Sei in Parma

polemica

"Street food" al Parco Ducale: un altro coro di "no"

Contrari Roberti, Ada onlus e Bertogalli

10 maggio 2019, 17:00

Prima erano intervenuti Legambiente e l' Ordine degli Architetti di Parma. Ora si allarga il coro di "no" alla scelta del Parco ducale per ospitare lo "Street food Festival", che debutterà proprio stasera . "Le foto scattate durante i lavori di allestimento (una è quella che vi mostriamo, ndr.)parlano da sole, con centraline elettriche, cavi, cassonetti appoggiati o sopra le radici dei platani di Maria Luigia. Arriveranno anche camion, rumore e tanta gente - commenta Ada onlus - La manifestazione è importante e piacevole, utile per il commercio e gradita al pubblico, ma si sarebbe potuta trovare un' altra sede più coerente anche rispetto al nome e alle caratteristiche dell' iniziativa".

"Nell’art.32 del Regolamento comunale del Verde è esplicitata come dovere dal Comune la tutela “delle caratteristiche peculiari strutturali e morfologiche” del Parco Ducale,   tanto che è fatto divieto di consumarvi bevande  e cibo al di fuori dell’area gestita dal chiosco di ristoro; che lo stesso art.32 del Regolamento del Verde esplicita che il Parco Ducale “è come tale definito e normato secondo i principi espressi dalla carta dei giardini storici detta “Carta di Firenze”. Tale carta all’art. 19 recita: “Per natura e per vocazione, il giardino storico è un luogo tranquillo che favorisce il contatto, il silenzio e l'ascolto della natura. Questo approccio quotidiano deve essere in opposizione con l’uso eccezionale del giardino storico come luogo di feste. Conviene allora definire le condizioni di visita dei giardini storici cosicché la festa, accolta eccezionalmente, possa esaltare lo spettacolo del giardino e non snaturarlo o degradarlo”;  che di recente il Comune ha salutato con orgoglio il riconoscimento in pubblicazioni di rilievo del Parco Ducale come parco monumentale che ha 500 anni di storia. Ho pertanto depositato un'interrogazione volta a chiarire   per quale ragione si sia scelto di concedere il Parco Ducale come sede per lo svolgimento dello Street Food Festival, che tra l’altro dovrebbe svolgersi, come recita il nome stesso, per le strade delle città, non fra alberi secolari e all’interno di un giardino storico", spiega in una nota la consigliera di minoranza Roberta Roberti. 

E della scelta dell'Amministrazione comunale parla anche la candidata dei Verdi alle Europee Chiara Bertogalli: "“Apprezzo l'iniziativa del Comune di Parma di sensibilizzare i cittadini sull'urgenza di contrastare il cambiamento climatico e tagliare di netto le emissioni usando una grande accetta simbolica. Il messaggio sarebbe però più forte e credibile se il Comune e il Sindaco, che per alcuni mesi si è promosso come Verde salvo poi ripensarci, facessero seguire alle parole e alle manifestazioni simboliche i fatti". Un esempio citato dalla Bertogalli: "Smetta di trattare il Parco Ducale come un parco giochi. La presenza invasiva dei truck food è una pessima scelta, che svilisce la natura del parco."

© RIPRODUZIONE RISERVATA