14°

la gita

Bagnone, terra di confine contesa dai poteri

Bagnone Terra di confine  contesa dai poteri
Ricevi gratis le news
0

Coloro che, nella bella stagione, amano andare nei borghi antichi, ad una manciata di chilometri da Pontremoli possono fare il «pieno» recandosi nella Valle del Bagnone. Lungo uno dei suggestivi tracciati della Via Francigena, in Alta Lunigiana, «arrampicato» su uno sperone roccioso immerso in un bosco di pini e querce si trova il centro principale che dà il nome alla valle, Bagnone appunto, borgo fortificato del cui castello oggi non resta che la torre cilindrica ben riconoscibile già a grande distanza.

TERRA DI CONFINE

Quella di Bagnone è una tipica storia lunigianese, di una terra di confine segnata dal potere dei Malaspina e contesa dai poteri di Milano, Parma, Firenze e Genova. Una storia di passaggi di proprietà che, in realtà, altro non hanno fatto che rafforzare l’identità unica del territorio, nel tempo sotto il dominio di diversi signori, ma allo stesso tempo fieramente unica e indipendente. Per secoli sotto il ferreo dominio dei Malaspina, i bagnonesi tentarono più volte di sottrarsi al marchesato e rientrare nella sfera della Signoria fiorentina (poi, Granducato) che ne acquisì il controllo alla fine del '400. In seguito alle Campagne d’Italia del 1796, Bagnone venne annesso alla Repubblica Ligure e poi al Dipartimento degli Appennini, per passare in seguito al Ducato di Parma. Fu l’Unità d’Italia a sancirne l’appartenenza alla provincia di Massa Carrara.

BORGO SUGGESTIVO

Arrivando al presente, è la posizione stessa del paese e la sua conformazione a renderlo uno dei borghi più suggestivi della Lunigiana: le case con portici, la torre e ciò che resta del castello, la chiesa di San Nicolò, la pieve dei santi Ippolito e Cassiano. Tutto contribuisce a creare un quadro prospettico unico, fatto di storia, ma anche di natura. Questa è una terra di eccellenze storiche e architettoniche, oltre che eno-gastronomiche. L’entrata al paese è caratterizzata da una porta che immette nella piazza del Teatro Quartieri (dove è possibile parcheggiare). La strada costeggia l’intero borgo, impreziosito da case con facciate in pietra e il borgo porticato del XV secolo. Le stradine medievali del centro sono caratterizzate da bei palazzi con portali in arenaria che si affacciano sulla strada che porta al ponte sull’omonimo torrente, da dove si gode di uno spettacolare panorama del castello che sovrasta il borgo e dei suggestivi giochi d’acqua creati dallo stesso torrente. Ancora oggi questo ponte delimita il paese insieme alla Porta della Dogana a sud e alla Porta della Gora a nord-ovest. Una passeggiata tra le vie del borgo non può che offrire spunti panoramici, storici, ambientali e culturali ricchi d’interesse.

Sulla sommità spicca ciò che resta del castello malaspiniano, costruito attorno al 1350, all’epoca in cui Bagnone, dopo il frazionamento dell’antico predio marchionale dei Malaspina di Filattiera, divenne feudo autonomo. Radicali modifiche furono apportate dopo il 1450 dalla famiglia Noceti che lo trasformarono in una residenza gentilizia.

ANTICA PARROCCHIALE

Oggi con «Castello» si intende l’intera borgata sviluppatasi attorno all’edificio marchionale e all’antica chiesa parrocchiale di San Nicolò. Non si conosce con esattezza la data di costruzione del sacro edificio ma certamente esisteva a metà del XV secolo. Antichissima è la pieve dei santi Ippolito e Cassiano che, insieme a tutto il paese, è collocata nell’area della Via Francigena che conduce verso il Passo di San Nicolao di Tea e verso Lucca. Alla pieve di Bagnone si riferisce probabilmente un diploma di Ottone II del 981 che cita un «Mercatuni in plebe Sancti Cassiani», individuando qui un luogo di scambio commerciale, difeso dal castello che fu dei domini di Bagnone, dei Malaspina, dei Noceti e infine di Firenze, nel XV secolo, La pieve era parte di un sistema che per Offiano, Codiponte e Bagnone, conduceva all’incontro dei due percorsi della Via Francigena a Filattiera.

La torre cilindrica è, oggi, la sola struttura superstite del trecentesco castello dei marchesi Malaspina, oggi del tutto scomparso e inglobato nella villa cinquecentesca dei conti Ruschi-Noceti subentrati ai Malaspina nel governo del territorio.

La dimora, ampiamente trasformata da interventi ottocenteschi, è stata arricchita nei primi anni del Novecento da un imponente porticato. Privata, non è visitabile. E’ visitabile anche il Museo Archivio della Memoria (tel. 0187.427834 - 0187.1953195 - 0585.240063), uno spazio virtuale per la valorizzazione dell’identità del territorio, che parla con un linguaggio multimediale, ma anche con documenti di vita e passioni del mondo contadino, di donne e uomini migranti e del cambiamento della società, con una attenzione particolare alla differenza di genere e al ruolo delle donne. Il museo si trova nel palazzo della cultura e rappresenta il punto di partenza ed uno dei nodi essenziali di un complesso progetto per la creazione di un parco naturale esteso sul territorio nella Valle del Bagnone.

Tra i luoghi di interesse artistico di Bagnone non possono, poi, non essere citati la chiesa di San Rocco, quella di Santa Maria e la piazza, oltre al ponte vecchio. Quest’ultimo, medioevale, collegava il castello al borgo murato tramite la porta detta di Santa Caterina, che scavalca con un’unica arcata il torrente Bagnone, incuneato tra speroni di roccia e sbocca sulla piazzetta dove già nel XII secolo si svolgeva l’antico mercato, attivo in tale sito fino al XIV secolo.

NELLE FRAZIONI

Spostandoci nelle frazioni, ecco il bellissimo borgo di Castiglione del Terziere con il castello, Treschietto e Iera con gli antichi ruderi malaspiniani, luoghi di oscure leggende; Corlaga e Corvarola con i loro palazzi marchionali; la natura di Mochignano, Gabbiana e Pastino.

Mangiare & Bere

TORTA D'ERBI, ZUPPE E MAIALETTO

Nel centro del paese si possono gustare torta d’erbi, torta ricotta e spinaci, testaroli, zuppe, lasagne, filetto di angus, maialetto, salsicce e formaggi.

RISTORANTE «I FONDI»
Via della Repubblica, 26 - Bagnone
Tel. 0187.429086

CUCINA TRADIZIONALE DELLA LUNIGIANA

In un palazzo borghese, che fu dei Cortesini di Bagnone, una cucina tradizionale con specialità lunigianesi come cinghiale, polenta, funghi, focaccine, ma anche sapori di mare e tartufo della Lunigiana.

RISTORANTE LOCANDA «LA LINA»

Piazza Marconi, 1 - Bagnone
Tel. 0187.429069

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

moda

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

Intervista a Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio

INTERVISTA

Twelve Conversations, a Traversetolo la "prima": ne parlano Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio Ascolta

Panettoni creativi: premiato Claudio Gatti di Tabiano

gusto

Panettoni creativi: premiato Claudio Gatti di Tabiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Hostaria del maiale»: La tradizione famigliare della Bassa

CHICHIBIO

«Hostaria del maiale»: la tradizione familiare della Bassa

1commento

Lealtrenotizie

Rapina in banca in via Emilia Est: minacciano l'impiegato con un cutter e svuotano la cassa

via Emilia Est

Rapina in banca: minacciano l'impiegata con un cutter e scappano con poche centinaia di euro

1commento

MISTERO

Esce dal lavoro e scompare a Reggiolo. Unico indizio: è passato da Traversetolo

Davide Ploia, 48 anni, vive nel Mantovano ed è scomparso da giovedì. Del caso si è occupato "Chi l'ha visto?"

PARMA

Migliora la qualità dell'aria, niente più stop per i diesel Euro4

Stop alle misure di emergenza da domani (martedì 11 dicembre)

anteprima gazzetta

Esclusiva - Boccia: "La Manovra non funziona, Tav necessaria"

CONSIGLIO

Reddito solidarietà comunale: assistite 89 famiglie. Piazzale Bertozzi: 12 multe al bar in due anni

Il gruppo Pd passa a 4 consiglieri. Caterina Bonetti entra al posto di Scarpa

SCUOLE

Marcia della pace a Parma: gli studenti sfilano in centro Foto

Celebrata la "Giornata mondiale d'azione per i diritti umani"

ILLUMINAZIONE

Luci a led, fioccano le lamentele

8commenti

PARMA

Tentato furto a Malandriano: il mastino mette in fuga tre ladri

Ecco la segnalazione di un lettore

TORRILE

L'omicidio di Filomena Cataldi: per lo psichiatra, Fang è incapace di intendere e volere Video

I dettagli nel video del 12TgParma

economia

Progetto Ycom: nuove frontiere per il welfare in azienda

Siglato un accordo con Medicalbox

FORNOVO

Oggi l'addio a Sara, volontaria per missione: aveva 47 anni

Tragedia di Ancona

«Così controlliamo le discoteche di Parma»

PARMENSE

Incidente a Montechiarugolo: un ferito, si cerca un'auto che si sarebbe allontanata

Parma

Ponte di Colorno, la Provincia vince un nuovo ricorso: "In settimana il contratto"

AGGRESSIONE

Giovanni, il fisarmonicista di strada, preso a pugni sotto casa

5commenti

Noceto

Visoni «liberati». «Non cercate di catturarli, non sono gattini»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Necessario un giro di vite verso i ciclisti indisciplinati

di Domenico Cacopardo

4commenti

ITALIA/MONDO

NELLA NOTTE

Incendio a Reggio: 2 morti, 38 intossicati. Migliorano due bimbe e altre 7 persone

scuola

Il ministro ai prof: "Meno compiti per le vacanze"

2commenti

SPORT

Football americano

Leggendaria giocata dei Dolphins a 7" dalla fine per la vittoria contro i Patriots Video

FIORENTINA

Due medici indagati per la morte di Davide Astori

SOCIETA'

PARMA

Quando i reggiani "rubarono" il pigiama di Guareschi... Dietro le quinte del Mondo Piccolo Video

roma

Ubriaco scende con l'auto la scalinata di Trinità dei Monti: denunciato

MOTORI

SUV

Renault Kadjar: restyling dopo tre anni

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco