12°

23°

viaggi

Belgrado, i tanti volti di una nazione sospesa

Belgrado, i tanti volti di una nazione sospesa
Ricevi gratis le news
0

Nella enorme piazza dove si guardano a distanza il palazzo del Parlamento, la sede municipale e la presidenza della Repubblica campeggia un lunghissimo striscione contro la Nato, contro i Clinton, contro la politica europea ed americana nel Kosovo. Poco distante, però, un'enorme insegna pubblicitaria loda le bellezze turistiche dell'Europa, in particolare della «solare Italia». E' la fotografia di una Serbia incerta fra cadere ancora fra le braccia del nazionalismo o spingersi verso Occidente. Un dualismo fortissimo che riassume magistralmente Belgrado.
Una città bella, viva, in grado di fare tranquillamente concorrenza per architettura e cultura alle altre grandi capitali del nostro continente. Popolata da oltre un milione di persone, tantissimi i giovani, la «città bianca» (anticamente le sue case erano tutte di questo colore) è il cuore di uno stato che sogna sempre una grande Jugoslavia (non importa come) ma che comincia a capire come i confini non servano più a nulla. Lo ha compreso il vincitore delle ultime elezioni, Aleksandar Vučić, che ha scelto come premier una donna europeista, dichiaratamente omosessuale e di madre croata. Quasi una bestemmia per la Belgrado ferita dalle bombe degli anni Novanta ma la Serbia, oltre alle aziende europee già arrivate in massa per la manodopera a buon mercato, ha bisogno ora dell'invasione «pacifica» dei turisti.
Se partite oggi per Belgrado arriverete infatti in una capitale dove non si vive la ressa delle comitive straniere. Nei musei più importanti si rischia di sentir parlare solo serbo o russo con qualche, sporadica, incursione di francese, inglese o, anche qui!, cinese. Per non parlare dell'italiano, rarissimo, quasi sempre in bocca solo a uomini d'affari nonostante i belgradesi amino alla follia l'Italia. Dall'abbigliamento alla nostra cucina sino ai ricercatissimi sigari toscani.
Belgrado, orgogliosamente serba, assomiglia un po' alle capitali asburgiche ma fa l'occhiolino al vicino, odiatissimo, Oriente. Un mix affascinante che si può ammirare nei suoi palazzi, nei suoi parchi, nelle sue strade. Come nel maestoso tempio ortodosso di San Sava, così simile a Santa Sofia di Istanbul (minareti, ovviamente, esclusi) ma cantiere aperto, e infinito, come la Sagrada Familia di Barcellona. La contaminazione è fortissima anche nel centro, le frequentatissime Knez Mihailova e Trg Republike, dove negozi con prodotti internazionali si affiancano a botteghe dell'artigianato locale all'ombra del teatro lirico (cartellone sterminato di opere italiane) e dell'hotel più «in» che non poteva altro chiamarsi che «Mosca».
Da non perdere anche lo splendido parco della Fortezza di Belgrado, al fianco del centro storico: enorme spazio verde che ospita ogni sera spettacoli musicali all'aperto (rigorosamente gratis), un museo della guerra e delle armi (l'industria bellica qui è traino dell'economia), aiuole e prati curatissimi ma, purtroppo, anche un zoo da far impallidire gli animalisti.
Anche qui poi c'è la movida, un'intensissima vita notturna. L'aperitivo o il bicchiere della staffa a notte inoltrata si devono assolutamente bere nei vecchi docks di Betona Hala lungo il fiume Sava, con uno sterminato numero di locali; la cena invece sempre e solo lungo la Skadarska Ulica, fra orchestre, fiori e grappa rakjia.
Per il giorno di rigore la visita al mausoleo di Tito, al museo della Serbia o a quello della Jugoslavia. Di rito una passeggiata nelle strade del quartiere di Skadarljia, una volta abitato prevalentemente da zingari, con orchestrine rom, artisti di strada, bancarelle con abbigliamento vintage e modernariato e qualche scatto fotografico, vietati ma tollerati dalla polizia, agli edifici ancora sventrati dalle bombe Nato, come il ministero della Difesa o il palazzo della radiotelevisione serba dove persero la vita il 23 aprile del 1999 16 giornalisti (non evacuati nonostante l'annunciato raid americano). Poco più che un breve tour in auto o in autobus va invece riservato alla Nuova Belgrado, oltre la confluenza fra Sava e Danubio, corredata di edifici pubblici e privati in puro stile sovietico oltre al solito, sterminato, centro commerciale.
Ultimo, ma non ultimo se siete appassionati di calcio, la visita agli stadi del Partizan e della Stella Rossa, praticamente l'uno vicino all'altro. Qui si respira come non mai la contraddizione della Belgrado nazionalista ed europeista.
Fra i murales delle rispettive tifoserie campeggia infatti un gigantesco «tourists go home» ed il volto di qualche passante fa da corredo alla minaccia; dentro al negozio degli ultras invece solo sorrisi e strette di mano per gli «amici italiani». Chi fra le due fazioni prevarrà?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba - Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba Ecco chi c'era: foto

fedez

social

Ironia sul figlio, Fedez attacca Striscia poi fa autocritica Video

1commento

Vigili del fuoco australiani, un altro anno sexy. Per beneficenza Foto

calendario

Vigili del fuoco australiani, un altro anno sexy. Per beneficenza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Guardia di Finanza

Guardia di Finanza: foto d'archivio

PARMA

Centro commerciale di Baganzola: cantiere sotto sequestro, tre avvisi di garanzia in Comune

La Procura indaga per abuso d'ufficio

parma urban district

Alinovi: "Ho ricevuto l'avviso di garanzia. Ma ho sempre agito con responsabilità"

PARMA

Tentato furto nella notte: la banda aggredisce i vigilanti con l'estintore, sparati alcuni colpi Video

Assaltato un magazzino di pellami in via Manara (zona via La Spezia)

Appennino

Scoppia la guerra delle castagne

5commenti

Tribunale

La commessa della gioielleria: «Ho reagito così perché non sopporto le ingiustizie»

3commenti

12 TG PARMA

Aggredisce medici e poliziotti al pronto soccorso: 30enne arrestata Video

VIA VENEZIA

Rubano la cassa in un centro di abbronzatura: arrestata una ragazza, il complice fugge

Berceto

Spuntano ancora rifiuti nascosti nel terreno lungo il Baganza Video

Inchiesta

Conquibus, il gip stoppa la Csc della Gagliardini

PARMA

Sviluppo dell'aeroporto Verdi: presentata al ministero la Valutazione di impatto ambientale

Sissa Trecasali

Addio a Marco Marchesi, fu un bravissimo portiere

SAN POLO D'ENZA

Propone sesso a un passante ma è una scusa per rubare il Rolex: denunciata 25enne

I carabinieri sono risaliti a una 25enne rumena senza fissa dimora

PATTINAGGIO

Greta Maestri, da Sissa ai podi europei

FINANZIAMENTO

Manutenzione dei fiumi nel bacino del Po: oltre 2,5 milioni in più per l'Emilia-Romagna Tutti gli interventi

Il ministero dell'Ambiente ha deciso un finanziamento (finora inatteso) di 10 milioni per il Bacino del Po

GAZZAREPORTER

Disagi per un tamponamento in tangenziale

Trasporti

Accordo Parma-Genova: allo studio un pullman diretto fra Bedonia e Chiavari

Intesa fra Tep e Atp Esercizio

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lo show in tv di Di Maio fa traballare il governo

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Nubifragio nel Catanese: auto travolte dall'acqua, case allagate

TORINO

Inchiesta Fonsai: arrestata Giulia Ligresti

SPORT

SPORT

Mondiali di pallavolo femminile: Italia in finale con la Serbia Foto

CALCIO

Verso Parma-Lazio: Gervinho sempre in dubbio Video

SOCIETA'

sanità/Regione

Venturi "punito" dall'Ordine? AcEMC: "Sorpresi, sconcertati e preoccupati"

Ironia

Pescatore a caccia di pesci nella Parma ("Nel fango?")

MOTORI

MOTO

Prova Harley-Davidson Sport Glide

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery