13°

27°

san secondo

Taglio dei platani a San Secondo: scoppia il caso

Taglio dei platani a San Secondo: scoppia il caso

Viale alberato a San Secondo

Ricevi gratis le news
0

 

Paolo Panni 
Tiene banco, a San Secondo, la vicenda riguardante il previsto abbattimento di numerosi alberi (in gran parte platani), programmato dal Comune. Una decisione che gli stessi amministratori hanno definito «sofferta», ma inevitabile a causa delle patologie che minano queste piante, con inevitabili rischi per la sicurezza.
 C’è però chi è pronto a dare «battaglia». Il fronte del «no» va oltre i confini sansecondini ed ha fra i suoi «attori protagonisti» il comitato di Parma «Salviamo il paesaggio» (che aderisce all’omonimo Forum nazionale). Il portavoce Massimo Gibertoni, premettendo che il tema sicurezza resta una priorità e dando la massima disponibilità al dialogo col Comune, ha espresso «una fortissima preoccupazione in considerazione dell’importanza che questi alberi hanno nel contesto paesaggistico e storico locale. Evidente è anche il legame affettivo che hanno con la gente del paese; non c’è praticamente sansecondino che non sia cresciuto all’ombra di queste piante che rappresentano un grande patrimonio collettivo, e non una esclusiva proprietà del sindaco». 
Gibertoni ha quindi tenuto a ricordare che «si tratta di alberi vincolati e, in quanto tali, necessitano dei pareri degli enti preposti, a partire da quello della competente Soprintendenza. Ad oggi non ci risulta che tali pareri siano stati richiesti. In merito inoltre alle motivazioni che vengono addotte – ha aggiunto – va rimarcato che se esiste realmente un problema sicurezza, questo va stabilito pianta per pianta, valutando la reale situazione e producendo una perizia che deve essere redatta da tecnici preposti. Di recente abbiamo inoltre letto che il sindaco ha affermato che i platani in questione sarebbero affetti dal cancro colorato del platano. A riguardo – ha evidenziato Gibertoni – è importante ricordare al signor sindaco che, se confermata la presenza di questa malattia, è necessario mettere in pratica le stringenti normative previste dall’apposito decreto ministeriale emanato nel 2012. Invito il sindaco ad andarsi a leggere il testo e, in caso di reale infezione, procedere rispettando i dettami previsti dalla legge». Ma non è finita, perché Massimo Gibertoni ha anche invitato a produrre un «progetto esecutivo in sostituzione di quello attuale che è lacunoso e, a nostro avviso, anche ridicolo». 
Andrea Ferrari, dello stesso comitato «Salviamo il paesaggio»  ha quindi ricordato che «San Secondo ha recentemente aderito ai Comuni virtuosi. Ma questa azione a carico del patrimonio arboreo non ci sembra né lungimirante né men che meno virtuosa». Passando quindi alle proposte, gli esponenti del comitato ambientalista hanno invitato il sindaco a coinvolgere nella vicenda «i docenti, gli agronomi e gli studenti di quell’eccellenza locale rappresentata dall’istituto Galilei (studenti che, in una lettera, hanno già espresso la loro contrarietrà al taglio dei platani)», così come lo hanno invitato a far inserire questi alberi «fra i beni del paesaggio vincolati, fermo restando chiaramente la priorità della sicurezza» e, in attesa di ridiscutere la questione, assumendo pareri e perizie del caso, a sospendere il progetto. 
Nel frattempo hanno anche annunciato una prossima iniziativa pubblica al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulla vicenda. Sulla vicenda è intervenuta in questi giorni anche il consigliere regionale dei Verdi Gabriella Meo, che chiede di sospendere i previsti abbattimenti, a tutela del verde e del paesaggio ed ha scritto alla Soprintendenza per i Beni Architettonici  e per il Paesaggio di Parma e Piacenza e al Comando provinciale del Corpo forestale dello Stato chiedendo «se siano stati consultati e, in ogni caso, quale sia il loro parere in merito». 
Paolo Panni 

Tiene banco, a San Secondo, la vicenda riguardante il previsto abbattimento di numerosi alberi (in gran parte platani), programmato dal Comune. Una decisione che gli stessi amministratori hanno definito «sofferta», ma inevitabile a causa delle patologie che minano queste piante, con inevitabili rischi per la sicurezza. C’è però chi è pronto a dare «battaglia». Il fronte del «no» va oltre i confini sansecondini ed ha fra i suoi «attori protagonisti» il comitato di Parma «Salviamo il paesaggio» (che aderisce all’omonimo Forum nazionale). Il portavoce Massimo Gibertoni, premettendo che il tema sicurezza resta una priorità e dando la massima disponibilità al dialogo col Comune, ha espresso «una fortissima preoccupazione in considerazione dell’importanza che questi alberi hanno nel contesto paesaggistico e storico locale. Evidente è anche il legame affettivo che hanno con la gente del paese; non c’è praticamente sansecondino che non sia cresciuto all’ombra di queste piante che rappresentano un grande patrimonio collettivo, e non una esclusiva proprietà del sindaco». Gibertoni ha quindi tenuto a ricordare che «si tratta di alberi vincolati e, in quanto tali, necessitano dei pareri degli enti preposti, a partire da quello della competente Soprintendenza. Ad oggi non ci risulta che tali pareri siano stati richiesti. In merito inoltre alle motivazioni che vengono addotte – ha aggiunto – va rimarcato che se esiste realmente un problema sicurezza, questo va stabilito pianta per pianta, valutando la reale situazione e producendo una perizia che deve essere redatta da tecnici preposti. Di recente abbiamo inoltre letto che il sindaco ha affermato che i platani in questione sarebbero affetti dal cancro colorato del platano. A riguardo – ha evidenziato Gibertoni – è importante ricordare al signor sindaco che, se confermata la presenza di questa malattia, è necessario mettere in pratica le stringenti normative previste dall’apposito decreto ministeriale emanato nel 2012. Invito il sindaco ad andarsi a leggere il testo e, in caso di reale infezione, procedere rispettando i dettami previsti dalla legge». Ma non è finita, perché Massimo Gibertoni ha anche invitato a produrre un «progetto esecutivo in sostituzione di quello attuale che è lacunoso e, a nostro avviso, anche ridicolo». Andrea Ferrari, dello stesso comitato «Salviamo il paesaggio»  ha quindi ricordato che «San Secondo ha recentemente aderito ai Comuni virtuosi. Ma questa azione a carico del patrimonio arboreo non ci sembra né lungimirante né men che meno virtuosa». Passando quindi alle proposte, gli esponenti del comitato ambientalista hanno invitato il sindaco a coinvolgere nella vicenda «i docenti, gli agronomi e gli studenti di quell’eccellenza locale rappresentata dall’istituto Galilei (studenti che, in una lettera, hanno già espresso la loro contrarietrà al taglio dei platani)», così come lo hanno invitato a far inserire questi alberi «fra i beni del paesaggio vincolati, fermo restando chiaramente la priorità della sicurezza» e, in attesa di ridiscutere la questione, assumendo pareri e perizie del caso, a sospendere il progetto. Nel frattempo hanno anche annunciato una prossima iniziativa pubblica al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulla vicenda. Sulla vicenda è intervenuta in questi giorni anche il consigliere regionale dei Verdi Gabriella Meo, che chiede di sospendere i previsti abbattimenti, a tutela del verde e del paesaggio ed ha scritto alla Soprintendenza per i Beni Architettonici  e per il Paesaggio di Parma e Piacenza e al Comando provinciale del Corpo forestale dello Stato chiedendo «se siano stati consultati e, in ogni caso, quale sia il loro parere in merito». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

fotogallery

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

8commenti

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

correggio

Morì dopo l'arresto in caserma: fu colpito in una rissa per strada Video

Varese

L'omicidio di Lidia Macchi: ergastolo per Stefano Binda

SPORT

inchiesta

Calcioscommesse: in 31 a giudizio a Bologna. Ci sono anche Signori, Doni e Mauri

rugby

Bellini, alle Zebre annata da incorniciare Video

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone