-0°

viaggi

Salisburghese neve e bellezza

Tra le vette e le acque dello Zeller See un itinerarioper chi ama lo sci e per chi cerca natura e tradizioni

Salisburghese neve e bellezza
Ricevi gratis le news
0

Quest’anno la neve è caduta abbondante e in anticipo e già nel corso dell’ultima settimana di novembre le
vette e le vallate a sud di Salisburgo erano completamente imbiancate. Il manto candido e scintillante, che nelle giornate di sole pareva cosparso di polvere di diamanti tanto era brillante, dona un indubbio fascino natalizio al paesaggio, trasformando in realtà la cartolina immaginaria che ognuno ha in mente quando pensa agli scenari alpini durante la stagione invernale. Il salisburghese è una regione estesa e nelle numerose valli impreziosite dalle tipiche case tirolesi, si nascondono mete dall’indiscutibile impatto scenografico, come l’incantevole Zell am See, un paese di circa 10mila abitanti adagiato sulla sponda occidentale del lago e circondato da imponenti montagne, come il Kitzsteinhorn (3.203 metri), lo Schmittenhöhe (2.000) ed il Maiskogel (1.730), capaci di offrire piste ampie, regolari come tappeti e ottimamente servite da rapidi e moderni impianti di risalita.

LE ALPI E IL PARADISO DEL CORANO
Lo scenario rilassante in cui sono incastonati i suoi palazzi, le sue case dai muri candidi e dalle balconate in legno, fa di Zell am See (e del paese confinante di Kaprun) una meta molto frequentata anche nel periodo estivo, oltre ad essere particolarmente apprezzata dai turisti dei Paesi islamici, in quanto la presenza del lago, dei boschi rigogliosi attorno allo specchio d’acqua e delle vette perennemente innevate che si ammirano dalla riva ricorderebbero il paradiso così come viene descritto nel Corano. Passando dai rimandi al sacro ai divertimenti molto più mondani, chi volesse coniugare l’atmosfera rilassante del lago con l’adrenalina del tavolo da gioco non dovrà fare altro che varcare la soglia del casinò, affacciato sulle acque cristalline dello Zeller see. Ma più che per giocare alla roulette, Zell am See e Kaprun meritano di essere visitati per il loro comprensorio sciistico solitamente in funzione fino alle vacanze di Pasqua, che si snoda per 138 chilometri di discese servite da 14 cabinovie, 16 seggiovie e 19 skilift, a cui aggiungere altri 205 chilometri dedicati allo sci di fondo. Modernissimi ed efficienti self service costruiti a pochi passi dalle piste permettono agli sportivi di rilassarsi in pausa pranzo, per gustare le prelibatezze della regione, come la zuppa con le tagliatelle di frittata, i Kaspressknödel, i wurstel avvolti nella pancetta e ripieni al formaggio, l’onnipresente Wiener Schnitzel accompagnata da un’abbondantissima razione di patatine fritte, il classico strudel di mele, la sua variante più cremosa con il ripieno di ricotta oppure il sontuoso Kaiserschmarrn, spolverato con lo zucchero a velo e accompagnato da una soffice purea di frutta.
A tal proposito, va segnalato l’indirizzo del Gipfel Restaurant, costruito su una parete del Kitzsteinhorn a 3.029 metri e in grado di sfamare gli sciatori più esigenti. Il ristorante è incastonato in un edificio che ospita anche il Cinema 3000, una piccola sala cinematografica in cui vengono proiettate viste mozzafiato del paesaggio alpino. Chi volesse invece passare dalla finzione alla realtà, potrà farsi una passeggiata lungo la galleria didattica scavata per 363 metri nella roccia ed affacciarsi sulla strabiliante terrazza panoramica Top of Salzburg, che nelle giornate di sole offre una vista ineguagliabile sulle montagne circostanti. Passando in rassegna una montagna vicina, sulla vetta dello Schmittenhöhe resiste ancora la piccola cappella in legno costruita fra il 1904 ed il 1905 in memoria dell’imperatrice Sissi, in quanto la sovrana avrebbe apprezzato visitare questa vetta durante la bella stagione. Da segnalare che anche in cima a
questo paradiso per gli sciatori,
c’è un ristorante self service che serve succulenti piatti della tradizione austriaca. Questa attenzione verso il cibo non deve stupire, in quanto nell’intero territorio salisburghese esistono otto vie culinarie e oltre 200 indirizzi gastronomici. Le diverse vie del gusto esistenti offrono proposte per tutti i gusti dato che si rivolgono ai palati raffinati, agli amanti della carne, ai bevitori di birra e grappa, agli amanti del pesce, ai golosi di dolci, ai patiti dei formaggi, agli innamorati dei rifugi e agli amanti delle erbe. Durante il soggiorno, vale la pena fare una deviazione fino alla casa pittoresca di Fritz Sendlhofer, riconoscibile dalla sua barba bianca impeccabile, e gustare il suo speck affumicato, la sua birra artigianale o un piatto dei suoi sostanziosi Kasnocken.

SLITTE E CAVALLI LUNGO LA VALLE
Ad una ventina di minuti in auto da Zell am See si entra nella valle più intima di Grossarl, che si incunea fino ai piedi del Parco nazionale degli Alti Tauri, un parco istituito per tutelare più di 260 vette oltre i tremila metri, 340 ghiacciai e numerose cascate. Proseguendo lungo la strada che attraversa il paese grazioso di Grossarl (3.700 abitanti), si arriva al piccolo villaggio di Hüttschlag (920 abitanti), da dove partono rilassanti e romantiche gite sulla neve con slitte trainate da coppie di cavalli norici, una razza di cavalli impiegata in passato per aiutare gli abitanti di queste vallate a svolgere i lavori più gravosi nei boschi. Chi desidera maggiore azione potrà fissare gli sci agli scarponi e sbizzarrirsi lungo gli 80 chilometri di discese e i 30 chilometri di piste per lo sci di fondo che rendono anche la valle di Grossarl un’ottima meta per gli amanti degli sport invernali. Chi avesse invece voglia di camminare, oppure di sfidare la propria resistenza indossando un paio di ciaspole, potrà cimentarsi nella camminata lungo il sentiero che si inerpica fino alla confortevole malga Loosbühelalm. Una volta arrivati a destinazione, va provata la zuppa di gulasch per riscaldarsi e un bel piatto di Kaiserschmarrn per addolcirsi il palato, prima di ridiscendere a valle, a tutta velocità, grazie ad uno slittino messo a disposizione dagli stessi proprietari della malga. Un ultimo consiglio su come muoversi nella zona di Zell am See e nella valle di Grossarl: il modo migliore per raggiungere queste località resta l’automobile, dato che il treno notturno NightJet che parte la sera dalla stazione di Milano centrale arriva a destinazione dopo circa nove ore nella stazione austriaca di Schwarzach, mentre al ritorno il viaggio dura un’ora in più, con partenza alle 22:54 e rientro a Milano verso le 9.

IL BENESSERE TRA SPA E PISCINE
Quando si tratta di coccolare il visitatore, gli austriaci ci sanno fare. E lo dimostrano con centri benessere come la Tauern Spa di Zell am see-Kaprun, che si estende su una superficie di 20 mila metri quadrati ed è in grado di offrire 11 piscine, fra cui quella panoramica e riscaldata sul tetto della spa, 10 saune e bagni turchi oltre alla possibilità di sottoporsi ad un massaggio rigenerante o ad altri trattamenti nell’area wellness. Grazie a due grosse piscine riscaldate, al Tauern Spa è possibile fare il bagno all’esterno anche in inverno e ammirare, attraverso il vapore che sale dall’acqua, il paesaggio innevato.

TRADIZIONI I DIAVOLI CELTICI
Hanno volti malvagi, resi ancora più spaventosi da corna enormi, e il corpo ricoperto di pelliccia a cui sono attaccati dei campanacci frastornanti. Questi esseri diabolici sono i krampus, maschere tradizionali in uso in buona parte dell’arco alpino di lingua germanica, che affondano le loro origini in tempi antichissimi. Qualcuno dice che siano personaggi della mitologia celtica. Ad Hüttschlag c’è il laboratorio di un artigiano che scolpisce queste maschere di legno. Per visitarlo bisogna raggiungere il ristorante Gasthof Talwirt.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rock senza tempo: 60 anni dopo Buddy Holly torna nella Top 10 in Inghilterra

musica

Rock senza tempo: 60 anni dopo Buddy Holly torna nella Top 10 in Inghilterra

Miss Reginetta d'Italia

Foto da Facebook

fidenza

Miss Reginetta d'Italia: casting domenica con Passion model

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

musica

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

WORLD CAT

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

Lealtrenotizie

Pizzarotti accusa la Lega: "Vuole tenere a Roma Imu e Tasi dei Comuni"

politica

Pizzarotti: "La Lega blocca i soldi dei Comuni". La cavandoli: "Bugiardo. Ha le tasse al massimo"

SQUADRA MOBILE

"Tira fuori la droga": tre dominicani rapiscono un uomo e lo torturano a Vicofertile Video

Emergono nuovi particolari sui tre arrestati. Violenze inaudite su un connazionale per questioni legate allo spaccio

LA SFIDA

Il miglior anolino 2018 è di "Greci". Guarda il podio e la classifica

Soragna

Installata e subito rimossa la pista di pattinaggio

Zona Montebello

Bollette non pagate, palazzo al freddo

1commento

Curiosità

Pausa caffè a Parma per Valentino Rossi e la fidanzata Francesca Sofia Novello

RUGBY

Zebre, ecco il calendario contro l'omofobia

Strasburgo

Il salsese Marco Ricorda racconta il dramma nell'Europarlamento

AUTOSTRADA

Possibile nevischio tra Fiorenzuola e Reggio in A1 e nel tratto Berceto-Pontremoli in A15

SOLIGNANO

Addio al ristoratore Giovanni Pettenati

12Tg Parma

Santa Lucia ha portato i suoi doni all'Ospedale dei Bambini Video - Gallery

FORNOVO

Galleria di Citerna: senso unico alternato anche nel fine settimana

La Provincia ha reso noto che è impossibile aprire al traffico nei due sensi, a causa dei lavori in corso

Intervista a Munari

«Sono pronto. Vorrei ancora giocare in A»

1commento

Calcio

Fidenza, tre squadre sono molte. Troppe?

12 tg parma

Cantiere sotto sequestro in via Spezia Video

FIDENZA

Rifiuti, il servizio di raccolta riaffidato alla «San Donnino»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Poveri figli se i genitori rinunciano a educare

di Vittorio Testa

ASTRI

L'oroscopo 2019 segno per segno

ITALIA/MONDO

GIALLO

Italiano rapinato e ucciso in Costa Rica

TERRORISMO

Strasburgo: blitz della polizia nel quartiere di Neudorf. Operazione in corso

SPORT

calciopoli

Juve a bocca asciutta, Cassazione: lo scudetto 2005/2006 resta all'Inter

calcio

E' ufficiale: Marotta nuovo ad dell'Inter

SOCIETA'

PGN

La passerella per le spose di Asa T. da Bertinelli Foto

NATALE

I video-auguri dei bambini albini della Tanzania

MOTORI

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco