19°

31°

VIAGGI

Valencia, a marzo l'intera città prende fuoco per una notte

Le Fallas è un evento unico al mondo

Valencia,  a marzo l'intera città prende fuoco per una notte
Ricevi gratis le news
0

Va bene, ditelo pure: sono matti. Perché non si può pensare ad altro la prima volta che ci si trova a Valencia, in Spagna, nei giorni centrali di marzo. Quando l’intera città sembra impazzita, da mattina a sera esplodono petardi, le strade sono piene di gigantesche statue di cartapesta e tutti aspettano solo la notte del 18 marzo per bruciare ogni cosa. E c'è qualcosa di infernale in tanta allegria.

Ecco, in sintesi estrema questo è il riassunto di cosa siano le Fallas, l’evento più importante per i valenciani ed una delle esperienze più straordinarie che potrete fare nella vostra vita. E non a caso anche l’Unesco se n’è accorto e le ha inserite nei Patrimoni immateriali dell’Umanità. Ma andiamo con ordine: le Fallas si svolgono ogni anno per la festa di San Giuseppe e anche questo ha un senso. Tutto infatti iniziò nel Medioevo quando i carpentieri appendevano in inverno alle pareti delle tavole di legno chiamate "parots" per sostenere le candele che usavano per illuminare le botteghe. All'inizio della primavera questi pezzi di legno coperti di cera venivano bruciati per celebrare la fine dei duri giorni di lavoro invernali. Dopo un po’ qualcuno ha pensato bene di buttare sui “parots” anche vestiti vecchi e il risultato è che le assi hanno iniziato ad assumere forme umane prima vaghe e poi sempre più riconoscibili. E qualcuno ha cercato di farli assomigliare ai potenti di turno, almeno quelli più antipatici. Quelli furono i precursori dei "ninots" contemporanei, le enormi figure in cartone, legno, polistirolo, sughero e cartapesta che si usano oggi e che appunto, vengono dati alle fiamme nel giorno di San Giuseppe. Per arrivare al rogo però c’è un lungo percorso. Che inizia l’ultima domenica di febbraio quando viene eletta la Fallera Major, che poi è la regina della festa e si inizia la Mascletà. E anche questa va spiegata: la Mascletà è uno spettacolo pirotecnico che produce un chiasso infernale e che si ripete ogni giorno, alle 14, nella placa de l’Aiuntament. E’ una raffica di scoppi: ma ogni giorno partecipano più di 5000 persone. Intanto nelle strade sono comparse le enormi statue che vengono costruite in un'area della città chiamata "Ciutat Fallera" dove gruppi di operai e designer trascorrono mesi creando gli incredibili tableaux torreggianti. I "ninots", che sono collocati nei luoghi chiave della città, sono spesso dei lampi satirici di noti celebrità o politici. Ma hanno vita breve visto che sono destinati a diventare cenere. Prima però vengono sottoposti al giudizio del pubblico e anche qui occorre fermarsi per spiegare qualcosa. Questi gigantesche statue costano care e richiedono molta fatica: ma in ogni quartiere esiste un comitato, che si chiama Commissione fallera, che si fa carico di trovare i fondi e selezionare i volontari. Ogni commissione ne realizza due: una major e una infantil che partecipano a concorsi separati che alla fine selezionano la migliore: sarà l’unica a non bruciare e verrà «indultata» e avviata ad un museo. Le altre invece si preparano alla «Nit de Foc», la notte del fuoco. E non è un modo di dire. Le strade si riempiono di gente che fa festa e spara petardi e fuochi d’artificio. Poi, intorno alla mezzanotte del 18 marzo il cielo di valencia esplode. E per mezz’ora almeno si riempie di un incredibile show pirotecnico. Solo alla fine scatta la Cremà: tutte insieme le statue bruciano ed è uno spettacolo bellissimo e un po’ crudele. Di tutte quelle meraviglie non resta praticamente nulla e il cielo del barrio del Carmen è pieno di fumo. Tra non molte ore tornerà a sorgere il sole. E si cominceranno a costruire le statue da bruciare tra un anno.

DA SAPERE
LE CONSUETUDINI FIORI E COSTUMI
Fuochi, esplosioni e statue. Ma anche tanto colore: per le strade di Valencia, durante tutto il periodo fallero, è possibile ammirare gli abiti tradizionali che colorano tutte le persone che partecipano alla festa. Tanti si vestono per partecipare ai differenti atti ufficiali che compongono la Fallas e con il passare del tempo hanno fatto si che l'abbigliamento tipico sia diventato un altro ingrediente della della festa che ha anche un aspetto religioso: il 17 e il 18 marzo tutto il mondo della Fallas sfila in Plaza de la Virgen omaggiando con fiori la patrona, la Vergine degli Abbandonati. La sfilata di due giorni è accompagnata da 350 bande musicali. I fiori lasciati nella piazza coloreranno il disegno del mantello della Vergine, riprodotta con una grande struttura in legno nel centro della piazza.
DOVE DORMIRE CHIASSO O RIPOSO
Tutto bello, tutto folcroristico: ma se volete partecipare ecco due consigli. Il primo organizzatevi per tempo per i voli e il pernottamento, perché i prezzi lievitano molto man mano che ci si avvicina alle date finali della festa. Il secondo: se volete stare un po’ più tranquilli cercate un hotel che rimanga leggermente fuori dal centro storico per non essere continuamente disturbati da botti e gente in festa. Potreste non dormire mai.

COSA MANGIARE I SAPORI
Cma cosa si mangia surante i giorni delle Fallas? Siamo a valencia e la risposta è ovvia: la paella. Il piatto tipico di Valencia è diventato nel corso del tempo un punto di riferimento della gastronomia spagnola ma da non perdere è anche la Fideuá, un piatto tradizionale della costa che ha come ingrediente principale il "fideo" (piccolo spaghetto). La possiamo trovare di carne o fatta con verdure, ma la più gradita e la più richiesta è quella con frutti di mare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

E' morta Aretha Franklin

STATI UNITI

E' morta Aretha Franklin

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Parmigiano pestato dai buttafuori della Capannina: mascella rotta

forte dei marmi

Parmigiano pestato dai buttafuori della Capannina: mascella rotta

1commento

INCHIESTA

I «nostri» ponti sul Po: vecchi e ammalati

WEEKEND

Finale della fiera a Felino, cene sull'aia e visite a castello: l'agenda del sabato

CALCIOMERCATO

Parma: Gervinho, Sprocati e Deiola gli acquisti "last minute" di Faggiano

Sfumate in extremis le trattative per Edera, Di Gennaro e Karamoh

Calcio

Tifosi, piace il nuovo Parma

Sorbolo

Addio ad Andrea Battilocchi, infermiere per passione

IL '68 A PARMA

Duomo occupato, le tre ore che sconvolsero la Chiesa parmigiana

IL CASO

Quattro decreti d'espulsione, ma rubava ancora: condannato

PANOCCHIA

La storia di Fiorello, un cavallo adottato da tutto il paese

AVEVA 59 ANNI

Annunziata Squitieri, una vita ad aiutare i più deboli

bolzano

Uccisa in albergo in Val Gardena: Zoni tace davanti al giudice. E resta in carcere

viabilità

Ponti e gallerie parmensi, Serpagli: "Per ora nessuna necessità di chiusura" La situazione

3commenti

Testimonianza

«Io e mio figlio fermi sul ponte a 50 metri dal baratro»

incidente

Precipita da impalcatura: resta gravissimo il 61enne di Roccabianca

Anteprima Gazzetta

Bruttissima serata per quattro parmigiani alla Capannina

Baseball

Il Parma batte Rimini 5-3

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Genova, il governo fa demagogia sui morti

di Domenico Cacopardo

3commenti

EDITORIALE

Ma Autostrade ha colpe molto gravi

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

COSENZA

'Ndrangheta: arrestato il boss Luigi Abbruzzese, tra i ricercati più pericolosi

PONTE MORANDI

Conte: "Al via la procedura di revoca della concessione di Autostrade"

SPORT

Calcio

L'addio di Marchisio alla Juventus Video

MOTORI

Alex Zanardi torna in pista dopo tre anni a Misano

SOCIETA'

Cantautori

E' morto Claudio Lolli, simbolo degli anni '70

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert