Sei in Parma

Filobus in panne: tutti giù a spingere. La Tep precisa

31 maggio 2018, 12:46

Chiudi
PrevNext
1 di 0

L'autobus si ferma: tutti giù a spingere. E' successo l'altro giorno tra via Garibaldi e via Mazzini quando un filobus della linea 1, senza motore ausiliario, è rimasto in panne (a quanto pare si sono staccati i fili): così passeggeri e passanti si sono prodigati per spingere il mezzo. 

La precisazione di Tep

Interveniamo sulla fotonotizia del filobus fermo all’incrocio tra via Mazzini e via Garibaldi con alcune precisazioni che riteniamo importanti, stante l’idea, che da più parti sembra si voglia far passare, che il parco autobus di TEP sia scarsamente manutenuto. Per quanto riguarda il filobus in questione, c’è stato un blocco del reggitrolley, fattispecie abbastanza tipica per questo tipo di vetture. Poiché l’asta non toccava più la linea aerea, si è interrotta l’alimentazione elettrica. La squadra di manutenzione è intervenuta nel giro di 15 minuti, sostituendo il reggitrolley sul posto e riavviando la corsa del filobus rapidamente. Il mezzo, tuttavia, si era fermato all’incrocio tra via Mazzini e via Garibaldi e la sua permanenza in questa posizione avrebbe potuto intralciare il traffico, specie quello dei mezzi pubblici. Onde evitare disservizi e ritardi per i passeggeri in viaggio a quell’ora, il personale presente sul posto ha spinto il filobus indietro di un paio di metri. Le persone ritratte nella foto, infatti sono quasi tutti dipendenti TEP (direttore compreso), fatta eccezione per due cittadini che con spirito di collaborazione hanno voluto dare una mano. Degli altri guasti riportati nella fotonotizia (un vano batteria che si è aperto e una sospensione che si è sgonfiata) non vi è traccia tra quelli registrati in questi giorni. Riteniamo che l’articolo possa far riferimento a due guasti abbastanza banali avvenuti nel 2017, già ampiamente spiegati e chiariti sia a favore di cronaca che in tutte le sedi opportune. Non riteniamo pertanto di dover aggiungere nulla, salvo smentire che sia un fatto di questi giorni, come può sembrare invece leggendo la notizia pubblicata. Un’ultima cosa, invece, vorremmo precisarla. TEP è un’azienda che trasporta persone e che fa viaggiare i mezzi pubblici. Abbiamo oltre 300 bus su strada, in servizio 7 giorni su 7 dalle 6.30 alle 20.00, vetture che percorrono 40.000 km al giorno: un giro del mondo tutti i giorni! I nostri mezzi sono sottoposti ad un numero di sollecitazioni superiori a quelle sopportate da qualsiasi altro veicolo (fermate e ripartenze continue, dossi, alimentazione di apparecchiature elettroniche, dispositivi di sicurezza ecc.). Guasti come quello fotografato o come gli altri citati fanno parte gestione ordinaria di un’azienda di trasporto pubblico e si verificano almeno una decina di volte al giorno, a Parma così come nelle migliori realtà del trasporto pubblico d’Europa e del mondo. E questo nonostante un investimento in manutenzione che per TEP supera i 4 milioni di euro annui. Anche l’automobile più manutenuta occasionalmente si guasta o si ferma, senza che ciò sia imputabile a disattenzione o negligenza del proprietario. Lo stesso accade per gli autobus, qui e ovunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA