-4°

12°

la gita della settimana

Primavera nella riserva di caccia dei Gonzaga

Marmirolo. Storia e natura a Bosco Fontana
Ricevi gratis le news
0

Una domenica di primavera, in campagna. Nell'area naturale protetta di più di 230 ettari, meglio conosciuta come Bosco Fontana, nel comune di Marmirolo, a pochi chilometri da Mantova. Per chi arriva dalla città dei Gonzaga, troverà un segnale turistico che indica questa riserva, di grande interesse storico e naturalistico. Un polmone verde che, nei secoli, è diventato la meta per chi ama la vita all'aria aperta. Un vero e proprio «santuario», in mezzo alla pianura padana, a pochi chilometri dal traffico caotico di Mantova. Quando varchi il cancello, ti sembra di entrare in un altro mondo. Addirittura, in un'altra epoca. Come, in un «viaggio indietro nel tempo», quando Bosco Fontana era la riserva di caccia della famiglia dei Gonzaga, signori di Mantova

I primi cenni storici che citano Bosco Fontana risalgono al Trecento. Tra il XII e il XIII secolo i Gonzaga, futuri signori di Mantova, diventano proprietari di una vasta tenuta tra il Mincio, Goito e Marmirolo, che all'epoca era ricoperta da una fitta foresta e ricca di selvaggina: decidono di trasformarla in una grande riserva di caccia. Quasi al centro del bosco si trova una palazzina seicentesca, dalle sembianze di un castello, opera di Giuseppe Dattaro, fatta costruire da Vincenzo I Gonzaga, duca di Mantova, che la utilizzò come «casa di caccia». A Bosco Fontana si tenevano battute di caccia e feste per le teste coronate d'Europa e personaggi illustri: vi avrebbero partecipato anche l'imperatore Carlo V, i delegati dell'imperatore giapponese e l'imperatrice Margherita d'Austria. Pare, addirittura, che il «capanno di caccia», come lo chiamavano i Gonzaga, venga citato persino da Torquato Tasso nella «Gerusalemme liberata». Va ricordato, infine, che la palazzina seicentesca dal 1921 è stata dichiarata monumento nazionale.
DA FORESTA A RISERVA
Ai Gonzaga si deve l'iniziativa primaria di quei vincoli protezionistici che hanno portato fino ai giorni nostri, attraverso mille vicissitudini accadute nei secoli, questo intatto angolo naturale della pianura. Bosco Fontana, va puntualizzato, è composto da una mescolanza di latifoglie che, nella notte dei tempi, hanno sempre occupato queste zone. E' stato sempre sfruttato per la produzione di legname ma la presenza di querco-carpineti è ancora massiccia. Accanto alle piante di alto fusto, nel parco il visitatore può trovare alcune radure aperte e ricche di fiori. Un discorso a parte va fatto per la fauna: questo polmone verde, nel cuore della pianura padana, è uno degli ultimi rifugi per numerose specie animali. Dagli studi, effettuati da esperti, è emerso che ci sono più di cento specie di uccelli, tra cui il nibbio bruno - un rapace che predilige la vicinanza dei corsi d'acqua, dove cattura i pesci di cui si nutre -, il picchio rosso maggiore e il torcicollo. Senza dimenticare ventiquattro mammiferi, nove rettili, otto anfibi e ben oltre duemila specie di invertebrati. A Bosco Fontana si continua a lavorare per riequilibrare l’habitat, nell’ambito del progetto europeo «Life Natura», per ripristinare le condizioni ideali perché uccelli, insetti e piccoli mammiferi ritrovino un ambiente protetto per riprodursi, eliminando la presenza di alberi esotici estranee al bosco di pianura o sradicandoli, per ridar vita al ciclo di vita agli alberi.
PERDERSI TRA I SENTIERI
Chi arriva a Bosco Fontana, soprattutto nella bella stagione, in primavera o in estate, senza però dimenticare il fascino dell'inverno o i colori caldi dell'autunno, potrà quindi perdersi nei sentieri che si inoltrano tra il fitto della vegetazione: una rete di piccoli passaggi che, inevitabilmente, convergono verso il centro, a quel «capanno di caccia» dei Gonzaga, che rappresenta il fiore all'occhio di questa riserva naturale.
Info utili La riserva naturale è divisa nettamente in due parti, una parte riserva integrale chiusa al pubblico e una parte visitabile. Orari: fino al 31 ottobre, dalle 9 alle 19.

MANGIARE&BERE

TRATTORIA TIPICA CON PIATTI TRADIZIONALI
Locale carino e accogliente, il menu offre piatti molto tradizionali con tantissima carne e una buona carta dei vini. C'è la possibilità di mangiare anche la pizza.
TRATTORIA CON PIZZA DAL MORO
Via Bacchelli, 26 - Marengo
tel. 0376.466213

IN TAVOLA PIATTI SEMPLICI E DI QUALITA'
Agriturismo in stile rustico-moderno, con un tocco d'arte. E' adatto per famiglie con bambini. Proposte culinarie con prodotti semplici e di buona qualità. Personale giovane e cordiale.
AGRITURISMO CORTE BARCO
Strada Mantova, 21 - Marmirolo
Tel. 339.2226468

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Alseno: festa al Colle San Giuseppe. Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Alseno: festa al Colle San Giuseppe Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Aeroporto di Parma: infrastruttura decisiva per il territorio

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

1commento

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

FATTO DEL GIORNO

La "partita della vergogna", Brambilla: "Abbiamo un attaccamento esagerato per i figli: gli siamo troppo addosso"

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

TEP

Dal fine settimana 9 nuovi bus sulle strade di Parma. Novità sul fronte filobus

3commenti

IL CASO

Pur di mettere nei guai l'amante della moglie, si autodenuncia e viene condannato

Ricerca

Imballaggi a base di cristalli e oli: il progetto anti-sprechi dell'Università di Parma

incendio

Fienile con 800 balloni divorato dalle fiamme a Medesano: dopo oltre 20 ore, l'intervento continua Video

CULTURA

Parma ha ricordato Arturo Toscanini a 62 anni dalla morte Foto

FIDENZA

Tagliano le etichette per rubare i vestiti: 4 ragazzi nei guai

Gazzareporter

"Pioggia in arrivo?"

nas

Un lavoratore in nero: multato un bar, sequestrati 11 chili di alimentari  Foto

carabinieri

Mezzi da lavoro spariti a Parma e Collecchio: ritrovati in zona Ceno Foto

elementari

La consigliera del ministro: «La scuola di Noceto un modello per tutta Italia»

LA SCELTA

Sarà il parmigiano Danilo Coppe a demolire il ponte Morandi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

INCIDENTE

Scontro fra un autobus e due camion: feriti 14 studenti a Modena

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross