10°

VIAGGI

Cuma, assieme a Virgilio nell'antro della Sibilla

E' il «pezzo forte» del parco archeologico vicino a Napoli. Un luogo immerso in una natura selvaggia e con panorami unici

Cuma, assieme a Virgilio  nell'antro della Sibilla
Ricevi gratis le news
0

«Vaneggia il gran fianco dell'euboica montagna in un antro, cui cento larghi aditi guidano, cento gran porte; di là cento voci precipitano: della Sibilla i responsi». I versi sono di Virgilio, dal libro VI dell'Eneide, nella traduzione di Rosa Calzecchi Onesti. Chi va a Cuma, più che un'anonima guida, farebbe bene a mettere nello zaino proprio l'Eneide, forse il modo migliore per provare a penetrare nel mistero di questo luogo.
Lasciar perdere tutto e fare ingresso nell'antro della sibilla lasciandosi guidare (non lo ha fatto anche Dante nella Commedia?) dai versi del poeta. Del resto in questo posto Virgilio è davvero ovunque.
Il parco archeologico di Cuma, scrigno di cultura e suggestione nei comuni di Pozzuoli e Bacoli, rappresenta una tappa un po' fuori dai «soliti» circuiti turistici. Un complesso, inserito in una cornice di natura selvaggia, bruciata dal sole e vulcanica (ci si trova infatti nella zona dei Campi Flegrei) che ha nell'antro della sibilla uno dei suoi «pezzi forti». E' raggiungibile la domenica e i festivi con il Cuma Express (info su www.eavsrl.it) e negli altri giorni con la ferrovia cumana da Napoli, stazione di Montesanto, fino a Fusaro. Da lì in pochi minuti di pullman si arriva al parco archeologico. Un viaggio di mezz'ora circa, attese escluse, che catapulterà il viaggiatore, o «novello Enea», in un'atmosfera difficile da trovare altrove. L'antro è infatti una galleria artificiale di epoca greco-romana, scavata nel tufo. Al termine c'è la stanza della sibilla. La leggenda narra che fosse proprio quello il luogo in cui la sacerdotessa di Apollo vaticinava. Nell'antichità le sibille erano vergini che, in stato di trance, dispensavano appunto oracoli. Varrone ne contava dieci, ma è quella cumana, grazie a Virgilio, ad aver avuto più successo nell'immaginario collettivo.
Il poeta di origini mantovane, che visse anche a Napoli e nella città sacra alla sirena Partenope venne sepolto, visitò l'antro, come racconta Robert Brasillach in «Presenza di Virgilio», e da lì prese ispirazione, come ricordano le numerose citazioni in latino dall'Eneide sparse per tutta l'area visitabile.
La sibilla, infatti, che Virgilio stesso definisce «horrenda», dal latino spaventoso, orribile, ma anche meraviglioso e mirabile, oltre che predire il futuro al «pius» Enea, guiderà l'eroe troiano nell'oltretomba. L'antro, il cui corridoio è lungo 131 metri, è la prima meraviglia che chi entra nel parco si trova a visitare. Il sito ne offre altre tra cui la via sacra e l'acropoli, con il tempio di Giove e quello di Apollo. Si tratta di resti, brandelli, rovine. Ma, come direbbe Mishima, baluardi contro la modernità. A rendere, infine, ancora più magico questo luogo contribuisce il panorama che si può godere dal belvedere del parco, con le isole di Ischia e Procida all'orizzonte.
Non lontano c'è anche Capo Miseno, che prende il nome da un compagno di Enea, anche lui fondamentale nel libro virgiliano della sibilla, fatto annegare per aver sfidato Tritone, figlio di Poseidone, dio del mare. Quel «Miseno eolide, di cui migliore non c'era col corno a destare i guerrieri, accendere Marte sonando».

LEGGENDE
Benevento:alla scoperta della città  delle streghe
Benevento, città delle streghe. Ma, soprattutto, un luogo che vale la pena di essere visitato. Tante sono, comunque, le leggende che riguardano queste creature favolose. Una delle più suggestive è quella del Noce di Benevento. «Unguento, unguento, portami al noce di Benevento, sopra l'acqua e sopra il vento e sopra ogni altro maltempo». Lo recitavano le «janàre», le streghe locali, la notte di San Giovanni, mentre si spalmavano sulla pelle l'unguento magico che avrebbe permesso loro di volare fino al noce per il sabba. Pare che l'albero, consacrato a Odino e attorno al quale si riunivano i longobardi che dal VI secolo si erano insediati nei territori dei sanniti, si trovasse lungo la riva del fiume Sabato, assieme al Calore uno dei due corsi d'acqua che attraversano la città campana. Che in origine era Maleventum, cambiato poi dai romani nel più augurale Beneventum.
«Questa è la città dei papi (ha dato infatti i natali a diversi pontefici, ndr) e delle streghe» conferma Luigi, taxista appassionato di storia locale con un passato da rugbista nella mischia del Sannio. In questo angolo di Campania, infatti, la palla ovale è più che uno sport. Popolo di guerrieri, i sanniti diedero filo da torcere ai romani, come dimostra la celeberrima battaglia delle Forche Caudine. Ma ricordi romani ce ne sono parecchi a partire da una delle maggiori attrazioni: l'arco di Traiano, dedicato all'imperatore e terminato nel 117 d.C., «porta» di accesso al centro cittadino, o il teatro, inaugurato nel 126. In città c'è parecchio altro da vedere come la cattedrale di Santa Maria de Episcopio, la chiesa di Santa Sofia, oltre al ponte Leproso, sul fiume Sabato. Il nome affonda le radici nell'Alto Medioevo e deve la sua origine a un lebbrosario nelle vicinanze. Benevento, come scrisse Robert Brasillach, «non è soltanto la città con le sue mura, l'ombra della montagna e una strada che si inerpica: è un luogo amabile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

1commento

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

AUTOSTRADA

A1, scontro fra due camion: fino a 9 chilometri di coda tra Fidenza e Piacenza questa mattina

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

Ricerca

Imballaggi a base di cristalli e oli: il progetto anti-sprechi dell'Università di Parma

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

PGN

La nuova moda dell'uomo e la trasmissione «Prendi Nota»

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

USA

Voleva attaccare la Casa Bianca, arrestato un uomo

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

1commento

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai