-0°

VIAGGI

Valencia, a marzo l'intera città prende fuoco per una notte

Le Fallas è un evento unico al mondo

Valencia,  a marzo l'intera città prende fuoco per una notte
Ricevi gratis le news
0

Va bene, ditelo pure: sono matti. Perché non si può pensare ad altro la prima volta che ci si trova a Valencia, in Spagna, nei giorni centrali di marzo. Quando l’intera città sembra impazzita, da mattina a sera esplodono petardi, le strade sono piene di gigantesche statue di cartapesta e tutti aspettano solo la notte del 18 marzo per bruciare ogni cosa. E c'è qualcosa di infernale in tanta allegria.

Ecco, in sintesi estrema questo è il riassunto di cosa siano le Fallas, l’evento più importante per i valenciani ed una delle esperienze più straordinarie che potrete fare nella vostra vita. E non a caso anche l’Unesco se n’è accorto e le ha inserite nei Patrimoni immateriali dell’Umanità. Ma andiamo con ordine: le Fallas si svolgono ogni anno per la festa di San Giuseppe e anche questo ha un senso. Tutto infatti iniziò nel Medioevo quando i carpentieri appendevano in inverno alle pareti delle tavole di legno chiamate "parots" per sostenere le candele che usavano per illuminare le botteghe. All'inizio della primavera questi pezzi di legno coperti di cera venivano bruciati per celebrare la fine dei duri giorni di lavoro invernali. Dopo un po’ qualcuno ha pensato bene di buttare sui “parots” anche vestiti vecchi e il risultato è che le assi hanno iniziato ad assumere forme umane prima vaghe e poi sempre più riconoscibili. E qualcuno ha cercato di farli assomigliare ai potenti di turno, almeno quelli più antipatici. Quelli furono i precursori dei "ninots" contemporanei, le enormi figure in cartone, legno, polistirolo, sughero e cartapesta che si usano oggi e che appunto, vengono dati alle fiamme nel giorno di San Giuseppe. Per arrivare al rogo però c’è un lungo percorso. Che inizia l’ultima domenica di febbraio quando viene eletta la Fallera Major, che poi è la regina della festa e si inizia la Mascletà. E anche questa va spiegata: la Mascletà è uno spettacolo pirotecnico che produce un chiasso infernale e che si ripete ogni giorno, alle 14, nella placa de l’Aiuntament. E’ una raffica di scoppi: ma ogni giorno partecipano più di 5000 persone. Intanto nelle strade sono comparse le enormi statue che vengono costruite in un'area della città chiamata "Ciutat Fallera" dove gruppi di operai e designer trascorrono mesi creando gli incredibili tableaux torreggianti. I "ninots", che sono collocati nei luoghi chiave della città, sono spesso dei lampi satirici di noti celebrità o politici. Ma hanno vita breve visto che sono destinati a diventare cenere. Prima però vengono sottoposti al giudizio del pubblico e anche qui occorre fermarsi per spiegare qualcosa. Questi gigantesche statue costano care e richiedono molta fatica: ma in ogni quartiere esiste un comitato, che si chiama Commissione fallera, che si fa carico di trovare i fondi e selezionare i volontari. Ogni commissione ne realizza due: una major e una infantil che partecipano a concorsi separati che alla fine selezionano la migliore: sarà l’unica a non bruciare e verrà «indultata» e avviata ad un museo. Le altre invece si preparano alla «Nit de Foc», la notte del fuoco. E non è un modo di dire. Le strade si riempiono di gente che fa festa e spara petardi e fuochi d’artificio. Poi, intorno alla mezzanotte del 18 marzo il cielo di valencia esplode. E per mezz’ora almeno si riempie di un incredibile show pirotecnico. Solo alla fine scatta la Cremà: tutte insieme le statue bruciano ed è uno spettacolo bellissimo e un po’ crudele. Di tutte quelle meraviglie non resta praticamente nulla e il cielo del barrio del Carmen è pieno di fumo. Tra non molte ore tornerà a sorgere il sole. E si cominceranno a costruire le statue da bruciare tra un anno.

DA SAPERE
LE CONSUETUDINI FIORI E COSTUMI
Fuochi, esplosioni e statue. Ma anche tanto colore: per le strade di Valencia, durante tutto il periodo fallero, è possibile ammirare gli abiti tradizionali che colorano tutte le persone che partecipano alla festa. Tanti si vestono per partecipare ai differenti atti ufficiali che compongono la Fallas e con il passare del tempo hanno fatto si che l'abbigliamento tipico sia diventato un altro ingrediente della della festa che ha anche un aspetto religioso: il 17 e il 18 marzo tutto il mondo della Fallas sfila in Plaza de la Virgen omaggiando con fiori la patrona, la Vergine degli Abbandonati. La sfilata di due giorni è accompagnata da 350 bande musicali. I fiori lasciati nella piazza coloreranno il disegno del mantello della Vergine, riprodotta con una grande struttura in legno nel centro della piazza.
DOVE DORMIRE CHIASSO O RIPOSO
Tutto bello, tutto folcroristico: ma se volete partecipare ecco due consigli. Il primo organizzatevi per tempo per i voli e il pernottamento, perché i prezzi lievitano molto man mano che ci si avvicina alle date finali della festa. Il secondo: se volete stare un po’ più tranquilli cercate un hotel che rimanga leggermente fuori dal centro storico per non essere continuamente disturbati da botti e gente in festa. Potreste non dormire mai.

COSA MANGIARE I SAPORI
Cma cosa si mangia surante i giorni delle Fallas? Siamo a valencia e la risposta è ovvia: la paella. Il piatto tipico di Valencia è diventato nel corso del tempo un punto di riferimento della gastronomia spagnola ma da non perdere è anche la Fideuá, un piatto tradizionale della costa che ha come ingrediente principale il "fideo" (piccolo spaghetto). La possiamo trovare di carne o fatta con verdure, ma la più gradita e la più richiesta è quella con frutti di mare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rock senza tempo: 60 anni dopo Buddy Holly torna nella Top 10 in Inghilterra

musica

Rock senza tempo: 60 anni dopo Buddy Holly torna nella Top 10 in Inghilterra

Miss Reginetta d'Italia

Foto da Facebook

fidenza

Miss Reginetta d'Italia: casting domenica con Passion model

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

musica

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

WORLD CAT

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

Lealtrenotizie

Torture e sevizie: la squadra mobile arresta 3 dominicani

SQUADRA MOBILE

"Tira fuori la droga": tre dominicani rapiscono un uomo e lo torturano a Vicofertile Video

Emergono nuovi particolari sui tre arrestati. Violenze inaudite su un connazionale per questioni legate allo spaccio

politica

Pizzarotti accusa la Lega: "Vuole tenere a Roma Imu e Tasi dei Comuni"

"Sono le risorse che le amministrazioni ricevono dai cittadini, e ai cittadini ridanno in forma di servizi alla persona"

LA SFIDA

Il miglior anolino 2018 è di "Greci". Guarda il podio e la classifica

Soragna

Installata e subito rimossa la pista di pattinaggio

Zona Montebello

Bollette non pagate, palazzo al freddo

1commento

Curiosità

Pausa caffè a Parma per Valentino Rossi e la fidanzata Francesca Sofia Novello

RUGBY

Zebre, ecco il calendario contro l'omofobia

Strasburgo

Il salsese Marco Ricorda racconta il dramma nell'Europarlamento

AUTOSTRADA

Possibile nevischio tra Fiorenzuola e Reggio in A1 e nel tratto Berceto-Pontremoli in A15

SOLIGNANO

Addio al ristoratore Giovanni Pettenati

12Tg Parma

Santa Lucia ha portato i suoi doni all'Ospedale dei Bambini Video - Gallery

FORNOVO

Galleria di Citerna: senso unico alternato anche nel fine settimana

La Provincia ha reso noto che è impossibile aprire al traffico nei due sensi, a causa dei lavori in corso

Intervista a Munari

«Sono pronto. Vorrei ancora giocare in A»

1commento

Calcio

Fidenza, tre squadre sono molte. Troppe?

12 tg parma

Cantiere sotto sequestro in via Spezia Video

FIDENZA

Rifiuti, il servizio di raccolta riaffidato alla «San Donnino»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Poveri figli se i genitori rinunciano a educare

di Vittorio Testa

ASTRI

L'oroscopo 2019 segno per segno

ITALIA/MONDO

GIALLO

Italiano rapinato e ucciso in Costa Rica

TERRORISMO

Strasburgo: blitz della polizia nel quartiere di Neudorf. Operazione in corso

SPORT

calciopoli

Juve a bocca asciutta, Cassazione: lo scudetto 2005/2006 resta all'Inter

calcio

E' ufficiale: Marotta nuovo ad dell'Inter

SOCIETA'

PGN

La passerella per le spose di Asa T. da Bertinelli Foto

NATALE

I video-auguri dei bambini albini della Tanzania

MOTORI

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco