GAZZAFUN

"Bruno, è vera che al Castlètt a magnävov il pónghi ?": divertiti con il nostro quiz

Quinto appuntamento con il dialetto in collaborazione con la Consulta per il dialetto parmigiano.

Questa volta il quiz è basato su un racconto di Bruno Dodi, leggi sotto il testo e poi rispondi al quiz:

CLICCA QUI

Nota: il testo completo lo puoi vedere nel sito della Consulta per il Dialetto Parmigiano cliccando sulla finestra PERSONAGGI e poi scegliendo la sottofinestra DODI BRUNO mentre tramite l’indirizzo mail segreteria@consultadialettoparmigiani.org puoi fare richieste dirette.

Bruno Dodi 

Bruno, caro amico e collega purtroppo non più tra noi possedeva una particolare predisposizione per le battute. Il dialetto parmigiano non ha il superlativo assoluto per cui ricorre ad immagini spesso iperboliche e lui era uno specialista. Bruno era sempre invitato alle festicciole che si usa fare quando un collega va in pensione. In quelle occasioni, anche i più "duri" tendono a commuoversi e il compito di Bruno era quello di fugare un po’ dell’immancabile malinconia con le sue battute brillanti e mai ripetitive per le quali possiede un vero talento naturale. Alcuni esempi. A Bruno, che era già in pensione, un collega chiese: “Bruno parchè sit andè in pensjón ch’a t’ sér ancorra giovvon ? “Parchè i m’ àn ditt che ala Vilètta i fan la ruga !” (la ruga è la perquisizione)

Un altro vecchio amico gli dice: "Bruno la t’fa bén la pensjón, a t’gh'è un bél colór. – E lui:“Adésa gh’ò ‘l témp äd därogh do man” . L’amico insiste: “E par via dal par via, cme vala?"- "Gnanca pu col lorètt".

Un collega rideva e Bruno lo rimbeccò: "A t’pól vansär äd riddor tant; a ca tòvva l'é un pés ch'a s'canta "Beati morti”. Ti a t’pól recitär dabón la preghiera dal pensionè!" - "Cme éla ?", gli chiesi. "A t’ringrasi al me Signór ch'a t’m'è castrè sénsa dolór".

Al Castlètt

C'è chi lo stuzzica alludendo alle sue origini: "Bruno, è vera che al Castlètt a magnävov il pónghi ?"- (il ponghi sono le pantegane)

"No, parchè a gh’ séron afesionè; a s' gnäva su ragas insèmma".

Ormai lanciato sui vecchi tempi continua: "Mi stäva in-t-'na béla ca, diviza bén. Gh'éra cambra e cuzén’na, granär e cantén'na, tutt in-t-'na stansa!” A uno che rideva più degli altri, Bruno disse: "Sta miga riddor tant ti, ch'a t’stäv in-t-'na ca cón 'na scäla acsì dirocäda e starvleda che pr’andär su dritt, a gh’ vräva vón sop. L'éra 'na ca tanta sporca che j inquilén i s’pulivon i pe a 'ndär fóra".

I vecchi tempi

Bruno non si vergogna a parlare della miseria dei suoi tempi: “In ca mèjja l’andäva tant mäl e séron tant mizerabil, che cuand sèmma dvintè povrètt, èmma fat fésta”. E continua: "A gh’é äd cojj ch'i gh’ lason dil villi; a mi, i m'àn lasè la bronchite parchè a gh'äva sémpor fama e a forsi ‘d révor, inutilmént, i sportél äd la cardénsa par vèddor sa gh’éra cuél da magnär, ò ciapè tant cólp d’aria ch’a m’ són malè ‘d brónch". E l’é stè in coll perìod lì ch’ j ò imparè a fär al mago – Al mago? Chiede qualcuno. "Sì, parchè cuand andäva in ca' a dmandär s’a gh’éra cuél da magnär, me mädra la me dzeva sempor:"sparissa !"

Sempre parlando dei suoi tempi, continua: "I dizon che a magnär la suppa a vena i carcagn gros. Mi dovriss averogh du pe cme do psighi äd dolegh !". ("Carcagn" sono i calcagni e "psighi àd dolegh" sono le vesciche di maiale dentro cui si conservava lo strutto).

Nota: il testo completo lo puoi vedere nel sito della Consulta per il Dialetto Parmigiano cliccando sulla finestra PERSONAGGI e poi scegliendo la sottofinestra DODI BRUNO

Clicca sotto per le precedenti puntate del dialetto in collaborazione con la Consulta per il Dialetto Parmigiano:

- Prima puntata: “Al me dialètt pramzàn”: allena la tua parmigianità con il quiz della consulta per il dialetto 

- Seconda puntata: Quei simpatici ”Bagolón”: fai subito il nostro quiz

- Terza puntata: "Al bal äd la vitta": sapete godervi la vita... in dialetto?

- Quarta puntata: La magia del dialetto: da rezdora a melgon, fai subito il quiz

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.