di contro oggi si attua l’operazione opposta, togliendo l’indispensabile. E’ una vergogna come lo è la sospensione dei lavori sulla Pontremolese».
Anche per Lorenzo Bonazzi, sindaco di Solignano, «è una situazione insostenibile, assolutamente negativa per coloro che intendono continuare a vivere sulle nostre montagne, evitando l’esodo e prendendosi cura del territorio». Sulla stessa linea il sindaco di Valmozzola Bruno Alzapiedi: «A Valmozzola abbiamo vissuto, con la chiusura della stazione, tanti disagi per i cittadini. Questa è un’azione che contraddice la politica ambientale della Regione». Critico il sindaco di Albareto, Ferrando Botti: «C'è stato negli anni un progressivo peggioramento: non si capisce quale sia la programmazione per questa ferrovia». Per il sindaco di Medesano Roberto Bianchi «è un’assenza totale della politica: non si è fatto ragionamento sulle priorità dei tagli, prendendo un provvedimento contrario alle enunciazioni più volte sentite, a danno dei fruitori, di chi ha necessità».
L’assessore di Collecchio Franco Ceccarini, l’amministratore unico di Smtp Pierdomenico Belli e Corrado Mansanti della Provincia, hanno sottolineato come, per rispondere alle esigenze dei cittadini sia stato fondamentale l’accordo per il collegamento con bus tra Fornovo e Parma ogni mezz’ora. A rappresentare la Regione il funzionario Cesare Sgarzi che ha ricondotto il discorso sul tema economico, sottolineando come quella soppressa, la Fornovo-Parma, sia una linea a «domanda debole», con un utenza di 150-180 viaggiatori al giorno.
Il mantenimento era legato all’eventuale incremento dell’utenza, come contenuto in un documento condiviso e sottoscritto dagli enti locali tre anni fa: una crescita che non si è verificata, a fronte di costi che sono tre volte superiori rispetto al trasporto su gomma. Un tema contestato dai sindaci che auspicavano un confronto con i politici e non con i funzionari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mauro

    21 Dicembre @ 19.36

    E' la politica degli anni '60... meno treni e più bus? E a cosa è servito? A peggiorare il servizio, a intasare strade, ad aumentare l'inquinamento. Possibile che la storia non serva a niente? Perchè gli assessori alla mobilità delle regioni non si fanno un bel viaggetto oltralpe a vedere come funziona? E poi si fanno un bel viaggetto sui nostri mezzi pubblici a vedere come non-funziona? Delle due, una: o oltralpe sono più bravi e usano meglio le risorse, o sono matti e spreconi.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

1commento

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perché ho sempre detto no a Pavarotti"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

tg parma

Le voci del corteo del 25 Aprile: "E' la festa più bella e più vera"

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

4commenti

DEGRADO

Stazione, parcheggio H: vigilanza armata dalle 14,30 alle 22,30

incidenti

Una moto a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15: due in Rianimazione

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

tg parma

Volata finale: entusiasmo ed esperienza le armi del Parma Video

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

E la replica dei giovani del Centro Esprit

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

4commenti

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

SCUOLA

Romagnosi, Boito, Sanvitale Fra Salimbene e Verdi: il grande concerto

ITALIA/MONDO

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

cavriago

Non gli andava bene l’orario di consegna: prende la postina a bastonate

SPORT

tifosi violenti

Champions, la polizia inglese conferma: arrestati due romani per tentato omicidio

2commenti

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

NAPOLI

Scheletro di bimbo negli scavi di Pompei. Il direttore: "Grande scoperta"

gusto light

La ricetta "green" - Insalatona di cetrioli con mele e noci

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento