15°

26°

Varsi

Liquami nel Ceno: protesta dei pescatori

Il comune si sta attivando dopo la segnalazione. Tam tam su Facebook: "Tanti pesci morti e pericolo a valle dove si inquinano i pozzi"

Liquami nel Ceno: protesta dei pescatori

Pescatori in Ceno

Ricevi gratis le news
1

Non bastavano i rifiuti «dimenticati» da bagnanti maleducati. Ora il Ceno deve fare i conti anche con un notevole quantitativo di liquame stallatico che è stato scaricato nel corso d’acqua. È successo nel territorio di Varsi, nel tratto di fiume compreso tra le località di Ponte Lamberti e Ponte Vetrione.
A lanciare l’allarme sono stati alcuni pescatori che sabato scorso, proprio in quella zona, precisamente nella frazione di Golaso, hanno preso parte alla grande gara di pesca nel Ceno, organizzata dall’associazione «Trota Fario Val Ceno Val Lecca», in collaborazione con l’Arci Pesca Fisa e il Comune. «Bella la gara, così some il raduno di Varsi, la compagnia e l’organizzazione. Meno piacevole la sorpresa di lunedì mattina - scrive nella pagina Facebook degli organizzatori un pescatore -. Alcuni amici si sono recati nel tratto di fiume dove si è svolta la gara e un fiume di liquami scorreva al posto del Ceno. Mi rivolgo alle istituzioni: questi irresponsabili creano un danno ambientale enorme, e la passano liscia». «Probabilmente - commenta un altro visitatore della pagina - il fatto è accaduto durante il temporale di domenica notte. Il liquame all’altezza della Forchina c’era, ma a ponte Pensile no; in questo tratto non ci sono stalle. Il mio pensiero è che l’ondata provenga da sopra ponte Pensile e si sia smaltita durante le prime ore del giorno. Ma c’è gente che è pagata per vigilare».
«In montagna - aggiunge un altro pescatore arrabbiato- c’è il vizio di scaricare letame e liquami nei canali quando piove: si tratta di ignoranza e inciviltà. Questi atti vanno denunciati».
E ancora, un altro iscritto al gruppo Facebook interviene nella discussione e racconta: «Lunedì mattina abbiamo trovato parecchie trote morte, oltre a due o tre barbi piccoli nella rete, anch’essi senza vita... Ora si spiega la moria di pesci riscontrata in Ceno». Dal web, la segnalazione è arrivata al consigliere comunale di maggioranza, Flavio Nespi, che si è subito attivato per far luce sulla situazione.
«Il fatto è grave e non facile da risolvere - ha spiegato -. In ogni caso, come amministrazione, ci siamo mossi appena ci hanno avvertito, abbiamo subito chiesto l’intervento delle guardie forestali di Bardi, che a loro volta ci hanno assicurato dei controlli lungo il tratto di Ceno coinvolto. Il nostro Comune cercherà di essere molto sensibile a queste problematiche. Personalmente tengo tanto alla Valceno e mi sono sempre impegnato per promuovere il territorio e far conoscere le nostre bellezze naturali, quindi non posso accettare che accadano certe cose. L’ipotesi è che alcune stalle abbiano portato delle cisterne e le abbiano riversate nel fiume. I responsabili di ciò non possono restare impuniti».
Ad avvertire il Comune del grave episodio è stato il consigliere dell’Ekoclub provinciale, Mauro Campana: «Domenica e lunedì mattina - ha raccontato- i pescatori hanno avvistato un abbondante quantitativo di liquame che scendeva a valle; ora non si vede più nulla, perché la piena causata dal forte temporale di domenica notte ha fatto sparire ogni traccia. È già successo anche due anni fa; non ne possiamo più. Siamo tutti molto arrabbiati: pescatori, cacciatori e ambientalisti. L’inquinamento del fiume è un atto terribile, si tratta di uno dei nostri più grandi patrimoni. E il liquame ha già creato molti danni: centinaia di pesci sono morti ed ora chi, nella Bassa, prenderà l’acqua dai pozzi, la troverà, seppur depurata, non pulita ed, a sua insaputa, inquinata. L’ambiente va salvaguardato».
«Ora - ha sostenuto Campana - speriamo che la Forestale faccia chiarezza sull’accaduto. Sappiamo che identificare gli autori del reato non è facile, e chiediamo dunque a tutte le persone di fare più attenzione, di notare, vigilare e poi segnalare eventuali azioni scorrette. Questa è l’unica cosa che possiamo fare per cogliere in flagrante questi delinquenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Roberto

    05 Settembre @ 18.23

    dovrebbero individuare lo scarico e far bere il liquame al colpevole

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

POLIZIA MUNICIPALE

Sequestrate 120 paia di scarpe e giubbotti contraffatti. Video: ecco come scoprire i falsi

Denunciati due senegalesi

1commento

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

TRAFFICO

Camion si ribalta in tangenziale a Milano, tondini sulla carreggiata: 5 feriti, traffico bloccato

SPORT

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

RUGBY

I giocatori delle Zebre allenano i piccoli giocatori Foto

SOCIETA'

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

FOTOGRAFIA

Figure contro, la fotografia della differenza: mostra allo Csac Foto

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia